29.5 C
Venezia
sabato 24 Luglio 2021

No Dad a Venezia: “Riaprire subito le scuole”. Tensioni tra no mask e polizia

HomeProteste e ComitatiNo Dad a Venezia: "Riaprire subito le scuole". Tensioni tra no mask e polizia

No Dad a Venezia. Nel piazzale della stazione di Santa Lucia questa mattina si è svolta la manifestazione per la riapertura delle scuole e contro la Dad (Didattica a distanza).
Un flash mob di protesta in laguna che ha visto la partecipazione di oltre 300 persone tra adulti e bambini, cioè genitori e figli, con striscioni e cartelli colorati per chiedere la riapertura immediata degli istituti scolastici, anche in zona rossa.
“Non ce la fanno più i bambini a stare davanti al computer – spiega una madre – e non ce la fanno più i genitori a tenerli in casa, senza contare che in alcune famiglie fortunatamente si lavora ancora e non tutti hanno la fortuna di avere i nonni baby-sitter”.
I genitori veneziani si sono dati appuntamento a Santa Lucia e hanno realizzato un grande cerchio con messaggi contro la didattica a distanza: “Non è ammissibile assolutamente che le scuole siano chiuse” i messaggi al megafono “La scuola è un diritto per i nostri figli” e ancora “dobbiamo tornare a scuola subito”.

Tanti i cartelli esposti durante la manifestazione, con messaggi del tipo “I nostri figli chiusi a casa da soli si stanno spegnendo”, ed anche “La scuola vera è al 100% in presenza” e ancora “Chi vuole la Dad non è connesso”, fino a “Dad: non didattica a distanza, ma distruzione a distanza”.
Oltre a manifesti e striscioni, anche magliette con gli stessi messaggi e per garantire il distanziamento sociale. Le mamme, i papà e i bambini hanno poi realizzato un grande cerchio nel piazzale, un girotondo lanciando lo slogan: “Giù le mani dalla scuola! E mai più dad”.

Mentre era in corso la manifestazione pacifica dei genitori nel piazzale Santa Lucia, a poca distanza, sul ponte degli Scalzi, vi sono stati alcuni momenti di tensione con le forze dell’ordine per la presenza dei “No mask” che senza mascherine e autocertificazione hanno sfidato gli agenti di polizia.
Circa 30 persone, perlopiù di origine straniera, volevano fare una sorta di “passeggiata” in barba alle misure per l’emergenza sanitaria da coronavirus e le restrizioni.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

3 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.