domenica 23 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

Mascherine obbligatorie per strada a Chioggia da domani: nuova ordinanza del sindaco

HomeChioggiaMascherine obbligatorie per strada a Chioggia da domani: nuova ordinanza del sindaco

Anche Chioggia si adegua alle nuove linee prudenziali per prevenire la diffusione del contagio.
Da domani, 7 dicembre 2021, in “tutto il territorio comunale” è “fatto obbligo di indossare la mascherina”.

Ecco la nuova Ordinanza appena diffusa a firma del sindaco di Chioggia, Mauro Armelao.


IL SINDACO
Premesso che:
• II 30 gennaio 2020 l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale l’epidemia da COVID 19;
• Il 31 gennaio 2020 il Governo italiano, dopo i primi provvedimenti cautelativi adottati a partire dal 22 gennaio, tenuto conto del carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia, ha proclamato lo stato di emergenza e messo in atto le prime misure di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale;
• Il Presidente del Consiglio dei Ministri con vari propri Decreti ha emanato disposizioni riguardanti “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19”;
• Da lunedì 7 giugno 2021 il Veneto è inserito in zona bianca, come disposto da Ordinanza Regione Veneto e confermata dall’Ordinanza del Ministero della Salute del 1 giugno 2021;
• Il Ministro della Salute, il 22 giugno 2021, ha emanato l’ordinanza “Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 in «zona bianca»” con cui, dal 28 giugno 2021, nelle «zone bianche» “cessa l’obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie negli spazi all’aperto, fatta eccezione per le situazioni in cui non possa essere garantito distanziamento interpersonale o si configurino assembramenti o affollamenti”;
• II Consiglio dei Ministri n. 30, con D.L. 23 luglio 2021, n. 105 ha deliberato di prorogare fino al 31 dicembre 2021 lo stato di emergenza nazionale e ha deciso le modalità di utilizzo del Green Pass e nuovi criteri per la “colorazione” delle Regioni;
• Il Ministero della Salute con ordinanza del 28 ottobre 2021 ha reiterato le misure di cui all’ordinanza del Ministro della Salute 22 giugno 2021 concernente i dispositivi di protezione delle vie respiratorie nella «zona bianca» ovvero l’utilizzo obbligatorio dei dispositivi di protezione individuale laddove non sia possibile rispettare il distanziamento;
• in data 1 dicembre 2021 si è riunito il Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto, Dr. Vittorio Zappalorto, alla presenza dei vertici delle Forze dell’Ordine, del Comune di Venezia e della Città Metropolitana per la pianificazione delle attività di controllo dell’obbligo del possesso del Green pass e di tutte le misure di contenimento del contagio rafforzate dalle previsioni del Decreto Legge n. 172 del 26 novembre 2021;
• Il Prefetto, a seguito della riunione di cui sopra, come aveva già fatto con i rappresentanti delle categorie degli operatori economici, ha invitato i Sindaci ad un impegno congiunto, al fine di contenere la diffusione dei contagi e soprattutto di garantire la libertà di movimento e la prosecuzione delle attività sociali ed economiche, specie nelle prossime festività natalizie.
Considerato che nel periodo natalizio è prevedibile che nel territorio comunale possano formarsi
assembramenti ed affollamenti, sia in occasione di iniziative di intrattenimento e animazione programmate dall’Ente per le festività, sia in occasione dello shopping natalizio;

Ritenuto che:
• è in corso un aumento progressivo dei contagi da virus “Covid-19”, determinato anche dalla recente
variante Omicron, come confermato dai monitoraggi giornalieri dell’AULSS 3;
• potrebbero crearsi situazioni frequenti in cui il distanziamento di almeno un metro previsto dalle norme in vigore non risulterebbe garantito;
• la mascherina costituisce un presidio che aiuta a limitare la diffusione del virus in aggiunta ad altre misure di protezione e di igiene personale e delle mani, tutte misure ancora vigenti;
Visti gli articoli 32, 117 comma 2, lettera q) e 118 della Costituzione;
Visti gli articoli 32 L. 833/1978 e 50 D.Lgs. 267/2000;
Ritenuto, per quanto sopra esposto, di ordinare l’uso della mascherina in ogni occasione, ad esclusione di quelle situazioni in cui le condizioni di tempo e di luogo consentono di rispettare sempre la distanza interpersonale;

ORDINA
1) È fatto obbligo di indossare la mascherina chirurgica o di comunità, ovvero mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire una adeguata barriera e che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso, con esclusione di dispositivi con filtro, da martedì 7 dicembre 2021 a domenica 9 gennaio 2022, in tutto il territorio comunale in ogni occasione, ad esclusione di quelle situazioni in cui le condizioni di tempo e di luogo consentono di rispettare sempre la distanza interpersonale;
2) Nessun obbligo di indossare le mascherine per i bambini di età inferiore ai sei anni e per i portatori di patologie e/o disabilità non compatibili con I’uso continuativo della mascherina;

DISPONE
La presente Ordinanza viene trasmessa:
• al Prefetto della Provincia di Venezia;
• alla Questura di Venezia;
• al locale Comando Compagnia Carabinieri;
• al locale Comando Compagnia Guardia di Finanza;
• al Comando Polizia Locale;
• al Direttore Generale AULSS 3 “Serenissima”
La Polizia Locale e le Forze dell’Ordine sono incaricate dell’esecuzione della presente Ordinanza.
COMUNICA
In caso di mancata ottemperanza alla presente ordinanza seguirà l’applicazione delle sanzioni amministrative disposte dall’art. 2 decreto-legge 16.5.2020 n. 33.
Avverso il presente provvedimento è ammesso, entro 60 giorni dalla pubblicazione aIl’Albo Pretorio, ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale del Veneto o, in alternativa, entro 120 giorni dalla pubblicazione, al Presidente della Repubblica.
Si dà atto che la presente Ordinanza, in ragione del suo carattere cautelare ed urgente, è sottratta all’obbligo della preventiva comunicazione di avvio del procedimento di cui all’art.7 della L. n. 241 del 1990.
Chioggia, 06/12/2021
IL SINDACO
Mauro Armelao

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione Venezia
Dalla redazione di Venezia. Per comunicare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !

Mauro da Mantova è morto. L’ospite della trasmissione ‘La Zanzara’ non ce l’ha fatta

Mauro da Mantova è morto ieri a Verona. Era ricoverato dal 10 dicembre, quasi subito era entrato in condizioni critiche e, alla fine, non c'è stato niente da fare. Mauro da Mantova, "ospite-incursore" della trasmissione radiofonica "La Zanzara" è spirato all’ospedale Borgo...

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.