20.3 C
Venezia
domenica 19 Settembre 2021

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Homemorte improvvisaMorto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all’Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio
In base alle risultanze d’indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l’aggressore per omicidio preterintenzionale.
Una banale lite, avvenuta dopo una serata musicale, è costata dunque la vita al turista tedesco.

Secondo quanto ricostruito, un uomo di 70 anni, un turista tedesco proveniente da Colonia, avrebbe avuto atteggiamento inopportuno durante e subito dopo una festa musicale nel campeggio.
In particolare, alla fine della festa, sarebbe stato un po’ importuno con una ragazza che apparteneva al complesso che si era esibito.
Il dipendente del campeggio lo avrebbe dunque allontanato ma nell’alterco che ne è nato subito dopo il turista tedesco è caduto battendo il capo.
L’autoambulanza è subito intervenuta e il turista è stato ricoverato a Mestre.
Purtroppo, dopo tre giorni di coma, il tedesco è deceduto.

il dipendente del campeggio di Ca’ Savio, a Cavallino (Venezia), è stato sospeso, ma il giudizio più grave arriverà dalla magistratura che sta decidendo in queste ore se indagarlo per omicidio preterintenzionale.
A ricostruire i fatti sono i carabinieri della compagnia di San Donà assieme ai colleghi della stazione di Ca’ Savio.
Sotto indagine è un 55enne italiano, G. T., residente del posto.
Da stabilire, soprattutto, la responsabilità dell’italiano nella caduta.
Oltre a tutte le testimonianze, tra cui quella della vedova che era arrivata proprio quel giorno con l’uomo e la figlia per la vacanza, dirimenti saranno le immagini delle telecamere di sorveglianza che controllano il camping.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

10 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Infatti, da altro sito leggo che l’indagato è già ai domiciliari, per omicidio preterintenzionale. Con l’aggravante di aver spinto un anziano ubriaco e fisicamente minorato. Mi immagino la situazione, il turista alterato dall’alcool e voglioso di provarci con qualche fica locale, e il venesianasso 50enne del posto, operaio manutentore del camping, quindi non certo una persona colta e istruita, ghe dise “oi vecio mio, varda che quea go da ciav*rmea mi… ghesb*rro”

    • “operaio manutentore del camping, quindi non certo una persona colta e istruita”:
      dunque secondo questo individuto palesemente erudito, di cultura ed istruzione superiore, un operaio manutentore non è sicuramente al suo livello intellettuale superiore e di conseguenza in grado di commettere anche un’omicidio…
      Non è neccessario definire oltre il “diversamente signore” LorisBatacchi, basta purtroppo leggere fino alla fine il suo edificante commento…

    • esatto Loris, e questo la dice lunga sulla preparazione e l’accoglienza che fanno gli operatori del turismo…un settore così importante in mano a dilettanti.

      • Grazie di aver capito il significato del mio commento. Se magari fosse stato un professore universitario di biochimica ad aggredire il turista tedesco (per motivi di donne) staremo qui a fare altri commenti…
        A me è capitato di fare tante cagnare con receptionist di campeggi della zona, per motivi di donne, quando avevo 20-25 anni. Figurarsi se uno straniero -foresto- fa apprezzamenti su di un amica o sulla fidanzata di uno del posto. Secondo me rischia l’incolumità… o no

  2. è una vergogna che per motivi così banali ci scappi il morto. Spero solo in una severa punizione, anche se qui in italia, ti abbuonano tutto per buona condotta o per altri motivi usciti fuori dal cilindro magico degli avvocati…Spero solo che ci si attenga ai fatti e cioè un anziano signore morto e un dipendente violento con comportamenti da sceriffo, vigliacco e codardo, anche perchè facile prendersela con un anziano indifeso.

      • si attenga ai fatti sig. Roberto. Sono i fatti che parlano chiaro, non i commenti. Purtroppo no, giudici penali, no grazie, loro assolvono…

          • se vuole negare l’evidenza…i fatti sono che c’è un morto e non è chi lei sta difendendo…e la notizia che legge sopra è chiara, anzi limpida…comunque non si agiti tanto, il soggetto per bene che lei difende sarà già libero e non dovrà scontare nulla…siamo in itaglia…

    • Bravo. Condivido. Un manovale di un campeggio con atteggiamenti violenti e da ‘sceriffo” che forse per la serata di musica era stato incaricato anche di svolgere compiti di sicurezza, mandare a dormire i veci imbriagoni…

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor