3.1 C
Venezia
sabato 04 Dicembre 2021

Mestre, donna aggredita la notte di Natale in via Piave “Aiutatemi”. Arrestato giovane nigeriano

HomeAggressioneMestre, donna aggredita la notte di Natale in via Piave "Aiutatemi". Arrestato giovane nigeriano
la notizia dopo la pubblicità

Mestre, donna aggredita la notte di Natale in via Piave "Aiutatemi". Giovane nigeriano arrestato per rapina.
Mestre, donna aggredita la notte di Natale in via Piave. Giovane nigeriano arrestato per rapina.
Scaraventa a terra una ragazza e la prende per il collo per rubarle il cellulare, viene individuato dagli agenti della Polizia locale e arrestato in flagrante. La ragazza ha riportato lesioni guaribili in 25 giorni.

Continua l’opera di controllo del quartiere Piave a Mestre da parte degli agenti della Polizia locale. Un’attenzione che ieri sera ha permesso agli uomini del Nucleo di Pronto impiego del Servizio Sicurezza urbana di stringere le manette ai polsi a un 21enne di nazionalità nigeriana accusato di tentata rapina e lesioni.

L’aggressione ieri sera, 25 dicembre, verso le 22.30: l’attenzione di due radiomobili della Polizia locale, di presidio proprio lungo via Piave, è stata attirata da una giovane, visibilmente tumefatta in volto, che chiedeva disperatamente aiuto perché era appena scappata da un uomo che l’aveva aggredita per derubarla. “Aiutatemi” ha urlato la donna spaventata appena ha visto gli agenti della pattuglia.

La vittima ha subito descritto l’uomo agli agenti, giovane e di colore, il tipo di indumenti e come l’ha aggredita per derubarla, cioè scaraventandola a terra e prendendola per il collo, una versione confermata anche da un testimone che ha assistito alla scena.

Grazie alla descrizione della ragazza, il rapinatore è stato individuato e raggiunto in poco tempo, identificato e ammanettato dagli agenti.

Secondo la ricostruzione della vittima, confermata dal testimone, quest’ultima stava camminando lungo via Piave a Mestre, quando, all’altezza di via Buccari, è stata scaraventata al suolo dal rapinatore, un 21enne nigeriano, che l’ha spinta a terra e presa per il collo nel tentativo di sottrarle il cellulare.

Grazie al sopraggiungere di alcuni passanti però, il malvivente non ha potuto terminare la rapina: la vittima terrorizzata e con il volto tumefatto si è rifugiata in un negozio di kebab per poi attirare l’attenzione della Polizia locale. Al pronto soccorso dell’Angelo le sono state diagnosticate lesioni guaribili in 25 giorni circa.

L’aggressore, che vanta precedenti per resistenza a pubblico ufficiale, falsa attestazione sulla propria identità, danneggiamento, violenza privata e rifiuto di fornire le proprie generalità, è stato arrestato e, su autorizzazione del magistrato di turno, sostituto procuratore Stefano Buccini, portato nel carcere di Santa Maria Maggiore.

Stamattina, condotto davanti al giudice per la direttissima, è stato posto in custodia cautelare fino al 7 gennaio, data in cui si celebrerà il processo.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

Ovovia, il Comune di Venezia vuole i danni (video della traversata)

L’Ovovia del Ponte di Calatrava e la sua rimozione: il Comune chiama in causa per danni i progettisti e le imprese costruttrici.

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.