7 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Musei civici chiusi a Venezia, insorge l’unione sindacale di base

HomeMusei Civici VeneziaMusei civici chiusi a Venezia, insorge l'unione sindacale di base
la notizia dopo la pubblicità

Musei Civici di Venezia chiusi fino ad aprile 2021, insorge il sindacato Usb (Unione Sindacale di Base). «Preoccupa e stupisce la scelta. Preoccupano gli oltre 500 lavoratori (tra personale interno ed esternalizzato) delle varie attività dei 12 musei, e preoccupano le loro famiglie, escluse dalla logica della solidarietà nella pandemia che stiamo vivendo – ha affermato il sindacato – anche in mancanza di prospettive per una ripresa senza turisti».

Nell’ultimo tavolo, qualche giorno fa, la dirigenza ha reso nota alle parti sociali la decisione di non voler ripartire a gennaio, seguendo il governo. Il sindaco Brugnaro ha rivendicato la scelta nella conferenza di fine anno, assumendosene la responsabilità, allo scopo di «salvaguardare la capacità di tenuta della Fondazione che, non appena ci saranno le condizioni, sarà pronta a rimettere in campo tutte le potenzialità», cosa che ora non potrebbe fare, secondo il primo cittadino, vista la frequentazione azzerata dalla pandemia del centro storico della città lagunare.

Il personale, centinaia di addetti

Al cento per cento il personale della Fondazione Musei civici di Venezia rimarrà in cassa integrazione. Lo è dalla scorsa primavera, due mesi dopo circa l’inizio dell’emergenza di marzo. I musei furono tra gli ultimi servizi pubblici a chiudere i battenti in città. E saranno, a quanto pare, tra gli ultimi a riaprire, mentre l’estate scorsa sono avvenute delle parziali ripartenze con metà degli addetti in presenza a rotazione.

Tra i dipendenti però, spiega il sindacato, «non solo rimarranno in cassa integrazione i settori della guardiania, del pulimento, delle caffetterie, dei bookshoop, delle biblioteche, già colpiti duramente dal primo prolungato lockdown e poi comunque danneggiati dalle successive aperture soltanto parziali. Resterà coperto solo dall’ammortizzatore anche il personale interno della Fondazione che si occupa del mantenimento delle opere di proprietà della città e dei suoi cittadini; anche loro a casa, togliendo per tre mesi l’ultimo fiato rimasto ai Musei Civici».

Il contributo dello Stato

Si tratta, per il sindacato, di «operatori esternalizzati che osservano una deriva preoccupante in materia salariale e di diritti: perdita di una reale clausola sociale a tutela del posto di lavoro a ogni cambio di appalto, venir meno dell’anzianità di servizio e dei relativi livelli salariali; perdita di potere economico e senza poter scioperare, trattandosi di servizio pubblico essenziale, che però ora viene tolto del tutto».

La decisione è anche arrivata dopo le sedute in Commissione consiliare Cultura del Comune, dei mesi scorsi, dove la dirigenza ha dichiarato di essere pronta ad aprire in virtù dei contributi ricevuti dallo Stato. «Il disegno dello Stato era quello di versare un contributo per aiutare i musei a rimanere chiusi? Se non si volesse far ripartire i musei, perché non mettere allora i milioni di riserva accumulati a disposizione dei lavoratori, per integrare al 100% un Fis (Fondo di integrazione salariale) e una cassa integrazione che, dopo mesi, non bastano più?», ha continuato Usb.

L’appello al sindaco

«Eppure – ha concluso – le potenzialità sarebbero enormi, senz’altro maggiori di molte altre realtà museali: hanno prodotto ottime e fruttuose iniziative. La città ora chiede coraggio e inventiva – hanno affermato – e una politica culturale che coinvolga anche i lavoratori e i cittadini quali parti attive». Hanno poi chiesto al sindaco di tornare suoi suoi passi, riguardo al prolungamento della chiusura. «Signor sindaco, le chiediamo un segno in questo senso, anche fosse il coraggio della retromarcia. Ci rivolgiamo a lei, ribadendo la necessità di un incontro. Vogliamo tornare a lavorare non appena le autorità sanitarie consiglieranno al governo che i musei e le attività culturali potranno essere riaperti».

Antonella Gasparini

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità
spot

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...
Advertisements

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...