Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
3.2C
Venezia
giovedì 04 Marzo 2021
HomeCronacaNuova indagata: la telefonista di Gabriele. Intanto soldi falsi indicano un altro omicidio

Nuova indagata: la telefonista di Gabriele. Intanto soldi falsi indicano un altro omicidio

Nuova indagata: la telefonista di Gabriele. Intanto soldi falsi indicano un altro omicidio

L’omicidio di Gloria Rosboch, l’insegnante di Castellamonte (Torino) uccisa lo scorso 13 gennaio e poi gettata nella vasca di una ex discarica, dove è stata ritrovata venerdì scorso, sta diventando un giallo che si svela un po’ alla volta, una puntata al giorno. La nuova puntata di oggi parla di una donna entrata prepotentemente nelle indagini.
La donna è la nuova indagata nell’inchiesta per la truffa da 187mila euro ai danni di Gloria Rosboch.

La telefonista di Gabriele Defilippi, in pratica, la donna che finse di essere una direttrice di banca per spingere la professoressa Gloria a consegnare al suo ex allievo tutti i suoi risparmi, 187 mila euro, è da ieri indagata per concorso in truffa. La donna, al termine di quasi quattro ore di interrogatorio condotto dal procuratore di Ivrea, Giuseppe Ferrando, è uscita dal Palazzo di giustizia nascondendosi sotto il sedile del fuoristrada del suo avvocato, Ferdinando Ferrero. Sarebbe una cameriera di 44 anni di Castellamonte, ma la Procura non ha voluto ancora dare il suo nome e cognome

Si tratta della donna, che, fingendosi impiegata di banca, telefonò alla professoressa per convincerla della validità dell’investimento che le aveva proposto Gabriele Defilippi, l’ex allievo in carcere per il suo omicidio.

La nuova indagata, assistita dall’avvocato Ferrero, è stata interrogata due volte in due giorni: prima dai carabinieri, poi in procura a Ivrea. E’ indagata a piede libero nel procedimento penale per la maxi truffa, mentre non è coinvolta nell’inchiesta per l’omicidio.

L’esistenza della presunta complice smaschera l’ennesima bugia di Defilippi, che al suo legale, l’avvocato Pierfranco Bertolino, ha riferito – ma senza essere stati trovati riscontri – di avere tentato il suicidio nel carcere di Torino, dove è rinchiuso nel repartino psichiatrico guardato a vista dalla polizia penitenziaria.

Gabriele Defilippi, numerosi profili su Facebook e la passione per i travestimenti, davanti al gip Marianna Tiseo aveva negato l’esistenza della telefonista. “Quella chiamata – sostenne – l’ho fatta io falsando la voce. E’ stato Roberto Obert (il suo complice-amante arrestato anche lui per l’omicidio con la madre del ragazzo, Caterina Abbattista – ndr) a dirmi che bisognava rendere credibile la questione…”.

Il denaro della professoressa, intanto, ancora non si trova. Accertato che non si trovavano nella cassetta di sicurezza di Obert come aveva raccontato Defilippi, tra le ipotesi investigative che si stanno facendo largo c’è quella che il giovane li abbia spesi tutti al casinò. Per questa ragione i carabinieri stanno effettuando accertamenti nelle sale da gioco del nord Italia e della Costa Azzurra. Alcuni testimoni avrebbero infatti riferito di avere visto Defilippi giocare anche mille euro a puntata.

Il giallo, comunque, non ha ancora un quadro completo. La pistola, ad esempio, spuntata fuori inaspettatamente con le banconote con la scritta fac-simile. L’arma sarebbe stata consegnata da Defilippi a Obert, che nel corso degli interrogatori ha sostenuto di averla sotterrata in un bosco a Rocca Canavese. “Era una semiautomatica, i proiettili erano simili a quelli in uso alle forze di polizia. Gabriele me l’aveva fatta vedere per vantarsi, poi me la consegnò il 14 gennaio”, ovvero il giorno dopo l’omicidio dell’insegnante di Castellamonte. In quell’incontro, oltre alla pistola, Defilippi consegnò a Obert anche “una busta – ha sostenuto – piena di banconote false. Le ho bruciate”.

Pistola e soldi finti rimandano ad un altro omicidio avvenuto nel Canavese, quello di Pierpaolo Pomatto, pregiudicato di 66 anni giustiziato lo scorso 19 gennaio con un colpo di pistola – arma mai ritrovata – e abbandonato in mezzo a banconote fac-simile. Per questo delitto lo scorso 15 febbraio è stato arrestato un pregiudicato di 55 anni. Al momento l’ipotesi di un collegamento tra l’omicidio e il caso Rosboch non trova però alcun riscontro investigativo.

Mario Nascimbeni
26/02/2016

(cod telefodotru)

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...