domenica 23 Gennaio 2022
4.9 C
Venezia

Lo Sguardo su Venezia, documentario di Simone Marcelli con Ottavia Piccolo e Carlo Montanaro

HomeVeneziaLo Sguardo su Venezia, documentario di Simone Marcelli con Ottavia Piccolo e Carlo Montanaro

Martedì 18 gennaio alle ore 19.00 al Gran Teatro La Fenice verrà presentato in prima assoluta il documentario Lo sguardo su Venezia di Simone Marcelli, prodotto da Catrina Producciones e Incipit23. Il film si avvale della partecipazione di Ottavia Piccolo e di Carlo Montanaro, storico del cinema e dell’immagine. Le musiche sono di Pino Donaggio, eseguite dai Solisti Veneti che nel corso della serata eseguiranno alcuni brani della colonna sonora alla presenza dell’autore.
Ingresso a invito fino ad esaurimento dei posti disponibili: sguardosuvenezia.com/la-prima

Dal Gran Tour alla Belle Époque, dagli anni del turismo di massa fino al vuoto irreale della Piazza San Marco nei giorni del lockdown e della pandemia, la città della Serenissima ha conservato intatta la sua bellezza, ma ha mutato profondamente la propria essenza – fino al rischio di perderla – condizionata dalla sua progressiva spettacolarizzazione. Il mito di una Venezia romantica, che ha consegnato alla città una fama ineguagliabile, ma anche mortifera, è stato forgiato nella stessa laguna, protagonista nei secoli passati dell’evoluzione artistica del vedutismo e di quella tecnica dell’ottica e della fotografia.

Condotto da Ottavia Piccolo, lo spettatore si muove alla scoperta dell’evoluzione storica, filosofica ed esistenziale di Venezia e dei suoi possibili futuri. Ma il documentario è anche e soprattutto una riflessione sulla tecnica che tutta questa evoluzione ha condizionato e determinato – dall’uso della camera ottica nel vedutismo del Canaletto alle riproduzioni con coloritura a mano e agli “effetti notte” punteggiati di luci tremolanti, dall’invenzione della fotografia alla sua spettacolarizzazione mediante macchine ottiche e soluzioni frutto molto spesso del genio veneziano e ancora oggi capaci di sorprendere e affascinare.

Grazie al contributo dello storico del cinema veneziano Carlo Montanaro, allo spettatore viene rivelata la relazione tra sguardo ed evoluzione della tecnica, attraverso la quale Venezia cominciò nel XVII e XVIII secolo ad attrarre un numero sempre maggiore di viaggiatori, protagonisti del Gran Tour e della nascita del turismo moderno. In questa città di grandi costruttori di lenti, inventori di macchine ottiche e maestri della fotografia, prende forma e rappresentazione il viaggio sentimentale borghese che qui trova le sue icone intramontabili con la creazione del Lido e del lusso dei Grand Hotel e poi ancora negli anni Trenta del ‘900 con l’ideazione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, culmine del processo di spettacolarizzazione e del nuovo mito della Venezia del festival e del jet set.

La riflessione giunge progressivamente ai nostri giorni, all’accentuarsi di un vuoto economico e identitario che viene riempito da chi dello sguardo su Venezia si vuole appropriare. Lo spettatore è condotto a riflettere sullo sconvolgimento di un turismo di massa, che ha stravolto i connotati del suo prezioso centro storico, compromettendone il precario equilibrio e facendo sorgere un dubbio lacerante: Venezia esiste ancora al di là al dell’immagine che se ne ha?

Il COVID-19 ha svuotato la città, trasformandola in un non-luogo. Come nel Seicento e poi nel Settecento la peste ha rappresentato un momento di radicale cambiamento identitario per Venezia, così la nuova “pestilenza” ha restituito una visione del centro storico impossibile prima, portando a nuove fondamentali domande: è possibile operare al contrario? Non rincorrere la rappresentazione, ma modificare lo sguardo affinché venga mutata (o forse recuperata) l’essenza del luogo e la sua identità stessa? La città è forse oggi ancora in tempo per ripensare se stessa e riprendere in mano la creazione dello sguardo su Venezia?

Note di produzione e di senso
Le riprese si sono svolte tra l’11 e il 21 settembre 2020, coinvolgendo la Venezia più autentica e alcune realtà imprenditoriali e culturali del centro storico che lavorano per conservarne e valorizzarne l’identità. Proprio nel momento della crisi Venezia ha l’opportunità di riappropriarsi della propria identità e del proprio futuro. Il documentario intende essere parte di questo processo, pur rimanendo completamente estraneo a polemiche culturali e politiche. Vuole anzi essere una riflessione pacata sulla storia del cambiamento della città durante i secoli e sulle prospettive future in tempi di cambiamenti epocali.

Il documentario è prodotto dall’Associazione Culturale La Catrina, con il marchio Catrina Producciones, e da Incipit23, con il sostegno del Gritti Palace Hotel e dell’Associazione Piazza San Marco.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione Venezia
Dalla redazione di Venezia. Per comunicare una segnalazione: [email protected]

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Sarà anche una città in crisi, ma mi sto sempre più accorgendo che se Venezia è moribonda il resto delle città artistiche italiane non offrono la stessa magia. Adesso che c’è anche il Mose che la protegge, che paura deve avere? Dei detrattori che continuano a sputare nel piatto dove mangiano? Venezia è più eterna di Roma!

  2. Anche un buon documentario può aiutare a riflettere su ciò che oggi è Venezia. Magnifica e purtroppo abbandonata. Abbandonata controvoglia e con dolore da chi ne è figlio. Abbandonata con noncuranza da chi dovrebbe esserne severo e attento guardiano.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

Reliquie Santa Lucia da Venezia alla Sicilia con assistenza della Polizia

Santa Lucia da Venezia alla Sicilia Domenica 14 dicembre, la Polizia di Stato accompagnerà “Santa Lucia” nel suo prossimo viaggio in Sicilia. Alle 7:30 del mattino le spoglie della Santa saranno portate, con imbarcazioni della Polizia di Stato, dalla basilica dei Santi Geremia...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.