2.4 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

MOVIDA MIRANO | Scattano i divieti

HomeMestre e terrafermaMOVIDA MIRANO | Scattano i divieti
la notizia dopo la pubblicità

NOTIZIE MIRANO | Piazza Martiri della Libertà , Mirano, crocevia della movida dei dintorni. Dal 1° luglio per i locali e bar del centro, scatterà  il coprifuoco: niente musica dal vivo, niente schiamazzi e niente molestie che vadano a disturbare la quiete pubblica.
I divieti imposti dal neo sindaco Maria Rosa Pavanello,prevedono che le sonorità  esterne provenienti dai locali, dal lunedì al giovedì, terminino alle 22, dal venerdì al sabato alle 23:30 e alla domenica alle 22:30. Si potrà  però godere ancora dei brani musicali riprodotti, ma a volume basso, perché il “rumore” non si senta anche fuori.

I bar diurni e notturni più interessati saranno: Al Campanile, il Ca'Malena, l'enoteca Ae Botti da Riky, l'enoteca L'Ostricaro, il Clan Café e lo Zen Café. Tutti bar frequentati da giovani, dalle 18 per il consueto happy hour accompagnato da spritz (da 2 a 3 euro), alla sera, il Ca Malena, Al Campanile, lo Zen Café e L'Ostricaro per un target dai 20 ai 40 anni, mentre Ae Botti dai 15 ai 25-30 anni.

Pedavena, L'Ostricaro e lo Zen Café, offrono anche la possibilità  di poter gustarsi una pizza, dei primi, dei secondi, il tutto accompagnato da ottime birre, varietà  che non manca nemmeno Ae Botti o Al Campanile.

Con l'ordinanza, che scadrà  solamente il 30 settembre, si accompagnano anche le multe. Se al primo controllo il gestore viene pescato a disobbedire ai divieti, riceverà  una pena pecuniaria di 100 euro, alla seconda violazione 200, dopodiché ogni volta 500 euro.

I gestori dei locali della piazza cittadina sono infatti sul piede di guerra. Dopo l'inutile crociata del proprietario dello Jasi Ristomusic, che nonostante tutto si trova lontano dal luogo ricco di divieti, anche i colleghi degli altri bar centrali protestano. Molti sottolineano il fatto che anche senza musica, il sottofondo del traffico proveniente dalla vicina Via Cavin di Sala e limitrofe, basta a disturbare e creare confusione.

Il proprietario dello Zen Café, Cataldo Leo afferma: “Con questa ordinanza paghiamo solo noi gestori, i clienti andranno da un’altra parte e il Comune farà  bella figura con pochi cittadini residenti pur restando fuorilegge.”

Circa una decina di giorni fa, la primo cittadino miranese, aveva proposto di creare una “movida sostenibile”: appuntamenti culturali (concerti di musica classica e jazz), con vigilantes e uomini per la pulizia dei locali e della piazza, il tutto a spese degli esercenti.

Alice Bianco
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[30/06/2013]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...