martedì 18 Gennaio 2022
4.4 C
Venezia

Mestre, mercato dell’eroina gialla in stazione: la polizia arresta pusher di 26 anni

Homespaccio di drogaMestre, mercato dell'eroina gialla in stazione: la polizia arresta pusher di 26 anni

mestre senegalese spaccia con permesso soggiorno
Mestre, mercato dell’eroina gialla attorno alla stazione, decine di tossicodipendenti fin dalle prime ore del mattino si mettevano in coda per acquistare la loro dose.

Gli investigatori del Commissariato dopo alcuni giorni di appostamenti hanno infatti scoperto un vero e proprio mercato dell’eroina che partiva dalle prime ore del mattino e ieri hanno arrestato uno spacciatore.

Nei pressi della stazione, infatti, già dalle 7 del mattino si mettevano in coda una decina di tossicodipendenti per acquistare la famosa eroina gialla.

A finire nei guai il giovane pusher, già conosciuto dagli investigatori perchè nelle precedenti settimane era stato denunciato per aver ceduto eroina gialla ad una ragazza poco più che maggiorenne.

Ieri gli agenti del Commissariato di Mestre l’hanno arrestato: si tratta di un cittadino nigeriano, A.L., di 26 anni, senza fissa dimora e irregolare sul territorio, con precedenti per spaccio di stupefacenti.

Non è da escludere che i continui controlli serali predisposti dalla Questura abbiano costretto i pusher a modificare il proprio “orario di lavoro” spingendosi a dare appuntamento ai “clienti” alle prime luci dell’alba.

Gli agenti, una volta capito che lo spacciatore agganciava il cliente e lo conduceva nel sottopassaggio di Via Dante, hanno finto di essere dei passeggeri diretti in stazione per poter così documentare la cessione della droga e far scattare la trappola.

A.L. è stato così arrestato e condotto in Tribunale per il rito direttissimo celebrato nella stessa giornata di ieri dove ha patteggiato una pena di 8 mesi di reclusione e 3 mila euro di multa con sospensione della pena.

Sempre ieri i poliziotti del Commissariato di Mestre hanno proceduto all’arresto, su ordine di esecuzione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Venezia, di un uomo italiano di 45 anni, già noto alle cronache in quanto era il basista di una rapina. La banda era composta di cinque catanesi, arrestati in flagranza di reato dopo aver svaligiato un istituto bancario di Chirignago a dicembre 2016.

B.N. dovrà scontare in carcere 3 anni e 4 mesi.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...

“I televirologi che ci avevano promesso l’immunità col vaccino…”. Lettere

Dal mese di dicembre, televirologi, burocratici della sanità pubblica e chi ha fatto del virus misteriosamente arrivato dalla Cina (e mai isolato) una prolifica professione, stanno cadendo come pere dagli alberi. Gli interessati adoratori del Dio vaccino, si accorgono o fingono...

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Ovovia, il Comune di Venezia vuole i danni (video della traversata)

L’Ovovia del Ponte di Calatrava e la sua rimozione: il Comune chiama in causa per danni i progettisti e le imprese costruttrici.

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...