giovedì 27 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

Mirano: carabinieri scongiurano suicidio in extremis liberando uomo dal cappio

HomeMiranoMirano: carabinieri scongiurano suicidio in extremis liberando uomo dal cappio

Una tragedia sventata quella avvenuta la sera della vigilia di Natale, quando i Carabinieri di Noale sono riusciti a fermare in extremis un uomo che stava tentando il suicidio a Mirano.
I militari sono stati allertati da una telefonata giunta alla centrale operativa della Compagnia di Mestre che avvisava su un uomo che manifestava intenti suicidi a Mirano.
Immediato l’invio di una pattuglia dell’Arma, nello specifico di una pattuglia del Comando Stazione di Noale, poi supportata dall’invio di una del Comando Stazione di Spinea. I militari raggiungono in breve tempo il luogo segnalato senza azionare nessun lampeggiante e nessuna sirena per evitare di turbare ulteriormente l’uomo. Una precipitosa corsa contro il tempo ma, di quell’uomo, a prima vista non c’è traccia.
I militari decidono quindi di proseguire con le ricerche: è buio e la visibilità è scarsa ma d’improvviso scorgono, proprio in via Gramsci, in un’area adibita a viale alberato pubblico, un individuo apparentemente giovane che sembra aver compiuto un insano gesto, impiccandosi ad un albero. Senza esitare i militari scendono dal veicolo e

lo raggiungono. L’uomo appare incosciente, cianotico, in posizione eretta ma con i piedi non pienamente poggiati per terra, a testa china verso il basso. Immediatamente i militari lo sollevano, lo liberano al collo e miracolosamente l’uomo riprende conoscenza, seppur in stato confusionale, e collabora con i militari che gli prestano i primi essenziali soccorsi nell’attesa dell’intervento del personale sanitario chiamato in soccorso.
L’uomo scoppia a piangere. Riferisce di aver perso il lavoro il giorno prima. Aggiunge di avere problemi familiari con la ex compagna e il figlio. Chiede di poter prendere le sigarette in casa ma tenta di prendere un coltello e viene nuovamente fermato dai militari, sempre presenti.
Giunge quindi l’autoambulanza del 118 e la pattuglia della Stazione Carabinieri di Spinea in ausilio. L’uomo viene accompagnato in ospedale per tutte le cure del caso.
Alla fine un intervento tanto tempestivo quanto qualificato dei carabinieri che questa volta non rincorrono reati ma dimostrano di essere sempre presenti a garantire la sicurezza pubblica a tutela della collettività.

(Rip.)
Una tragedia sventata quella avvenuta la sera della vigilia di Natale, quando i Carabinieri di Noale sono riusciti a fermare in extremis un uomo che stava tentando il suicidio a Mirano.
I militari sono stati allertati da una telefonata giunta alla centrale operativa della Compagnia di Mestre che avvisava su un uomo che manifestava intenti suicidi a Mirano.
Immediato l’invio di una pattuglia dell’Arma, nello specifico di una pattuglia del Comando Stazione di Noale, poi supportata dall’invio di una del Comando Stazione di Spinea. I militari raggiungono in breve tempo il luogo segnalato senza azionare nessun lampeggiante e nessuna sirena per evitare di turbare ulteriormente l’uomo. Una precipitosa corsa contro il tempo ma, di quell’uomo, a prima vista non c’è traccia.
I militari decidono quindi di proseguire con le ricerche: è buio e la visibilità è scarsa ma d’improvviso scorgono, proprio in via Gramsci, in un’area adibita a viale alberato pubblico, un individuo apparentemente giovane che sembra aver compiuto un insano gesto, impiccandosi ad un albero. Senza esitare i militari scendono dal veicolo e

lo raggiungono. L’uomo appare incosciente, cianotico, in posizione eretta ma con i piedi non pienamente poggiati per terra, a testa china verso il basso. Immediatamente i militari lo sollevano, lo liberano al collo e miracolosamente l’uomo riprende conoscenza, seppur in stato confusionale, e collabora con i militari che gli prestano i primi essenziali soccorsi nell’attesa dell’intervento del personale sanitario chiamato in soccorso.
L’uomo scoppia a piangere. Riferisce di aver perso il lavoro il giorno prima. Aggiunge di avere problemi familiari con la ex compagna e il figlio. Chiede di poter prendere le sigarette in casa ma tenta di prendere un coltello e viene nuovamente fermato dai militari, sempre presenti.
Giunge quindi l’autoambulanza del 118 e la pattuglia della Stazione Carabinieri di Spinea in ausilio. L’uomo viene accompagnato in ospedale per tutte le cure del caso.
Alla fine un intervento tanto tempestivo quanto qualificato dei carabinieri che questa volta non rincorrono reati ma dimostrano di essere sempre presenti a garantire la sicurezza pubblica a tutela della collettività.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Io, sfrattata da Venezia, ho voluto a tutti i costi tornarci ed è stato un incubo”. Lettere

In risposta alla lettera “So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Venezia... Io ci sono nata 60 anni fa e sono dovuta scappare a 15 anni con tutta la famiglia perché già a quei tempi per...

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott.ssa è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 16 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente conosci i nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del mattino. 365...

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

Niente vaporetti senza GP: “La situazione qui a Burano è tragica”. Lettere

Con riferimento all'articolo "Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv", riceviamo e pubblichiamo. La situazione nell’isola di Burano è tragica!! Una parte degli isolani è letteralmente sequestrata in isola. Non è possibile fare un tampone...

Carnevale di Venezia 2022 “soft”: controlli e niente feste di massa

"Venezia è pronta a ripartire, sarà un Carnevale certamente non di massa, non ci sarà il volo dell'Angelo (il volo dal campanile di San Marco al palco), ma ci saranno tanti controlli. La città ha dimostrato di saper gestire bene la...