6.1 C
Venezia
domenica 05 Dicembre 2021

Murano, signora “cacciata” da supermercato per i buoni: si muovono Comune e direzione della catena

HomeMuranoMurano, signora "cacciata" da supermercato per i buoni: si muovono Comune e direzione della catena
la notizia dopo la pubblicità

Signora “cacciata” dal supermercato di Murano per aver cercato di pagare con i buoni del Comune emessi per l’emergenza covid-19: si muovono le istituzioni e la direzione nazionale della catena del supermercato.

La notizia pubblicata oggi da La Voce di Venezia “Murano, cacciata dal supermercato per i buoni del Comune. Direttrice: io non faccio la carità” ha avuto un seguito, anzi più di uno.

La signora, M.R., ha spiegato di aver dovuto posare di nuovo sugli scaffali tutti i prodotti: “Sono stata cacciata e trattata in malo modo dalla direttrice dicendo che lei non accetta buoni perché non ha tempo e voglia di informarsi. Mi ha fatto posare la spesa tra offese e mali modi, mi ha mandato via e io sono dovuta tornare a casa senza la spesa per la mia famiglia. Abbiamo persino una registrazione audio la direttrice ci ha addirittura detto che lei non fa l’elemosina con sti buoni siccome non sa quando il Comune renderà i soldi”.

Sarebbe stato però accertato che il supermercato in questione è convenzionato con il Comune di Venezia per l’accettazione dei buoni per l’emergenza coronavirus, quindi non avrebbe dovuto rifiutarli.

La veneziana ha spiegato al nostro giornale di esser tornata a casa in lacrime, e senza spesa per la sua famiglia. Il compagno, informato dei fatti, è andato subito al supermercato per chiedere maggiori dettagli alla direttrice, ma si sarebbe sentito rispondere ancora una volta “picche”, e sempre in malo modo.

Una persona che usufruisce dei buoni spesa forniti dal Comune lo fa perché si trova in difficoltà economiche in questo periodo di emergenza sanitaria, e per molte persone vi è già comunque una sorta di imbarazzo da affrontare nel presentare i voucher alla cassa. Sentirsi poi rifiutare i buoni spesa è molto brutto, ma sentirsi addirittura trattare in un modo da mortificare è veramente umiliante. Per questo motivo la donna è tornata a casa tra le lacrime, provando un senso di vergogna per quello che però era un suo diritto. E ci ha scritto.

Dopo aver appreso la notizia dal nostro giornale, si è mosso il Comune di Venezia e la catena di cui fa parte il supermercato a livello nazionale tanto che domani, lunedì 20 aprile, avvierà una verifica sulla vicenda. La veneziana si è detta disponibile a raccontare tutto l’accaduto all’amministrazione comunale e di averne anche prove.

Sulla questione è subito intervenuto l’assessore alla Coesione Sociale del Comune di Venezia, Simone Venturini (nel tondo): simone venturini box“Appresa la notizia, abbiamo subito avviato tutte le verifiche. Qualora la dinamica dell’episodio dovesse essere confermata ci troveremmo davanti ad un fatto inaccettabile ed ingiustificabile”.

“Stiamo contattando la persona che ha denunciato l’accaduto – spiega l’assessore – per comprendere tutti i dettagli e per metterci a sua disposizione per superare questa criticità”.

“L’iniziativa “Buoni Spesa” ha visto coinvolte migliaia e migliaia di famiglie – prosegue Venturini – e tantissimi supermercati, commercianti e negozi di vicinato, molti dei quali hanno voluto anche offrire particolari forme di promozione e sconto aggiuntivo. Fino ad adesso, infatti, con i 3200 buoni assegnati non avevamo riscontrato alcun problema. A tutti quei commercianti ed aziende, che da tanti giorni collaborano con il Comune per questa iniziativa, arrivi il nostro più sentito ringraziamento”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott. Dina Sandon è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi