Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
17C
Venezia
venerdì 26 Febbraio 2021
HomesocietàNeonata morta gettata nei rifiuti: risposte dal DNA

Neonata morta gettata nei rifiuti: risposte dal DNA

Tunisino spaccia nel parco dove giocano i bambini. Arrestato
Forse era una bambina quel corpicino straziato tra i rifiuti. E’ venuta al mondo, ma la luce non l’ha vista. Con il cordoncino ombelicale ancora visibile tagliato dal corpo della madre, è stata deposta dentro un sacchetto. E poi abbandonata, gettata via. A scoprire il suo povero corpo, un operaio della ditta Ecopatè, durante i controlli per la raccolta differenziata, che atterrito e sotto shock, ha chiesto aiuto.

I particolati sulle tecniche, il funzionamento dei macchinari automatici che macerano i rifiuti, li deponiamo e li affidiamo all’analisi dei Carabinieri della Compagnia di San Donà che si stanno occupando delle indagini insieme ai Militari di Mestre, ai Ris di Parma e ai Noe di Marghera, per rintracciare il luogo, la provenienza dell’abbandono, anche se l’accertamento presenta oggettive difficoltà.

L’azienda Ecopatè riceve immondizie da molte città del Veneto, dell’Emilia Romagna e del Friuli Venezia Giulia, risalire al ‘dove’ sarà compito degli investigatori. Per ora il corpicino della bambina è stato affidato al reparto di medicina legale dell’ospedale di San Donà: autopsia ed esame del DNA per tentare di comprendere la triste dinamica di quel che è successo.

Nebbia fitta e poi il buio solo al pensiero di questo tremendo abbandono, ogni ipotesi sembra fuori luogo, ogni giudizio inopportuno. Sale l’angoscia e la pietà per quella neonata che gli occhi non riescono a fissare, per una vicenda che ha visto mani adulte riporla tra i rifiuti.

Quel che è accaduto è troppo grande e amaro per essere degnamente raccontato, un enorme buco nero dove l’umanità ha ceduto il posto all’orrore, che nessuna lacrima a posteriori potrà lavare. Eppur si deve, si deve rivolgere lo sguardo verso chi ha potuto compiere un gesto tanto efferato e definitivo.

Non è compito della cronaca formulare ipotesi, ma dietro alla tragedia non sappiamo quel che si cela. Forse altre sciagure a cui dare respiro e parola, per restituire alla bambina il diritto di un nome.

Andreina Corso

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Strangola il figlio di due anni e si suicida. Tragedia nel Trevigiano

Strangola il figlio di due anni e si suicida. Una tragedia esplode nel pomeriggio del sabato nella provincia di Treviso. Un padre di 43 anni...

Weekend, anche a Venezia assembramenti: ribellione o disinteresse?

Nonostante le prevedibili reazioni dei commentatori da social ("Fanno bene...", "Siamo stufi...", ecc..) che arriveranno, chi si occupa di cronaca non può tacere quanto...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Fuoco al ristorante cinese di San Marco. E’ la seconda volta in 3 giorni

Fuoco al ristorante cinese di San Marco. E' la seconda volta in 3 giorni che intervengono i vigili del fuoco nel ristorante cinese "Il...

Delfino spiaggiato a Sottomarina. Una rete da pesca nella laringe

Delfino spiaggiato a Sottomarina (Venezia): è il primo caso dell’anno sul litorale veneto. Una rete da pesca ritrovata nella laringe di un tursiope da parte degli esperti dell’Università di Padova.

Chiuso profilo TikTok di donna che sfidava a soffocarsi, aveva 700mila follower

Chiuso profilo TikTok di una donna che "istigava al suicidio". Si tratta del profilo Tik Tok di una influencer con circa 700.000 follower. Il provvedimento...
spot

Coronavirus Venezia, numeri tornano oltre 100 nuovi casi in 24 ore

Coronavirus a Venezia e provincia che si mantiene in una situazione stazionaria nonostante il leggero aumento dei 'nuovi casi' dopo la tendenza positiva degli...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.