lunedì 17 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Nuovo allarme Covid negli Usa, Biden fa dietrofront sull’abolizione delle mascherine

HomeCovid 19Nuovo allarme Covid negli Usa, Biden fa dietrofront sull'abolizione delle mascherine

Anche Biden (dopo Boris Johnson) fa marcia indietro e sospende il “liberi tutti” che aveva previsto in un eccesso di fiducia, soprattutto alla luce degli ultimi dati sulla “Variante Delta”.
E’ anzi un vero e proprio allarme Covid in Usa con i nuovi casi triplicati in due settimane.
Non solo non sono state abolite le mascherine, quindi, ma torna l’allarme Covid negli Stati Uniti.
Un boom dei casi che negli ultimi giorni non ha risparmiato un funzionario della Casa Bianca e un membro dello staff della speaker della Camera Nancy Pelosi, alimentando i timori di nuovi focolai all’interno dei palazzi delle istituzioni.
E la preoccupazione è talmente tanta che l’amministrazione guidata da Joe Biden, in una sorta di retromarcia, potrebbe clamorosamente rivedere nelle prossime ore o nei prossimi giorni le linee guida sull’uso delle mascherine, raccomandandone nuovamente l’obbligatorietà in diversi casi, anche per i vaccinati.

Gli ultimi numeri sulla diffusione del virus nella gran parte degli Stati Usa sono da far tremare i polsi.
I casi sono più che triplicati in sole due settimane, con un aumento considerevole delle ospedalizzazioni (quasi raddoppiate) e una nuova impennata del numero di decessi, una media di 250 al giorno.
Nel dettaglio, secondo la banca dati della Johns Hopkins Univeristy, la media dei nuovi contagi giornalieri è salita dai 13.700 dello scorso 6 luglio agli oltre 37.000 del 20 luglio.
Oltre l’80% riguarda la contagiosissima variante Delta.
Cifre e percentuali confermate dalle rilevazioni giornaliere fatte anche da altre istituzioni e dai media come il New York Times.
A peggiorare il quadro di una situazione che in Usa appare chiaramente in via di deterioramento c’è poi lo stallo del tasso di vaccinazione, con l’America oramai superata dall’Europa per numero di persone che hanno ricevuto almeno una dose.
Il numero degli americani che sono stati vaccinati nelle ultime due settimane è invece calato, e poco più del 55% della popolazione ha ricevuto almeno una dose, una percentuale ancora ben lontana da quel 70% che Biden aveva indicato come obiettivo da raggiungere entro lo scorso 4 luglio.

“In questa fase siamo di fronte a una pandemia dei non vaccinati, si ammala chi non si vaccina”, ha denunciato il presidente americano, cercando di difendersi da chi lo critica per aver cantato troppo presto vittoria, e aver affermato appena un mese fa che il virus era ormai in ritirata.
“Se siete vaccinati non correte il rischio di essere ospedalizzati o di finire nel reparto di rianimazione o di morire”, ha insistito Biden, rinnovando l’appello a combattere la cultura no vax e quella cospirazionista, ma anche dubbi e scetticismi che stanno impedendo di procedere speditamente verso l’obiettivo della immunità di gregge.

Intanto in queste ore alla Casa Bianca si sta discutendo sulla possibilità di ripristinare un uso delle mascherine su larga scala.
A tal proposito i vertici e gli esperti dei Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), la massima autorità sanitaria federale, sono già al lavoro per valutare la messa a punto di nuove linee guida ed emanare nuove raccomandazioni.

Come quella sostenuta dal presidente americano di far indossare le mascherine nelle scuole a tutti gli alunni sotto i 12 anni.
Al momento l’uso delle mascherine negli Usa non è più richiesto per i vaccinati a eccezione di coloro che salgono sui mezzi pubblici.
Nella speranza di accelerare nuovamente sulle vaccinazioni e di convincere molti degli indecisi, Biden ha infine assicurato che entro il prossimo autunno arriverà da parte della Food and Drugs Administration (Fda) il via libera definitivo ai vaccini, finora utilizzati solo grazie ad un’approvazione per uso d’emergenza

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?