4.9 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Morto in casa da una settimana a Mira ma nessuno se n’era accorto

Homemorto in casaMorto in casa da una settimana a Mira ma nessuno se n'era accorto
la notizia dopo la pubblicità

Morto in casa da una settimana: a Mira ancora una morte in solitudine.
Anche M.N. è andato ad allungare la lista delle morti avvenute in solitudine, di quei decessi di cui ci si accorge perché il vicino non si vede da giorni e qualcuno s’interroga e bussa ripetutamente alla porta, ma solo il silenzio interrompe il sospetto che si svela dopo l’intervento dei carabinieri, chiamati in soccorso dal Comune, che anche questa volta entrano in casa.

E in quelle stanze, tutto si spiega allo stesso modo in cui si sono spiegate le uscite dalla vita di uomini invisibili nella società dei più. Che fare, di chi è la responsabilità? Forse di tutti che è come dire che non è di nessuno.

Il signor M.V. muore a 64 anni a Mira, teatro suo malgrado, di storie simili a questa, cinque negli ultimi mesi, che richiamano a esistenze ‘a perdere’, che vivono in mezzo agli altri, senza essere visti veramente. È la solitudine a caratterizzare la loro vita.
M.V. era vedovo e non aveva figli. Abitava in una palazzina dell’Ater e i vicini lo ricordano come una persona gentile e discreta.

È morto per cause naturali, come gli altri, e pare, da oltre una settimana. E come da copione ora ci s’interroga sul ruolo dei servizi sociali, che affermano però, in questo caso, di non aver mai seguito il signor M.V.

Puntuali e scontate le doglianze delle istituzioni e il Comune si dice disponibile a farsi carico delle spese del funerale.

Si riapre il problema della qualità dell’assistenza sociosanitaria rivolta alle persone che vivono sole e di chi dovrebbe farsi carico di prevenire morti strazianti come questa, che tuttavia illuminano la società in cui viviamo.
Si parla d’inclusione e di rafforzamento dei legami di vicinato. Per includere si dovrebbe tentare di coinvolgere le persone sole, di invitarle a partecipare a qualche attività o momento di socialità, per farle sentire ‘dentro’ una comunità che si accorge della loro esistenza, inventare qualcosa che le diano la percezione di sentirsi ‘pensate’ e le aiuti a uscire dall’isolamento.
Forse sarebbe utile esercitare la prevenzione, attraverso un osservatorio, con visite programmate capaci di cogliere i bisogni della persona che vive sola, con i suoi problemi, spesso economici, di salute e di depressione.
Il rinforzo dei rapporti con il vicinato, non può che nascere spontaneamente, dalla volontà di interessarsi a quella persona che vive nello stesso condominio e che è così ‘gentile e riservata’. . .

La socializzazione potrebbe evitare l’esclusione ma sappiamo che queste morti riportano alla memoria un tempo lungo di crisi della società di non semplice lettura, dove le persone anziane spesso perdono quel diritto di cittadinanza che fa di loro soggetti ‘indecifrabili’, sotto gli occhi di tutti e di nessuno.

Il signor M.B. muore in casa a Mira, in solitudine. Altri e numerosi anziani muoiono in una casa di riposo, anche loro in solitudine, accanto ad altri vecchi che sanno di dover morire in quella residenza che non è la loro casa.
Va bene così? Il filosofo Norberto Bobbio nel suo libro ‘Eutanasia da abbandono’, si chiede: “Essere anziani e spesso soli, vuol dire che la vita perde corpo e peso fino a sbriciolarsi e sparire?”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

DEMOCRAZIA? Gnanca su le scoasse! E io pago per l’immondizia tenuta in casa

Sarà l’età con tutti i prò e tutti i contro, sarà che mi giro attorno e vedo andar tutto al rovescio, anche se la buona vista non mi manca ma, da un po’ di tempo sono cambiata, DEVO protestare, perché quello...

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...