Meningite a Milano: morta la professoressa ricoverata

702

Donna curata con le erbe morì di cancro: dottoressa a processo

I mille alunni dell’istituto tecnico Curie Sraffa, nel quartiere popolare di San Siro, è commosso: «Ciao Pokankuni ». Si faceva chiamare così — con un soprannome che in lingua indiana vuole dire «imparare dagli altri» — Vittoria Patti, 54 anni, l’insegnante di Scienze morta ieri all’ospedale San Paolo di Milano per meningite fulminante.

Ancora una vittima da meningite in Lombardia: un’insegnante di 54 anni è morta giovedì all’Ospedale San Paolo di Milano per una grave infezione causata da uno dei batteri della meningite. Le sue condizioni, all’arrivo in ospedale, erano apparse subito molto gravi. Intanto sono già state sottoposte a profilassi antibiotica diverse persone, e gli esperti sono al lavoro per identificare con esattezza il ceppo del batterio responsabile.

Tutto era iniziato mercoledì alle 1:.45 quando la donna, che insegnava all’Istituto superiore ‘Curie Sraffa’ nella zona ovest di Milano, è stata portata al San Paolo. Immediato il ricovero
in rianimazione e l’attivazione dei protocolli per contenere la diffusione del batterio. Già nella serata l’Agenzia per la Tutela della Salute (Ats) di Milano aveva sottoposto a profilassi antibiotica 11 persone, tra cui 4 famigliari e 7 amici, come ha confermato l’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera.

Intanto “sono state messe in atto tutte le procedure tipiche di questi casi – ha detto l’Ats -. I nostri tecnici sono già stati nella scuola per coinvolgere nella profilassi antibiotica tutti i colleghi e gli alunni delle nove classi con cui l’insegnante ha avuto contatti recenti”. Per loro la profilassi avverrà già nei prossimi giorni.

In collaborazione con la Direzione scolastica, l’Ats ha avviato le indagini per ricostruire le attività didattiche e i contatti che la donna ha avuto all’interno della scuola, informando contestualmente le famiglie dei ragazzi e organizzando un incontro con i genitori degli studenti e con i docenti per fornire tutte le informazioni del caso.

Secondo il direttore del Servizio di igiene e sanità pubblica dell’Ats, “questo caso rientra nelle statistiche: ci aspettiamo un paio di episodi di questo tipo al mese, anzi sarebbe curioso il contrario”.

L’assessore Gallera ha confermato che l’infezione che ha colpito l’insegnante è stata causata da un meningococco, specificando che “sono in corso ulteriori esami per l’identificazione del ceppo”.

La Regione ha ribadito che non c’è alcuna emergenza: “Si mantiene comunque alta l’attenzione nei confronti delle infezioni da meningococco e si confermano le strategie di prevenzione e controllo già in atto”.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here