COMMENTA QUESTO FATTO
 

CIRCOVAGANDO 2018
GIACOMO ROSSETTO – UOMINI IN TRINCEA

Al via gli appuntamenti estivi di Circovagando 2018 a Meolo. Per volontà dell’Amministrazione Comunale, che l’ha fortemente voluta e realizzata in collaborazione con Arteven/Circuito Teatrale Regionale, il primo appuntamento della rassegna sarà dedicato alla memoria di un avvenimento storico di particolare importanza per il territorio.

Il 30 Giugno alle ore 21 a Losson della Battaglia continueranno le celebrazioni per il Centenario della Battaglia del Solstizio (15/23 Giugno 1918) questa volta attraverso il teatro. Quando iniziò la battaglia – il 15 giugno 1918 – Losson era solo uno snodo dal quale si diramavano le strade per Capo d’Argine e Fossalta, per Pralongo, Monastier e per Meolo. Meolo ed il suo fiume rappresentano per il Comando Supremo Austroungarico un obiettivo di fondamentale importanza.

Dal 15 Giugno fino alla notte del 23, gli scontri rocamboleschi e violenti che caratterizzarono la battaglia rappresentarono la strenua lotta dei combattenti italiani per la liberazione della zona. I loro sforzi non furono vani perché quella vittoria fu un passo decisivo verso una più importante sconfitta inflitta all’esercito austroungarico: quella della Grande Guerra. A ricordare quei fatti sarà Giacomo Rossetto, in scena con Uomini in Trincea, spettacolo dedicato alla memoria degli accadimenti storici, ma soprattutto delle persone e delle emozioni che hanno caratterizzato il tempo della Prima Guerra mondiale. Dichiara Rossetto “Le trincee sono uno dei simboli della Grande Guerra.

Questi lunghi corridoi comparvero da subito anche sul fronte italiano, in pianura, sull’altipiano carsico e in alta montagna, in mezzo alla neve. Nasce quindi spontaneo chiedersi come vennero costruite, quale fosse la vita di un soldato al loro interno, come dormissero, come mangiassero, quali fossero i problemi di tutti i giorni. In molte testimonianze troviamo traccia degli stati d’animo, delle emozioni, paure, della voglia di scappare da quell’inferno. Grazie a queste straordinarie testimonianze scopriamo la grande umanità dei semplici, di quelli mandati a morire ubriachi, delle loro amicizie e del loro coraggio del loro sopravvivere come d’autunno sugli alberi le foglie.”

Il secondo appuntamento col teatro nel periodo estivo sarà il 13 Luglio. Serata decisamente molto spassosa sarà quella che attenderà il pubblico di Meolo quando in Piazza Martiri della Llibertà saliranno in scena i ragazzi di Stivalaccio Teatro con il loro Don Chisciotte. Tragicommedia dell’Arte. La vicenda prende avvio a Venezia, anno 1545. Salgono sul patibolo gli attori Giulio Pasquati e Girolamo Salimbeni accusati di eresia. Non resta altro da fare che cercar di prendere tempo nell’unico modo che i due conoscano: recitando una Commedia. Ma non esistono commedie per due soli attori e i nostri sono costretti a ripescare il racconto di un marinaio conosciuto su di una nave spagnola: un tal Miguel de Cervantes. Prendono così avvio le avventure di Don Chisciotte e Sancho Panza, filtrate dai ricordi e dall’estro dei due saltimbanco che arrancano nel tentativo di procrastinare l’esecuzione. Duelli, salti, capriole, lazzi ma anche uno sguardo critico nei confronti di un fenomeno, l’inquisizione, tristemente conosciuto in tutta Europa.

INIZIO SPETTACOLI ORE 21.00

INGRESSO GRATUITO

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here