0.8 C
Venezia
mercoledì 20 Gennaio 2021

Negazionisti Venezia: tra mamme che raccolgono firme e ragazzi che sputano in classe

Home Scuola Negazionisti Venezia: tra mamme che raccolgono firme e ragazzi che sputano in classe
sponsor

sponsor

Venezia e i negazionisti (termine orribile ormai entrato nell’uso comune, ma che in origine aveva ben altro significato): raccolta firme delle mamme perché i bambini in classe debbano stare senza le mascherine. Intanto, all’interno delle sezioni, scoppiano tafferugli che spesso non arrivano nemmeno all’attenzione di tutti i genitori per quella tipica tendenza adolescenziale a non raccontare nulla a casa.
“Com’è andata a scuola?”, “Tutto bene”.
Nel frattempo l’appello corre via gruppi whatsapp e le adesioni con firma raccolgono ogni tipo di consenso. Per primo c’è quello convinto che sposa in toto la causa. Poi c’è quello che ascolta e che magari si fa convincere. Infine c’è quello che non sarebbe affatto convinto della bontà della posizione da sposare ma siccome chi ne parla è l’amica di sempre, a cui si fa fatica di dire di no, si aderisce per non contrariare l’energia della conoscente.
Queste le tre situazioni tipo tra le altre mamme vengono sensibilizzate a raccogliere l’appello.
Le altre cercano di non partecipare nemmeno alla discussione, possibilmente non scrivendo neanche in Whatsapp, se proprio non costrette, per non entrare in un argomento così spinoso che pare urtare sensibilità molto acuite.
E’ grande il rischio di inimicarsi altre mamme

commercial

con cui si dovranno, bene o male, ancora condividere mesi o anni di convivenza scolastica. Poi si racconta di signore che fanno gruppo tra loro, che magari ti indicano, ti isolano, in una dinamica di gruppo quasi liceale che non è affatto semplice da affrontare in questa società.
In questi casi è da tenere presente che la forza di alcuni atteggiamenti negazionisti è tale per cui essi stessi cercano di soverchiare quella stessa libertà di pensiero di cui viene denunciata la mancanza. Un ossimoro.
Il fatto, comunque, è questo.
A Venezia ci sono mamme che stanno raccogliendo firme perché non è giusto che il loro figlio sia costretto ad indossare la mascherina in classe.
La logica di questa maniera di vedere la cosa: in una situazione statica, in una posizione stabile di seduta al banco, non c’è ‘contatto ravvicinato’, non vi sarebbe alcun pericolo di contagio, quindi

la mascherina non serve.
Anzi, si creerebbe un danno in quanto il bambino ne soffrirebbe i disagi per essere costretto ad indossarla per motivi di respirazione e via dicendo.
Poco conta che nella stessa scuola (alla quale appartiene il genitore con cui stiamo parlando), si sia già verificato un caso di positività e che un’intera classe sia stata chiusa e posta in quarantena sebbene la precauzione delle mascherine fosse già vigente.
E’ il principio che conta, e secondo questa scuola di pensiero le mamme del gruppo sostengono che le maschere in classe non devono essere obbligatorie.
I punti di adesione, dove depositare la firma in favore di tale atteggiamento, sono veramente molteplici e diffusi in città proprio per agevolarne il massimo sostegno pubblico.
Segno che questo orientamento risulta evidentemente favorevole anche a molti commercianti ed esercenti che ne ospitano il registro per le firme. A meno che anche questo sostegno non sia provocato,

in qualche misura, da motivi di amicalità.
In ogni caso, va segnalato che i risvolti della propaganda di opinione non si mantengono però sempre entro toni contenuti come dovrebbero.
Si racconta, infatti, che nella stessa classe vi siano due ragazzi, figli dell’orientamento dei genitori di cui sopra, che spesso si abbassano le mascherine durante le lezioni, anche con fare da sbruffoni, probabilmente forti delle tesi rafforzative che sentono discusse in casa.
Quando poi succede che siano i professori ad accorgersi e a chiedere di ricollocarla come dovuto, i protagonisti assecondano la richiesta fino al primo momento possibile in cui, non visti, la possono riabbassare di nuovo.
Quando sono invece compagne e compagni di classe a deplorare questo comportamento, uscirebbe il bulletto che è in loro tanto che, con fare aggressivo, i ragazzini reagiscono contro i compagni

che li esortano a tenere le mascherine durante le lezioni.
L’ultimo episodio recente avrebbe visto i due ragazzini sputare contro i compagni durante la discussione.
Le mamme dei due, appreso il fatto, si sono rivolte alle altre genitrici per avere spiegazioni sul comportamento del gruppo con i relativi figli introducendo addirittura il discorso del bullismo contro i “disobbedienti”, che sono gli autori degli sputi, in realtà.
Questo, se vogliamo, è il vero allarme del momento. Se non educate, o peggio, se educate così presto alla rivolta sociale con atteggiamenti aggressivi, le giovani menti in fase di formazione possono creare situazioni ben più dannose dell’uso di una mascherina.

(foto da archivio. Articolo 17/11/2020 coronavirus/covid mascherine nelle scuole veneziane)

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

Covid, ultime notizie e aggiornamentiVaccino obbligatorioConcorso Letterario

sponsor

4 persone hanno commentato

  1. E’ facile parlare ed etichettare di negazionismo senza portare numeri e dati certi e certificati. Mio figlio deve, e ribadisco il deve abbassarsi la mascherina il più possibile in classe, perché la mascherina peggiora il suo broncospasmo allergico, quindi mi chiedo se sia giusto sacrificare la sua salute obbligandolo a tenere per 7.5 ore al giorno perché 1/2 h può abbassarla in mensa per mangiare, piuttosto di valutare e bilanciare oggettivamente i pro e contro dell’uso della mascherina se le distanze fossero meno di 1 mt (e premetto che al minimo sentore di malessere lo tengo a casa come prevenzione e tutela di tutti).

    • Con il Covid, il broncospasmo di suo figlio migliorerebbe o peggiorerebbe?
      Se tutti i ragazzi che circondano suo figlio portano correttamente la mascherina, suo figlio avrà maggiori o minori probabilità di essere contagiato?
      Si chiede a tutti di rispettare queste regole anche e soprattutto per proteggere le persone che hanno altre fragilità: sono un padre anche io e non mi fa piacere vedere i ragazzi con le mascherine. Ma so anche che per il loro bene e che sono più i rischi che si corrono con la mascherina che senza.

  2. Ma il bambino positivo in classe del quale racconta nel suo articolo,… dov’è la certezza che questo bambino abbia contratto il virus a scuola dove sono distanziati e sorvegliati, e non fuori con i suoi amici in campo, o stivato in qualche mezzo pubblico strapieno dove è impossibile mantenere il distanziamento e l’igiene e scarsa. Come si fa a dare la colpa al unico posto dove sono distanziati e le linee guida vengono seguite alla lettera e dove non passano che una parte minore della giornata?

    • Signora Linda, il punto non è dove sia entrato a contatto con il virus, ma che senza mascherina la diffusione diventa esponenziale.

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando...

Venezia rialza la testa: si girano tre film

Venezia rialza la testa, al via le produzioni cinematografiche in città. Ciak, si gira. La laguna vuota e semideserta diventa un...

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo. Ultima ora

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo domani. La norma è contenuta nella bozza del nuovo Dpcm. Via libera a crociere navi italiane. Le...

Mestre, sabato ore 18: centinaia per lo spritz senza mascherina [video]. Lettere

Mestre, sabato sera: poche ore fa. Il video parla da solo. La segnalazione del lettore questa volta produce le prove incontrovertibili di come (alcuni) giovani se...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...
commercial

Coronavirus a Venezia arretra. Addio a madre e figlio di Cavallino-Treporti

Coronavirus a Venezia che mostra un arretramento, come un'onda di marea che si ritrae, sperando definitivamente. 135 nuovi casi in 24 ore: un numero significativo,...

Accumulatore scomparso, lo trovano morto sotto metri di abbigliamento

Accumulatore scomparso da giorni, i pompieri lo trovano morto sotto alcuni metri di abbigliamento. Oggi pomeriggio, venerdì 15 gennaio 2021, i vigili del fuoco sono...

È morta Gina Smerghetto, la mamma del falconiere Ivan Busso

È morta ieri, venerdì 15 gennaio, Gina Smerghetto di 65 anni. È scomparsa poco prima della celebrazione del funerale del figlio Ivan Busso, il...

Donna dimessa a piedi dal pronto soccorso di notte (poi morta), Lihard: verificare responsabilità

Il Movimento per la difesa della Sanità Pubblica Veneziana è venuto a conoscenza della dolorosa trafila, conclusasi tragicamente, di una signora colta da malore...

Venezia deserta per il Covid, ecco Rialto di domenica [VIDEO]

Venezia deserta per il Covid, con un video vi mostriamo la zona di Rialto oggi pomeriggio, domenica 17 gennaio 2021. Sono immagini tristi e nel...

La Milano bene trema: abusi su modelle minorenni, tre manager della moda in manette

Abusi su modelle minorenni, una vittima, "eravamo carne da macello". Anche clienti facoltosi tra gli "incontri". La più giovane è del 2004, ha solo 17...
sponsor

Baby Gang in tram, Sambo: “Dov’è finito il piano educativo?”. Lettere

Baby Gang in tram. (Riceviamo e pubblichiamo). Ieri è andato in scena l'ennesimo episodio di violenza ad opera di adolescenti. Gli adulti, in particolare quegli adulti che...

Venezia surreale per il covid. La basilica di San Marco diventa “faro”

Di Giorgia Pradolin E' un meraviglioso set a luci spente Piazza San Marco. Vuota e immersa nel silenzio, tranne l'eco di qualche passo sui masegni,...

Operazione ‘Onda Lunga’: alberghi e appartamenti a Venezia con traffici dei ‘Permessi di Soggiorno’

Operazione 'Onda Lunga' della Divisione Anticrimine della Questura di Venezia: sequestri per oltre un milione di euro. Nella mattinata di oggi si è infatti svolta...

Multe e denunce dopo le verifiche alle oltre 10.000 autocertificazioni in aeroporto a Venezia

Multe e denunce penali dopo che gli agenti hanno svolto le opportune verifiche alle oltre 10.000 autocertificazioni all'aeroporto Marco Polo di Venezia, e sono...

Mestre: all’esame di guida manda l’amico, tanto è nigeriano come lui

Mestre: all'esame di guida manda l'amico. Così un terzo si è sostituito al connazionale per sostenere l’esame teorico di guida. Ma è andata male...

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Pfizer: “Incidenti in linea con previsioni”

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Di più: la definizione testuale dice: "La Norvegia registra 23 morti 'legate alla vaccinazione' ". L'agenzia del...
commercial

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Covid: Veneto, +2.076 contagi e 101 morti. Zaia: “Prolungare orari bar”

Covid in Veneto che segna un altro punto negativo statistico. Sono altri 2.076 i contagi in più con 101 morti i numeri della progressione...

La morte di Daiana, 28 anni, mentre cammina in Strada Nova, sconvolge Venezia

La morte di Daiana, 28 anni, ha sconvolto la città. Già quando si riferiva di un improvviso malore per la giovane donna, mentre si...

Quando finisce il Grande Fratello VIP? La conferma di Signorini

Dopo un primo allungamento all'8 febbraio e le successive voci che parlavano di "finale il 15 febbraio", nell'ultima puntata di GF VIP Party Alfonso...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.