lunedì 17 Gennaio 2022
9.6 C
Venezia

Paura meningite, corsa ai vaccini. In molti lo devono comprare perché le Regioni non sono pronte

HomeCronacaPaura meningite, corsa ai vaccini. In molti lo devono comprare perché le Regioni non sono pronte

Paura meningite, corsa ai vaccini. In molti lo devono comprare perché le Regioni non sono pronte

La paura per il pericolo meningite è grande: dati ufficiali non ce ne sono, ma la sensazione di medici e operatori del ministero della Salute è che vi sia una corsa al vaccino contro la meningite, dopo gli ultimi casi in Italia.

L’ultimo in ordine di tempo è quello della ragazza genovese di 17 anni ricoverata a La Spezia, dov’era in vacanza, in gravi condizioni dopo aver contratto la meningite da meningococco (Neisseria Meningitidis).

Tuttavia, chi voglia vaccinare subito se stesso o i propri figli contro questa malattia non è detto che lo possa fare a spese dello Stato.
I tempi per fare diventare operativo in tutte le regioni il nuovo piano vaccini presente nei nuovi Lea (livelli essenziali di assistenza), possono essere molto lunghi: da mesi ad alcuni anni.

Nel nuovo piano è stato inserito il recente vaccino contro il meningococco del ceppo B da fare nel primo anno di vita, ma in sedute diverse da quelle che si fanno per le vaccinazioni obbligatorie (tetano, difterite, epatite B, polio), e contro il meningococco del ceppo C, per cui c’è un vaccino specifico, l’unico finora offerto da anni nelle regioni, o il tetravalente, che copre i ceppi A, C, W e Y.

”I ceppi B e C – precisa Gianni Rezza, epidemiologo dell’Istituto superiore di sanità – sono i più diffusi in Italia. Quello per il B è da fare nel primo anno, mentre per gli adolescenti è consigliabile il tetravalente perchè viaggiano, e il ceppo Y, tipico dell’America, e W dell’Africa, hanno iniziato a circolare anche in Italia”.

Solo poche regioni però hanno già iniziato, di propria sponte, ad offrire gratuitamente i nuovi vaccini inseriti nel piano vaccini (meningococco B e tetravalente).

Nel caso del ceppo B si tratta di Basilicata, Liguria, Puglia, Toscana, Veneto, Sicilia e Friuli Venezia Giulia, per il tetravalente i numeri sono ancora più bassi. In tutte le altre regioni bisognerà aspettare il recepimento del nuovo piano vaccini, sulla base anche delle risorse economiche e delle campagne vaccinali.

Nel frattempo ”le famiglie che vorranno vaccinare i loro figli per la meningite del gruppo B o con il tetravalente dovranno farlo comprando il vaccino in farmacia con la ricetta del medico – rileva Carlo Signorelli, presidente della Società di igiene – a proprie spese”.

E la cifra non è irrisoria, visto che le dosi da fare sono tre per il B e una per il tetravalente, ognuna circa del valore di 80 euro.

Quanto alla ‘psicosi’ da corsa al vaccino, dopo gli ultimi casi, come quello della ragazza romana morta al rientro dalla Giornata mondiale della gioventù di Cracovia, Signorelli rileva ”che si verifica ogni volta che ci sono episodi simili. Ma per noi medici non ha senso. Per evitare il rischio contagio per chi è stato in contatto con il malato, nei giorni immediatamente successivi, c’è la profilassi. Per proteggersi dalla meningite meglio vaccinarsi per tempo all’interno di campagne sistematiche”.

13/08/2016

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

No Vax passano alle minacce: lettera con proiettile a dottoressa di Padova

No Vax passano alle minacce: l'immunologa Viola a Padova finisce sotto scorta a causa di una lettera con proiettile. C'è grande riserbo dagli inquirenti ma si è saputo che la lettera di minacce No vax conteneva un proiettile ed è stata...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Quando i no vax finiscono in ospedale e cambiano idea sul vaccino. Di Andreina Corso

Aumentano di giorno in giorno le persone contrarie al vaccino, colpite dal Covid, che dopo un’esperienza ospedaliera traumatica scelgono di vaccinarsi e cercano di convincere gli altri a fare altrettanto. Quando la malattia ancora non ti tocca, quando ti è sconosciuta la...

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.