8.4 C
Venezia
mercoledì 01 Dicembre 2021

La poliziotta si è davvero sparata in ospedale? Dubbi sul tentato suicidio

HomeIl GialloLa poliziotta si è davvero sparata in ospedale? Dubbi sul tentato suicidio
la notizia dopo la pubblicità

In quel fragile filo di speranza che sostiene la vita di Maria Teresa Trovato Mazza, la poliziotta che lotta fra la vita e la morte dopo che un proiettile l’ha colpita all’interno di un ascensore dell’Ospedale Civile di Venezia, si muovono le disperate domande del genitori, che non si spiegano e non si rassegnano a quanto è successo.
Eppure Sissy, come la chiamavano affettuosamente gli amici, alle prese con un lavoro delicato qual è la guardia carceraria, con i suoi 28anni e tutta la vita davanti, quel giorno di era recata al reparto maternità, a far visita ad una donna detenuta al carcere della Giudecca che aveva appena partorito.
Quel che è successo “dopo”, è offuscato da quel lago di sangue in ascensore che ha aperto interrogativi inquietanti ai quali sembra complicato dar risposta. In un primo momento gli inquirenti avevano ipotizzato un suicidio, ma poi le rivelazioni degli amici, dei colleghi di lavoro, dei familiari, hanno condotto sempre più lontano quella possibilità.

I genitori non credono al suicidio, lo dicono ai microfono di radio e televisioni, interrogano e si interrogano, ascoltano le dichiarazioni di chi condivideva le sue giornate, al lavoro, fra gli amici, che del resto la ricordano solare, piena di curiosità e voglia di vivere. Sì qualcuno ha giudicato un po’ strani i comportamenti di Sissy negli ultimi giorni, forse qualche preoccupazione, ma nulla da far presagire una situazione tanto drammatica.
E poi le analisi sulla traiettoria del proiettile, la posizione destra o sinistra della mano che ha premuto il grilletto della pistola, questi e tanti affannosi e stucchevoli particolari, stanno invadendo la vita della ragazza e della sua famiglia, tragicamente precipitate in questa tragedia.

Lo diranno le indagini che la Procura sta puntualmente svolgendo con la massima discrezione, quel che è realmente accaduto a Sissy, che sta trattenendo fra la vita e la morte la terribile verità.

Andreina Corso

17/11/2016

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...