martedì 18 Gennaio 2022
12.3 C
Venezia

Maree sopra i 100 cm. in aumento a Venezia, il Mose c’è, però…

Homeinnalzamento dei mariMaree sopra i 100 cm. in aumento a Venezia, il Mose c'è, però...

Venezia è stata protetta la notte scorsa dall’acqua alta grazie all’ennesimo sollevamento del sistema Mose alle tre bocche di porto. La massima, misurata in mare alla diga Sud del Lido è stata di 125 centimetri sul medio mare, a mezzanotte e mezza, mentre in città, al mareografo di Punta della salute, il livello dell’acqua non ha superato i 75 centimetri, con il centro storico all’asciutto.

Ma se il Mose protegge dalle alte maree crescono quelle definite “sostenibili” che pur non invadendo tutta la città, talvolta annunciano allagamenti a piazza San Marco e nelle parti più basse di Venezia.

Quando l’alta marea oltrepassa il metro, la città si mette in posizione di ascolto e trema. E con lei gli occhi vigili dei veneziani puntati sull’acqua a controllare che non salga, e poi rivolti al cielo per scrutare la direzione delle nuvole, con il naso da segugio orientato a scoprire le bizzarrie del vento, la predizione della poggia, che in queste giornate batte insistente sulla città.

Quei 10, 20 centimetri oltre il metro creano allarme, anche se il Mose rassicura con la sua sperimentata e positiva azione: la riconciliazione tra quest’opera mastodontica tormentata e i veneziani, è avvenuta, dopo tanti anni d’incertezza.
Oggi i cittadini sanno che le paratie sono una barriera efficace al respingimento dell’alta marea, si sentono difesi quando il Mose è attivato e protegge la città.
Brucia ancora il ricordo dell’alta marea dell’anno scorso, quell’8 dicembre invaso dall’acqua con 138 centimetri sul medio mare, che a ben vedere poteva essere evitata.

In quella circostanza il Mose non è stato attivato perché né il Commissario straordinario, né il Provveditorato hanno dato l’ordine di azionarlo, ritenendo, che le previsioni non superassero i 125 centimetri.

L’esperienza ha insegnato e ora le barriere del Mose (acronimo di Modulo sperimentale elettromeccanico, per la difesa di Venezia e della sua laguna), vengono azionate e sollevate non appena l’acqua supera il metro.

Ciò nonostante, vi è un aumento di ore, nell’ultimo anno di acqua alta sopra i 110 centimetri in mare, e ciò induce a non stare in attesa del peggio e a sollevare le 78 paratoie, chiudendo così le tre bocche di porto, e abbandonando i parametri ufficiali indicati per la messa in azione del Mose.

Come ci ricorda la Nuova Venezia oggi, nel 2020 si sono contate 81 maree sopra gli 80 centimetri al 3 dicembre 2020, alla stessa data di quest’anno, se ne erano registrate già 107: ben 26 in più.

L’Ismar – Crn Istituto di Scienze Marine di Trieste in un suo studio rivela i dati dell’andamento dell’Adriatico.
Venezia sta sprofondando, avvertono, spiegandoci che dal 1890 il mare è salito e il terreno è sprofondato: l’acqua è più alta di 30 centimetri.
“Venezia sprofonda. Ma anche l’Adriatico si abbassa, contrariamente agli allarmi d’innalzamento del mare. La ricerca mette in evidenza che il fenomeno d’innalzamento riguarda tutto l’alto Adriatico, sia Venezia sia Trieste.
La differenza fra le due città (e quindi fra le due reazioni) è nel tipo di suolo. In particolare, Trieste è posata su roccia calcarea rigida. Venezia è posata su terreni molli e cedevoli”.
Chi dice che l’acqua alta di Venezia sia dovuta ai soli cambiamenti climatici, secondo il Cnr dà un giudizio incompleto, perché non siamo ancora in possesso dei dati che lo dimostrino.

Di tutt’altra convinzione il Comitato No Navi, che nel suo dossier 2021,” nel cambiamento climatico riconosce una grande responsabilità e se è pur vero che il Mose ha difeso per una ventina di volte la città dalla marea, il Comitato ribadisce che non sono mancate nemmeno le osservazioni sui danni provocati all’ecosistema e alla morfologia lagunare, di cui ancora, troppo poco sappiamo a causa di una colpevole mancanza di ricerca da parte delle istituzioni preposte al tema salvaguardia”.

Il 2021 ha consigliato in ogni caso di attuare la prevenzione e di mettere in azione il Mose, anche quando il rischio appare lieve.
Venezia non sopporterebbe più di essere sommersa dall’acqua e si regola uscendo dalle indicazioni dei parametri ufficiali che attiverebbero il Mose intorno ai 130 centimetri di previsione: secondo scienza e coscienza, sopra il metro s’interviene.
E sotto il metro? Si profila un’area marciana anfibia e destinata a rimanerlo, se non si sperimenterà qualcosa che la protegga.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

“Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Lettere

In risposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai soli veneziani, specialmente quelli di adesso che non l’hanno davvero fondata. Tanto sbraitano contro il turismo /petrolio della città, ma in fondo cos’altro...

“Io, sfrattata da Venezia, ho voluto a tutti i costi tornarci ed è stato un incubo”. Lettere

In risposta alla lettera “So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Venezia... Io ci sono nata 60 anni fa e sono dovuta scappare a 15 anni con tutta la famiglia perché già a quei tempi per...

“Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Lettere

In risposta alla lettera “Venezia è ingorda di denaro. Sarebbe l’ora di un progetto sostenibile”. Mi si spezza il cuore ogni volta che vado a Venezia. La mia città dove sono nata e cresciuta e che amo profondamente. Vivo in terraferma da...

Porto off-shore: tempi lunghi e incertezza sulla crocieristica

Le 11 proposte per il concorso di idee del porto Off-shore di Venezia arrivate all’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Settentrionale sono state accolte con ottimismo. C’è chi ha letto in questa nutrita partecipazione un inaspettato interesse per Venezia ma in...

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Ovovia, il Comune di Venezia vuole i danni (video della traversata)

L’Ovovia del Ponte di Calatrava e la sua rimozione: il Comune chiama in causa per danni i progettisti e le imprese costruttrici.

Turisti riducono Piazza San Marco pizzeria a cielo aperto: da oggi non pagherò più le tasse

Il prof. Tamborini denuncia che la Polizia Municipale è intervenuta solo dopo molte insistenze e quando ormai non c'era più niente da rilevare. Oltre al fatto che ormai non viene praticamente sanzionato più nulla (neanche agli abusivi), perchè un cittadino deve...

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...