20.2 C
Venezia
venerdì 17 Settembre 2021

La Marchesina Pia, convalescente, riceve visita dalla zia Marchesa Isetta. Di Roberto Bellino

Homeper sorridereLa Marchesina Pia, convalescente, riceve visita dalla zia Marchesa Isetta. Di Roberto Bellino

Cara siora zia, grassie d’esser qua,
go sta mainconia che noa me voe passar;
me toca stare in leto in questa posissiòn,
un brusco maedèto m’ha fato sta infessiòn.

Me ciàpa tuto el fianco, zo, zo, fin al calcagno,
de star cussì me stanco, tre giorni che no magno;
si, bècolo calcossa…soltanto un fià de fruta…
e co me vién ea mossa gò ‘e serve che me iuta.

Par bevare me toca, alsarme un fià in sentòn
portare el goto in boca ‘l deventa na ossessiòn.
Vardè, qua, el me sedere l’è tuto incerotà,
go tanto un dispiassère de no poderme alsàr,

par darve almanco un baso, mia cara zia Isetta….
me sgiossa uncora el naso…passème quea pesseta,,,
go uncora el rafedore che nol me voe passare…
in gola gò un sbrusòre……me par de sofegàre…….

Vedìo, zietta cara, in che stato sò ridota?…..
gò ‘a boca tanto amara e ea fronte che me scòta.
Se desso vuì ‘ndare, cara zia no ve trategno…
ea vostra conpagnia a me xe stà de gran sostegno.

Saludè ‘l sior zio Anacleto, e me cugineta Ilaria,
disìghe che sò in leto, butà col cul pararia.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor