Mestre, i carabinieri bloccano spacciatori e ladri di supermercati. Un ragazzo in giro con coltello

ultimo aggiornamento: 28/03/2020 ore 15:10

3137

Il carrello della spesa come biglietto da visita
Mestre e terraferma, i controlli dei carabinieri bloccano spacciatori e ladri di supermercati.

Continuano i controlli dei carabinieri: sei i denunciati in totale per vari reati in settimana.

Continua l’emergenza sanitaria per Coronavirus e prosegue l’attività di controllo sul territorio degli uomini della Compagnia carabinieri di Mestre con servizi “mirati”, ma anche coordinati per orari e aree di intervento e controlli alla circolazione stradale ed anti-spaccio.


A MARGHERA
I militari della Stazione di Marghera in particolare, nel corso di un intervento in via Bottenigo su richiesta del personale della Comunità educativa per minori lì presente, hanno denunciato in stato di libertà per possesso ai fini di spaccio di stupefacenti, B.N. 40enne di origini libiche, già noto per i numerosissimi precedenti penali.

I carabinieri infatti, sono stati chiamati dagli operatori che da giorni notavano una figura muoversi nell’oscurità e avvicinarsi alla recinzione del giardino, sostare nei pressi della vegetazione, per poi ripartire a piedi.

Da un accurato controllo i militari hanno scoperto, nascosti tra i rami, quasi un ettogrammo di Eroina.


I militari si sono così appostati in attesa dell’arrivo del “proprietario” scoprendo che si trattava del libico che viene così riconosciuto, identificato e infine denunciato.

A ORIAGO
Stessa sorte è capitata ad un giovane di Oriago, Z.L. 16 anni, sorpreso con un vero e proprio market ambulante dello spaccio: hashish e marijuana pronte allo smistamento, con una sigaretta già confezionata, bilancino per pesare le dosi, sacchetti ecc.

Nell’ambito dei controlli ai soggetti sottoposti a misure restrittive è stato anche denunciato per evasione C.H.T.M. 37 anni, del Bangladesh, agli arresti domiciliari, che non è stato trovato a casa dai carabinieri della Stazione di Mestre.

FURTI AL PAM E ALL’ALI’
L’azione più strettamente repressiva si è sviluppata nell’ambito dei controlli alle zone commerciali ed all’esterno dei supermercati, particolarmente sorvegliati in questo periodo di “emergenza sanitaria”.

I carabinieri del N.O.R.M. della Compagnia di Mestre hanno denunciato in stato di libertà un tunisino per furto aggravato mentre quelli di Martellago hanno denunciato una ragazza già nota per episodi analoghi, sorpresi all’interno dei supermercati Pam e Alì ad appropriarsi di generi alimentari per centinaia di Euro, senza passare dalle casse del supermercato.

IN GIRO CON IL COLTELLO
Una denuncia è scattata per porto abusivo di armi, per un ragazzo di 24 anni di Robegano, sorpreso invece fuori casa nel corso dei controlli con un coltello irregolare.

Specifici servizi di intensificazione del controllo del territorio torneranno per tutta la settimana, a contrasto dei reati predatori e delle manifestazioni di illegalità più sentit

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here