Il primo pensiero post-Lucca (dopo il viaggio, la pioggia presa, le bevute serali, i play-test eccetera eccetera…) di norma è “Ok. Adesso non pensiamo più a Lucca fino all’anno prossimo”. E invece no. Perché ci sono ancora giochi da provare, ancora scadenze da rispettare, ancora impegni che per lo meno dureranno fino a marzo.

E poi ci sarà Play. E poi di nuovo Lucca. E venne il gatto che si mangiò il topo che a Lucca mio padre comprò…

Per sdrammatizzare (e per non andare fuori di testa, o per lo meno non andare PIU’ fuori di testa di quello che già sono), prima di passare alle cose serie (Kingsburg? Chi ha detto Kingsburg?) questa volta, lasciatemi giocare un poco con i voti per il meglio e il peggio di Lucca 2017.

Una specifica: non sarò così perfido, non parto dallo zero assoluto ma da 3, fino ad arrivare al 9 perché 10 sarebbe voto esagerato per quasi qualsiasi cosa (a parte chi produrrà il mio primo gioco in preparazione, e qui è un 10 sulla fiducia grazie…)

3 – TRENITALIA
Ok, Lucca si trova più o meno vicino a Macondo, ma gli oltre 80.000 visitatori al giorno li fa da almeno 5 anni. Ok, una tratta è a binario unico e quindi capiamo le difficoltà. Ma 50 minuti di ritardo medi nella tratta Firenze – Lucca, con soste in mezzo ai campi per quasi mezz’ora non si possono giustificare con un “affollamento alle stazioni”, quando poi i tempi di attesa alle stesse sono nella media…
L’anno prossimo, oltre a dividere la stazione in due, si riesce a pensare a qualcosa di meglio?

4 – HAI QUALCOSA CONTRO LA DROGA?
Potrei rispondere in mille modi diversi, ma no, scusate, a voi soldi non ne do. Ma possibile che NESSUN ente pubblico o privato riesca ad allontanare queste pseudo-associazioni dalle mostre e dalle piazze principali? Come riescono ad infiltrarsi ovunque? Sono cosplayer, è l’unica risposta.

5 – IL PANINO CON LA PORCHETTA
Noooooo!!!!!! Quest’anno non c’era lo stand con il porchetto live esattamente dall’altroporchetta lucca 2017 300250 lato della strada rispetto all’area comics! E io cosa mangio? Tornate per favore!!!!

6 – BORDA FEST
Potrebbe essere il “vero” festival, l’area più innovativa, divertente e culturalmente interessante del comics. E invece la confinano nemmeno SULLE mura ma proprio SOTTO le mura, senza quasi indicazioni. Ok, non fa parte del Lucca Comics ufficiale, ma da qui escono idee e progetti che non sfigurerebbero nei padiglioni delle case editrici. Pensateci, meritano di più

7 – ENZO TROIANO
omega gioco box 300130Avrà il suo caratterino, avrà le sue idee, potrà piacere o meno ma quest’anno uno dei vincitori di Lucca è lui. Omegha, dopo il fumetto dell’anno passato che era solo una anteprima, ora è uno splendido gioco. Ma non lo troverete: sold-out in due giorni. E un motivo ci sarà…

8 – SPARTACO ALBERTARELLI
Io da grande voglio essere Spartaco Albertarelli. Probabilmente ne esistono quattro cloni, perché non è possibile che sia in fiera allo stand, a quattro tavoli in contemporanea a spiegare giochi, a rispondere a mille post su facebook, a fare una intervista tv e a spiegarti in contemporanea due nuovi suoi prototipi (oltretutto molto belli…). Spiegatemi come fa. Forse dopo la fiera si chiude in letargo per 3 mesi e risorge a Modena…

9 – L’OUTLET GIOCHI UNITI
Accanto all’immensa area giochi c’è uno stanzino piccino picciò. Poi entri e diventalucca games 2017 350220 enorme, e vorresti portare via di tutto. Solo per dire qualcosa: espansioni di Catan a 15 euro. Giochi storici di Leo Colovini a 20 euro. Buffalo di Alex Randolph a 7 euro (ma non c’è più. Ne ho presi 4 io da regalare a TUTTI…).
L’anno prossimo dotatelo di possibilità di bancomat se volete rovinare qualsiasi appassionato, grazie.

Va bene, ho capito, volete a tutti i costi un 10. Lascio agli impaginatori il compito di concludere il pezzo con la foto simbolo di Lucca di quest’anno. Che è questa:

grande pennello lucca 2017

Massimo Tonizzo

GIOCHI-AMO, GIOCHI DA TAVOLO E DI RUOLO

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here