9.1 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Naufragio in Canal Salso, Agostini: ragazzi estratti dalla barca capovolta dal finestrino

HomeBarche e incidentiNaufragio in Canal Salso, Agostini: ragazzi estratti dalla barca capovolta dal finestrino
la notizia dopo la pubblicità

Il Comandante della Polizia Locale Marco Agostini: "tragedia sfiorata questa volta ma è mancato un nulla perché dovessimo piangere altri 5/7 morti ad una settimana di distanza dalla morte del povero Fabio Gasparini..."

Naufragio in Canal Salso, Agostini: ragazzo estratto dalla barca capovolta dal finestrino

In riferimento all’incidente avvenuto giovedì 7 dicembre nel canal Salso, che ha visto il coinvolgimento di alcuni ragazzi, il comandante della Polizia Locale, Marco Agostini, questo pomeriggio, nel corso di un punto stampa all’ex scuola Poerio, ha dichiarato quanto segue:

“Nella serata di giovedì 7 dicembre una nutrita compagnia di ragazzi, perlopiù residenti in centro storico a Venezia e nelle isole si è recata in un ristorante di viale Ancona a Mestre per festeggiare il compimento del 18° compleanno di un amico.

I ragazzi provenienti dalle località insulari hanno utilizzato per l’occasione quattro barchini.

Dopo avere trascorso la serata nel locale, i giovani, verso mezzanotte, hanno deciso di risalire sui natanti e fare ritorno a Venezia. Dopo avere navigato lungo il canal Salso per poche centinaia di metri, l’ultimo barchino della fila si è capovolto, a causa del sovraccarico, imbarcando acqua.

A bordo c’erano sette giovani, quasi tutti neomaggiorenni, e una ragazza di 16 anni.

Il conducente del natante, rendendosi conto dell’imminente naufragio, si è dato da fare per estrarre dal finestrino i propri amici ed impedire che questi affondassero imprigionati all’interno della cabina. Il conducente di uno degli altri barchini, accortosi della situazione di pericolo che stavano vivendo gli amici, è tornato indietro per prestare soccorso e recuperare i sette ragazzi, tutti finiti in acqua. I coinvolti hanno subito chiamato i soccorsi: sul posto è intervenuta la polizia locale per le attività d’indagine, i vigili del fuoco per il recupero in sicurezza del natante semiaffondato e la ricerca di eventuali giovani dispersi.

Il Suem, arrivato via terra dall’Ospedale all’Angelo, ha trasferito i giovani al pronto soccorso per la somministrazione delle prime cure.

Il Nucleo di Polizia della Navigazione della Polizia locale, intervenuto insieme ai colleghi del Reparto Motorizzato, ha raccolto le testimonianze dei ragazzi coinvolti direttamente o indirettamente nel naufragio.

Dall’analisi incrociata delle videocamere di sorveglianza poste lungo il canal Salso e lungo il canal Grande, gli investigatori hanno potuto appurare che almeno uno dei barchini facenti parte del convoglio, tra quelli non rimasti in zona, aveva coperto la distanza in circa 20 minuti, con evidente spregio delle norme di sicurezza della navigazione. Il conducente di uno di tali barchini, dopo essere stato sottoposto a controllo identificativo, è risalito sul proprio natante ed è ripartito verso Venezia, da solo, a velocità elevatissima.

Il giovane, nella notte, è stato ricoverato all’ospedale civile di Venezia in seguito al trauma riportato dopo un secondo incidente nautico su cui sono ancora in corso gli approfondimenti; alle ore 03.30 il soggetto aveva un’ alcolimetria pari a 1,50 gr/litro.

Anche su questa circostanza sono in corso le indagini.

I reati complessivamente ipotizzati, e che saranno sottoposti al vaglio dell’Autorità Giudiziaria, sono il naufragio colposo ed il pericolo per la navigazione; gli illeciti amministrativi sono l’imbarco eccessivo di passeggeri e la condotta di natante in stato di ebbrezza.

La tragedia, questa volta, è stata solamente sfiorata, ma è mancato un nulla perché dovessimo piangere altri 5/7 morti ad una settimana di distanza dalla morte del povero Fabio Gasparini di cui oggi è stato celebrato il funerale e che era coetaneo e amico di molti degli odierni protagonisti del naufragio.

Il già gravoso impegno della Polizia locale presso le scuole per insegnare i principi di sicurezza della navigazione sarà, nell’anno 2018, ulteriormente intensificato, proprio per prevenire tragedie nelle acque interne della laguna”.

(foto di repertorio)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

Turisti riducono Piazza San Marco pizzeria a cielo aperto: da oggi non pagherò più le tasse

Il prof. Tamborini denuncia che la Polizia Municipale è intervenuta solo dopo molte insistenze e quando ormai non c'era più niente da rilevare. Oltre al fatto che ormai non viene praticamente sanzionato più nulla (neanche agli abusivi), perchè un cittadino deve...

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."