7 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

Mobbing sul posto di lavoro: la sicurezza non può essere barattata

HomeLettereMobbing sul posto di lavoro: la sicurezza non può essere barattata
la notizia dopo la pubblicità

Mobbing sul lavoro, i sette parametri per individuarlo. Cosa fare

Mobbing sul posto di lavoro:” Tutti omertosi “.

Sembra così apocalittico, che a tutt’oggi in Italia non esista una legge che tuteli chi subisca queste angherie sul posto di lavoro, spesso nate da chi ha una scala gerarchica all’interno delle mura aziendali approfittando della propria posizione, ma quando poi la stessa azienda pubblicizza di essersi dotata di codice etico aziendale, ma chi controlla? Il controllore e controllato la medesima persona/soggetto, anche questo fa sorridere, se non deprimere, ma allo stesso tempo fa riflettere che a livello regionale esista una legge che tuteli i lavoratori che come al solito rimanga insabbiata su ciò che è la macchina pubblica.

La mia storia inizia a seguito di una patologia tempero mandibolare che mi crea difficoltà nell’utilizzare i dpi di protezione al rumore , in quanto dipendente di una industria di lavorazione del vetro cavo nel veneto orientale . Accertata la mia difficoltà , mi sottopongo alla visita aziendale tramite medico competente , si un medico del lavoro pagato e nel libro paga dell’azienda , quindi difficile essere di parte , di cui se ne frega dei referti dei dirigenti medici dei reparti maxillo facciale di Udine e Treviso e neppure dell’esito espresso dallo stesso dipartimento di medicina del lavoro dell’università di Padova , dandomi la idoneità alla mansione , dicendomi che se non riuscivo a mettere i dispositivi di protezione potevo ritornare in malattia , gran bella risposta da professionista .

Allora come prevede la legge faccio appello allo Spisal dell’Asl che a suo volta chiede la documentazione medica , visita il luogo di lavoro e formula sostanzialmente la idoneità alla mansione ma con utilizzo degli archetti sferici di protezione all’udito . Beh , che dire, meravigliato di tutto questo , inizio a chiedere al dirigente medico spisal cosa consiste la mia mansione al lavoro e quale sia il valore di esposizione durante le 8 ore di lavoro , il quale risponde che sono esposto al rumore , beh è normale trattandosi di una vetreria di produzione di contenitori in vetro e quindi il rumore varia a seconda della forma e dimensione dei vasi e chiedo se sono stati verificati dall’ente stesso i valori espressi dall’azienda , giusto per vedere la congruità dei dati , ma risponde che l’azienda sanitaria ha un fonometro che però non è tarata e non ha un tecnico fonometrico specializzato per la misurazione e quindi dovrebbe affidarla a ditta esterna con dei costi e quindi ha stabilito di non eseguirla , ma come un ente che si occupata della sicurezza non verifica tali valori di esposizione , ma metta in discussione invece i certificati medici con delle prescrizioni fatte da dirigenti medici di reparto , quindi specializzati che mezza Europa invidia e individua degli archetti da indossare .

Tali archetti , nonché disposizione di protezione risultano essere inferiore ai dB di renge di protezione calcolato dal durvi aziendale , quindi sorge spontanea una domanda ma cosa ha verificato/guardato ? Tale decisione poi ha causato al sottoscritto un periodo di alternanza lavoro/malattia e una serie di problemi fisici articolari come da certificati medici dei reparti della stessa Asl che dimostrano non solo la superficialità del medico competente aziendale ma del stesso dirigente spisal che ha fatto i controlli ma nel contempo si legge nei giornali che la Regione veneto ha indetto un bando di assunzione per 300 tecnici della sicurezza , ma se operano in questo modo , meglio affidare il tutto all’Arma dei Carabinieri e chiudere tale istituto.

Da tutto questo si capisce come avvengono certi controlli, per questo invito il Direttore dell’Asl a valutare la possibilità di chiudere tale ente che ora è di competenza Inail e di utilizzare tale dirigente medico come dirigente medico Maxillo facciale e di aprire così un reparto visto che ASL è scoperta di tale branca medica.

La sicurezza nei luoghi di lavoro non può essere barattata per un posto di lavoro e le leggi devono essere rispettate con controlli cadenzali per evitare infortuni e malattie professionali, ma come spesso capita meglio “vessare “di controlli i “piccoli” mentre i medio-grandi meglio essere omertosi a scapito di chi invece chiede rispetto e salvaguardia del proprio posto di lavoro, spesso ciò accade anche grazie ai “compagni di merenda” delle sigle sindacali.

Bragatto Gianluca

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

Reliquie Santa Lucia da Venezia alla Sicilia con assistenza della Polizia

Santa Lucia da Venezia alla Sicilia Domenica 14 dicembre, la Polizia di Stato accompagnerà “Santa Lucia” nel suo prossimo viaggio in Sicilia. Alle 7:30 del mattino le spoglie della Santa saranno portate, con imbarcazioni della Polizia di Stato, dalla basilica dei Santi Geremia...

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Reliquie Santa Lucia da Venezia alla Sicilia con assistenza della Polizia

Santa Lucia da Venezia alla Sicilia Domenica 14 dicembre, la Polizia di Stato accompagnerà “Santa Lucia” nel suo prossimo viaggio in Sicilia. Alle 7:30 del mattino le spoglie della Santa saranno portate, con imbarcazioni della Polizia di Stato, dalla basilica dei Santi Geremia...

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.