COMMENTA QUESTO FATTO
 

Mirano, tenta suicidio col treno in arrivo, Carabinieri sui binari al buio per fermare il macchinista

Marano di Mira (Ve), uomo tenta il suicidio alla Stazione FFSS: intervengono i Carabinieri, bloccano il treno in corsa e lo salvano sui binari.

Nella serata di ieri, la pattuglia della Stazione Carabinieri di Mirano, su richiesta della Centrale Operativa della Compagnia di Mestre, durante il normale servizio di controllo del territorio, ha operato il salvataggio di un uomo in preda a istinti suicidi.

Poco prima delle ore 18.00, l’operatore del 112 riceveva una chiamata di emergenza per un uomo che stava dando segni di squilibrio all’interno della Stazione ferroviaria di Marano di Mira. In un primo momento il soggetto veniva visto tentare di toccare la linea aerea della ferrovia mediante l’utilizzo di un lungo bastone. Poi, non riuscendo nel malsano intento, si poneva al limite del marciapiede della banchina prospicente i binari, minacciando di buttarsi sulla strada ferrata all’arrivo del primo treno in corsa.

Per sua fortuna i Carabinieri sono giunti prima del convoglio, ma solo per qualche minuto. I due militari, raccolta l’attivazione dell’emergenza, entrano in stazione quando le luci della locomotiva del regionale Padova-Mestre già si intravedono in rapido avvicinamento.

I due Carabinieri non si perdono d’animo e, da un lato cercano di convincere l’uomo ad allontanarsi dal limite della banchina, ma visto che il soggetto è in preda ad un forte stato di agitazione e non vuole saperne, si precipitano lungo i binari senza pensare ai rischi cui incorrono loro stessi e nel buio, con gesti e segnalazioni, riescono fortunatamente a richiamare l’attenzione del macchinista. Sanno bene i militari che il treno lì e in transito e non effettuerà soste. Il macchinista vede i Carabinieri sbracciarsi, intuisce il pericolo e ferma la corsa giusto in tempo a pochi metri di distanza dall’uomo.

Scongiurato il pericolo imminente, i militari insistono con la paziente opera di dissuasione dell’aspirante suicida, che viene infine condotto a più miti consigli, convincendolo ad allontanarsi e facendolo soccorrere dall’ambulanza fatta intervenire sempre dal coordinamento dell’emergenza alla centrale.

L’uomo è ora ricoverato in buono stato di salute presso l’ospedale di Dolo.

 
ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000
 

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here