3.1 C
Venezia
sabato 04 Dicembre 2021

Maxi operazione antidroga della Polizia locale: smantellata organizzazione dello spaccio alla Gazzera

Homelotta agli stupefacentiMaxi operazione antidroga della Polizia locale: smantellata organizzazione dello spaccio alla Gazzera
la notizia dopo la pubblicità

Maxi operazione antidroga della Polizia locale: smantellata organizzazione dello spaccio alla Gazzera
Sette serre, strumentazione per 20mila euro, quasi un chilo di foglie di marijuana essiccate e altrettante da essiccare, decine di bottiglie di diserbante, una centrale pronta per immettere nel mercato diecimila dosi di stupefacente.

Maxi sequestro operato dalla Polizia locale sabato sera nei confronti di un veneziano di 47 anni, M.A., arrestato e posto ai domiciliari dal Giudice per le indagini preliminari al termine dell’udienza di convalida.

Gli agenti del Nucleo Sicurezza urbana del Corpo hanno requisito l’intero capannone rurale della Gazzera dove è stata trovata la base di coltivazione dello stupefacente, al termine di perquisizioni durate un’intera nottata.

I risultati dell’operazione, coordinata dalla Procura della Repubblica, sono stati presentati questo pomeriggio nel corso di una conferenza stampa nella sede del Comando di Polizia locale di piazzale Roma alla presenza del comandante della Polizia locale, Marco Agostini, dell’assessore alla Sicurezza urbana, Giorgio D’Este, del capo di gabinetto del Sindaco, Morris Ceron, e del responsabile del Servizio Sicurezza urbana del Corpo, commissario capo Gianni Franzoi.

L’intervento degli agenti è scattato verso le ore 19 di sabato scorso: l’arrestato è stato individuato in via Brunacci a Marghera e, viste le due unità cinofile, ha cercato di eluderle deviando velocemente il suo itinerario. Una mossa inutile.

Il 47enne ha quindi consegnato agli operatori del Nucleo operativo alcune dosi di marijuana, ma gli approfondimenti hanno indotto gli agenti a raggiungere la sua abitazione di Marghera per una perquisizione domiciliare.

Al termine di quest’ultima sono stati sequestrati: un box serra con una pianta matura di marijuana con inflorescenze pronte per la triturazione, un altro etto circa di foglie essiccate e triturate, strumentazione ad hoc per la coltivazione in serra, una macchina per il sottovuoto e 30 bottiglie di diserbante.

Le indagini si sono poi allargate a un capannone rurale alla Gazzera, affittato dal febbraio scorso, dove sono state requisite 7 serre per la coltivazione “a cascata” di piante di marijuana. Ognuna poteva contare su attrezzature costose e moderne (del valore di 20mila euro totali) per la ventilazione, l’illuminazione, la temporizzazione e il controllo dell’umidità degli spazi. Al termine degli accertamenti l’immobile è stato sequestrato, il 47enne (con un precedente specifico) è stato arrestato e sono state tolte dal mercato diecimila dosi circa di stupefacente.

“L’operazione è il logico frutto di un controllo del territorio sempre più capillare – ha dichiarato il comandante Agostini – non si tratta di un sequestro di poco conto, anzi. Avevamo informazioni precise sul fatto che il 47enne avesse la capacità di gestire discreti quantitativi di stupefacente, soprattutto in zona Marghera. Abbiamo tolto dalla piazza una vera centrale di spaccio”.

Durante la conferenza si è sottolineato come il Comune di Venezia abbia assunto negli ultimi anni 200 nuovi agenti, specie per stringere le maglie dei controlli nei luoghi “caldi” della città in orari serali e notturni. Non ci si fermerà qui, visto che è già stato pubblicato un ulteriore bando per 60 operatori di Polizia locale che andranno a rinforzare le fila delle squadre operative che già, specie di sera e di notte, perlustrano incessantemente il territorio a bordo di 13 radiomobili.

“Non solo – ha dichiarato il capo di gabinetto Morris Ceron, ringraziando a nome del sindaco la Procura della Repubblica per il coordinamento delle indagini – stiamo investendo anche in tecnologia. A breve saranno operative la nuova Smart Control Room e 160 telecamere in tutta la Città, in grado di inviare le immagini in tempo reale alla centrale operativa. Continueremo in questa direzione, assumendo giovani agenti volenterosi e preparati e aggredendo giorno dopo giorno lo spaccio. L’abbiamo fatto dal 2015, quando ci siamo insediati, fino a oggi. Abbiamo demolito i Cubi della Bissuola, per esempio, e i luoghi che un tempo erano di spaccio e degrado li stiamo riconquistando assieme ai cittadini. Al Parco Albanese, infatti, abbiamo portato la Biennale e altre attività sociali. Siamo consapevoli, però – ha continuato Ceron -, che il contrasto non basta, servono anche sensibilizzazione e formazione. Per questo abbiamo lanciato un grande ‘piano Marshall’ per lo sport da 20 milioni di euro, investendo sulle strutture sportive cittadine, e abbiamo rivitalizzato, anche attraverso l’urbanistica, spazi e luoghi dove prima si spacciava. Ora la gente ferma i nostri agenti per ringraziarli del loro operato – ha concluso – è cambiato il sentire comune, non posso che complimentarmi, a nome di tutta l’Amministrazione, con gli operatori del Corpo di Polizia locale di Venezia”.

“Voglio ringraziare ancora una volta i nostri agenti della Polizia locale – ha commentato l’assessore alla Sicurezza urbana, Giorgio D’Este – Ogni giorno ci dimostrano di essere preparati e capaci. Sono convinto che politicamente si debba lavorare, anche a livello di Governo, per dare pari dignità a questo Corpo rispetto alle altre Forze dell’Ordine”.

Dall’inizio dell’anno il Servizio Sicurezza urbana del Corpo di Polizia locale ha effettuato 82 arresti in flagranza di reato e ha denunciato a piede libero 134 persone.

Per quanto riguarda in specifico l’attività antidroga:

sono stati colti in flagranza di reato 48 spacciatori, di cui 23 tratti in arresto;
sono stati effettuati 175 sequestri/rinvenimenti di sostanze stupefacenti;
sono stati segnalati alla Prefettura 76 consumatori di sostanze stupefacenti;
sono stati sequestrati 9,513 chilogrammi di sostanze stupefacenti.

Maxi operazione antidroga della Polizia locale: smantellata organizzazione dello spaccio alla Gazzera

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...