20.4 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Lone Survivor, l’Afghanistan degli eroi senza superpoteri. Di Alice Bianco

HomeFilm: anteprime e gossip di Alice BiancoLone Survivor, l’Afghanistan degli eroi senza superpoteri. Di Alice Bianco

Lone Survivor locandina film

Tratto dall’omonimo romanzo best seller del New York Times, Lone Survivor, è storia di vita vera, non è il classico film di guerra che tutti si aspettano, ma pura adrenalina, colpi di scena ed una buona dose di emozioni e sentimentalismo, che lo distinguono dagli altri del genere.

La pellicola racconta l’incredibile storia di quattro Navy SEAL, in missione segreta in Afghanistan, per neutralizzare una potente cellula di al-Qaeda. Il piccolo gruppo, composto da Marcus Luttrell (Mark Wahlberg), Michael Murphy (Taylor Kitsch), Danny Diez (Emile Hirsch) e Matthew “Axe” Axelson (Ben Foster) rimarrà isolato dai soccorsi e circondato da una milizia talebana numericamente più grande e pronta alla guerra, dovrà affrontare la terribile lotta contro i nemici. Solamente uno di essi riuscirà a sopravvivere.

Dopo il disastroso ‘’Battleship, l’attore e regista Peter Berg, porta sul grande schermo un film finalmente degno di nota. Lone Survivor è si un film di guerra, d’avventura, ma ciò che lo caratterizza sono proprio le scene toccanti, quelle in cui viene mostrata la sofferenza e il non arrendersi mai dei protagonisti.

Questi Navy SEAL sono ritratti come semplici uomini, con una famiglia a casa che li aspetta, con sogni, speranze, ma soprattutto come dei veri eroi, senza bisogno di superpoteri. Armati di bombe e fucili, sarà però solamente con la loro forza di volontà e di ricongiungersi con i loro cari, che riusciranno ad andare avanti a combattere e a ‘’non abbandonare mai la battaglia’’.

Uomini i Navy SEAL, dotati di etica e morale. Esemplare la scena in cui i quattro soldati discutono sul da farsi, dopo aver fermato tre membri della tribù talebana locale. Lasciarli liberi o ucciderli come i nemici hanno fatto prima di loro? Chi è d’accordo e chi no, ma a dispetto del buonismo, la decisione presa dal loro comandante, Murphy, decreterà gli esiti delle vicende a venire.

È proprio da questo momento in poi che il clima della pellicola, partita un po’ in sordina, con un ritmo pacato, finisce per spiccare il salto, un accelerata e un exploit delle scena d’azione, che fanno venire il fiatone persino al pubblico, sono proprio la chiave del successo della magistrale opera di Berg.

Tanti gli effetti speciali, le inquadrature soggettive che regalano allo spettatore la possibilità di vivere i combattimenti in prima persona e tante anche le emozioni. Commuovente, travolgente e spiazzante, Lone Survivor lascia senza parole e l’unica cosa da fare è proprio lasciarsi trasportare. È proprio il caso di dire, missione compiuta.

Alice Bianco

[19/02/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.