30.9 C
Venezia
giovedì 29 Luglio 2021

Medico negazionista e complottista posta video: stipendio tagliato

HomenegazionistiMedico negazionista e complottista posta video: stipendio tagliato

Medico negazionista e complottista posta video subisce il taglio dello stipendio come sanzione punitiva: la Asl gli riduce per cinque mesi lo stipendio. Aveva postato il video sui social.
Cinque mesi di stipendio ridotto del 20% per aver diffuso teorie negazioniste sul web.
Questa la definizione dell’Asl To4 nei confronti del dottore di 60 anni, medico di base di Borgaro, nel torinese, finito nell’occhio del ciclone, a ottobre, per alcune sue esternazioni sul Covid e, soprattutto, sul vaccino antinfluenzale.
G.D. aveva dichiarato: “Si sa con certezza da un istituto del Pentagono che il Coronavirus subisce un’attivazione per mezzo del vaccino antinfluenzale”, aveva raccontato in un video,

pubblicato su alcuni social network, ma il medico torinese è stato subito segnalato dai colleghi all’Ordine di Macerata, essendo lui iscritto in quell’ordine professionale pur lavorando in Piemonte.
Nei giorni successivi, partendo dalla segnalazione dei carabinieri del Nas, anche la procura di Ivrea aveva aperto un fascicolo d’indagine per procurato allarme nei confronti del medico negazionista.
Secondo gli investigatori l’ex ufficiale medico di completamento avrebbe diffuso teorie allarmanti su un’ipotetica attivazione del Covid da parte del vaccino antinfluenzale.
Il procedimento disciplinare dell’Asl To4 è stato

il primo ad arrivare a una conclusione.
L’azienda sanitaria, lo scorso 21 dicembre, tramite il collegio arbitrale, ha disposto una sanzione che consiste nella riduzione dello stipendio del medico “nella misura del 20% per la durata di mesi cinque” a partire dal 31 dicembre, così come previsto dall’accordo collettivo nazionale che disciplina i rapporti con i professionisti di medicina generale.
L’atto deliberativo e la documentazione istruttoria sono stati inviati all’Ordine dei medici

per eventuali e ulteriori provvedimenti a suo carico. G.D., in merito alle affermazioni rilasciate in quel video, poi eliminato dai social dove era stato pubblicato, è stato già ascoltato a Macerata lo scorso 3 novembre.
L’Ordine prenderà eventuali decisioni dopo che si concluderà l’indagine della procura di Ivrea.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.