19.8 C
Venezia
mercoledì 28 Luglio 2021

Bilancio, Sambo: “Maggioranza chiusa a discussione e partecipazione”

HomeVenezia cittàBilancio, Sambo: "Maggioranza chiusa a discussione e partecipazione"

“Assenza di visione complessiva sulla città. Chiusura ingiustificata nei confronti delle proposte, estromissione di ogni ruolo delle municipalità, compresa l’ultima ingente modifica di bilancio (300 milioni di euro) che non è stata discussa all’interno delle municipalità. E’ evidente che di fronte alle innumerevoli risorse che questa amministrazione ha ricevuto negli anni (dal governo e dall’unione europea) non è riuscita però a cambiare il volto alla città, continua in questo modo una politica di spezzatino di interventi senza una visione e uno sviluppo complessivo ( dimenticando anche molti territori)”.
È la sintesi della discussione (o non discussione) avuta oggi in Consiglio comunale secondo Monica Sambo.
“Tutti gli emendamenti fino ad ora votati sono stati bocciati, abbiamo però l’impegno strappato alla Giunta e ai presidenti di commissione di discutere a settembre alcune delle mozioni presentate dal gruppo consiliare del Partito Democratico. Tra queste il coinvolgimento di commissioni consiliari e municipalità, interventi per Parco Albanese e la proposta per restauro e la valorizzazione dei Forti Trincerati”.

“Con la scelta di approfondire in commissione le proposte che ho portato in consiglio su parco Albanese si dà importanza all’ampio lavoro di analisi fatto e al confronto avuto con la cittadinanza e le associazioni – interviene il consigliere Paolo Ticozzi – sarà un’occasione per confrontarsi e verificare gli aspetti tecnici delle proposte per arrivare a un ordine del giorno condiviso. Anche per il tema della realizzazione di uno skatepark omologato dal CONI e realizzato in collaborazione con le associazioni che si occupano di skateboard c’è stata un’apertura al lavoro in commissione, porterò quindi i miei contatti con la Federazione Italiana Sport Rotellistici e la federazione internazionale World Skate in commissione per arrivare al risultato”.
“Venezia è al centro di importanti finanziamenti, serve affiancare agli interventi di piste ciclabili e ristrutturazione, un’idea di città e soprattutto concentrarsi su due filoni che oggi non stanno avendo la giusta attenzione: residenza e sviluppo economico. Un esempio concreto è la proposta di costituire un fondo di rotazione per favorire il canone concordato per i residenti” conferma Emanuele Rosteghin.

“La scelta degli interventi denota ancora una volta l’assenza di una visione strategica ed una considerazione complessiva del territorio. Ancora una volta aree come il Villaggio Laguna vengono dimenticate da questa giunta, che non prevede nulla per la rigenerazione urbana di questo quartiere, che necessita di lavori urgenti per sistemare i percorsi pedonali e gli edifici. Ma non è stato l’unico territorio dimenticato: anche la città d’acqua non ha ricevuto le risorse che sarebbero state necessarie. È fondamentale ricordare che le risorse della legge speciale devono essere aggiuntive rispetto a quelle ordinarie e straordinarie che vengono assegnate per tutto il Comune di Venezia. Contestiamo anche la scelta di non inserire lavori nella città d’acqua tra gli interventi di rigenerazione urbana” dichiara Alessandro Baglioni.

Secondo Alberto Fantuzzo: “È particolarmente motivante constatare ancora una volta quale sia la visione di democrazia partecipata di questa maggioranza. È motivante perché a fronte di ripetute dichiarazioni di ascolto, vi è una chiusura pregiudiziale a qualsiasi proposta che sia targata minoranza. È motivante perché noi ci teniamo alla democrazia, al confronto dialettico, alla fatica della costruzione di soluzioni condivise. Certo la democrazia ha i suoi tempi, che non sono quelli di un’impresa ma l’impresa guarda all’interesse dell’imprenditore, l’amministrazione di un Comune deve guardare al bene di tutti e non solo di alcuni. Chiediamo ancora una volta un’inversione di tendenza, quantomeno iniziando ad ascoltare davvero quello che i cittadini ed anche i consiglieri di opposizione propongono”.

“Un bilancio straordinario nei numeri, ma non nella portata e nella visione – conclude la capogruppo Monica Sambo – Tra le proposte che abbiamo fatto vi è quella di raddoppiare gli aiuti previsti per le attività artigianali, in quanto quelli stanziati risultano assolutamente insufficienti.
Una categoria di fondamentale importanza per la nostra città, che fa parte del nostro tessuto economico e anche culturale, una categoria che da anni è in difficoltà, a differenza di altre categorie come quelle legate ai lancioni granturismo per i quali la giunta ha destinato quasi un milione di euro”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.