martedì 25 Gennaio 2022
7.6 C
Venezia

Nuova variante Omicron, primo caso in Europa. Von der Leyen: “fa paura”

Homenuova varianteNuova variante Omicron, primo caso in Europa. Von der Leyen: "fa paura"

Nuova variante Omicron, dal Sudafrica il primo caso arriva in Europa.
L’Europa – già stretta nella morsa dell’aumento dei contagi – si trova anche ad aver a che fare con Omicron, la nuova variante del Coronavirus proveniente dal Sudafrica, più facilmente trasmissibile, che potrebbe bucare lo scudo dei vaccini.

In Belgio il primo caso. Anche Israele ne registra uno.
E’ “preoccupante”, avverte l’Oms. “Fa paura”, dice la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen.
Ed il Vecchio Continente prova a blindarsi con lo stop ai voli dall’Africa australe.

Omicron spaventa anche i mercati finanziari mondiali.
In Europa calo del 3,7% dell’indice Stoxx 600 che raggruppa i principali titoli quotati: un ribasso che equivale a circa 390 miliardi di capitalizzazione ‘bruciati’ in una sola seduta.
Wall Street ha chiuso col peggiore ‘black friday’ della storia.

La Nuova variante Omicron, che ha il suo nome tecnico in B.1.1.529, è stata segnalata per la prima volta dall’Oms in Sudafrica il 24 novembre ed “ha un gran numero di mutazioni, alcun delle quali preoccupanti”, segnala il gruppo di esperti dell’Organizzazione mondiale per la sanità incaricato di monitorare l’evoluzione della pandemia.

La novità è seguita con attenzione anche dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), secondo cui essa potrebbe essere associata ad una trasmissibilità molto elevata e ad un indebolimento dell’azione dei vaccini ma non a un’infezione più grave.

Per il National institute for communicable diseases sudafricano, “una parziale elusione della risposta immunitaria è probabile, ma è altrettanto probabile che i vaccini offriranno ancora alti livelli di protezione contro il ricovero e la morte”.

Per ora le informazioni su Omicron sono preliminari, ma sono bastate per far salire l’allarme in tutto il mondo.
“Sappiamo – ha detto Ursula von der Leyen – che le mutazioni si possono propagare in tutto il mondo in pochi mesi. E’ importante che l’Europa si muova velocemente e in modo compatto. Ho proposto agli Stati membri di attivare il freno d’emergenza per limitare la diffusione della nuova variante con la sospensione di tutti i voli dall’Africa australe fino a quando non avremo una chiara comprensione della gravità della variante”.

Stop, dunque, ai collegamenti dei 27 Stati Ue con sette Paesi: Botswana, Swaziland, Lesotho, Mozambico, Namibia (in questo Paese solo l’11,6% della popolazione è vaccinato e 230mila vaccini potrebbero essere distrutti perché in scadenza), Sudafrica, Zimbabwe.

Con una circolare del ministro della Salute, Roberto Speranza, l’Italia aveva già in mattinata disposto il blocco ed una decisione analoga la stanno valutando anche gli Usa.
Bloccati in albergo a Città del Capo africano i giocatori e lo staff delle Zebre Rugby, squadra di base a Parma che partecipava ad un torneo.

In Belgio il caso di variante ha riguardato una giovane donna che ha sviluppato i sintomi 11 giorni dopo aver viaggiato in Egitto attraverso la Turchia. Non aveva alcun collegamento con il Sudafrica o con qualsiasi altro paese del sud del continente africano.
La paziente aveva una carica virale elevata al momento della diagnosi. Non era vaccinata, né era stata infettata in passato.

Il Paese ha deciso una nuova stretta con la chiusura dei ristoranti alle 23 e lo stop alle discoteche.
Più severo il giro di vite della vicina Olanda: “a partire da domenica, i Paesi Bassi saranno di fatto chiusi tra le 17 e le 5”, ha annunciato il premier Mark Rutte.

Sull’efficacia dei vaccini contro Omicron si dovranno attendere gli studi attivati.
Pfizer conta di avere i primi risultati entro due settimane e comunque, ha assicurato l’azienda, “nel caso in cui emerga una variante del virus SasrCoV2 che sfugga al vaccino, Pfizer e BioNTech prevedono di essere in grado di sviluppare e produrre un vaccino su misura contro quella variante in circa 100 giorni, previa approvazione normativa”.

Ed i titoli di Pfizer e Moderna oggi hanno fatto un balzo in Borsa. Mentre Stefano Fassina (LeU) e Giulia Grillo (M5S) chiedono la sospensione dei brevetti. Anche l’Italia sta monitorando la nuova variante: lo Spallanzani di Roma ha costituito una task force apposita. Il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, ha spiegato che “la Delta è quella circolante oggi nel nostro Paese in maniera quasi esclusiva, mentre per la variante Delta plus i numeri sono abbastanza contenuti. Ad oggi le sequenze della variante isolata in Sudafrica non sono state riportate nel data base nazionale”.

continua a leggere dopo la pubblicità

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...

Cognato circuisce ragazzina di 12 anni con regali e ne approfitta sessualmente, Tribunale di Venezia: niente patteggiamento

Ha abusato sessualmente di una ragazzina di 12 anni. Il responsabile è il cognato che di anni ne aveva ben più di trenta. Ne ha abusato ripetutamente ammaliandola con regali e regalini per confonderla. Finché la scuola si è accorta che...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott.ssa è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv

Laddove non si convince, si scatena la creatività e il far da sé. Barche private, iniziative dovunque, social scatenati, soprattutto tra chi vive nelle isole e deve recarsi al lavoro o accompagnare i figli a scuola: ognuno si organizza a modo...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...