Questione Municipalità, Gasparinetti: “Vecchia politica che riduce tutto a gioco di poltrone”

ultima modifica: 20/08/2020 ore 07:04

518

marco gasparinetti con la gente a mestre nostra 680

Terra e Acqua 2020, no a questioni di poltrone. Il candidato sindaco Marco Gasparinetti interviene così sulla questione delle Municipalità: «Partitocrazia veneziana grottesca».


«Se il centrosinistra e i suoi micro satelliti pseudocivici in questi mesi non sono riusciti a trovare un accordo nemmeno sulle scatole vuote chiamate municipalità , figuriamoci cosa succederà quando si tratterà di spartirsi le cariche nel “forziere” che è il Comune di Venezia, nel caso quanto mai improbabile di una sua vittoria elettorale».

Con queste parole il candidato sindaco di Terra e Acqua 2020 alle elezioni comunali, commenta la situazione delle municipalità: «Terra e Acqua 2020 non partecipa ora, e non parteciperà in futuro, ai riti logori della vecchia politica che tutto riduce a una questione di poltrone moltiplicando le sigle e le liste civetta nell’illusione che gli elettori abbocchino all’amo», ha proseguito il candidato a Ca’ Farsetti.


Da ultimo, Gasparinetti ha precisato: «Con la lottizzazione in corso delle presidenze di municipalità , non ancora conclusa quando alle elezioni manca soltanto un mese, la partitocrazia veneziana ha raggiunto livelli grotteschi e di un masochismo inaudito, privandosi di ogni possibilità di appoggio da parte nostra e dimostrando in quale considerazione tiene le Municipalità a cui chiede di restituire le deleghe, trattandole però come se fossero dei feudi di partito da assegnare a tavolino».

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here