domenica 23 Gennaio 2022
4.9 C
Venezia

Lidia Guidotto trovata morta in un fosso a Trivignano. Il 2021 si chiude con un mistero

Homemorte improvvisaLidia Guidotto trovata morta in un fosso a Trivignano. Il 2021 si chiude con un mistero

Lidia Guidotto non ha fatto più ritorno a casa e al momento non ci sono particolari che fanno luce sul suo decesso. Lei che con i suoi 69 anni ogni mattina iniziava a passeggiare lungo una strada non molto distante dalla sua abitazione di via Tarù a Trivignano. Tutti i giorni, come consuetudine, la signora Guidotto percorreva qualche chilometro incontrando zolle verdi e viottoli che costeggiano un fosso. Forse è scivolata, forse un malore ha provocato la caduta. E a costringerla, dopo aver perso i sensi, a non rialzarsi più. L’hanno trovata riversa nel fosso che ha assistito agli ultimi passi della sua ultima passeggiata, in queste giornate che pur annunciano la nascita del nuovo anno.

La prima a preoccuparsi della sua assenza, a capire che qualcosa doveva essere successo, è stata la sorella, che non vedendola rientrare a casa, non riusciva a spiegarsi il ritardo. Le abitudini delle persone anziane rispettano un ritmo preciso, gli orari che puntualmente segnano il tran tran giornaliero e quando qualcosa muta, i parenti si allarmano. La signora abitava da sola ma poco distante vivono i suoi familiari, che ora sono sconcertati e disperati per questa disgrazia.

Con questa suggestione, la sorella ha telefonato alla polizia che subito l’ha ascoltata, si è fatta carico delle sue sensazioni e dei dubbi e ha esplorato la strada della passeggiata. L’hanno trovata riversa sul fossato e l’arrivo dell’ambulanza del 118 e i sub dei pompieri, hanno confermato, purtroppo, il suo decesso. Già una donna l’aveva visto quel corpo inerte in stato di abbandono che annunciava il peggio e aveva avvertito, a sua volta, le forze dell’ordine.

Ora, dopo le valutazioni del medico legale e forse, l’autopsia, la magistratura cercherà di valutare, dopo i dovuti accertamenti, le cause della morte, anche se da una prima analisi sembrano escluse responsabilità di terzi. Purtroppo l’ipotesi più probabile induce a riconoscere in una caduta sul terreno umido e scivoloso che confina il fosso, il triste epilogo della vita della signora Lidia che ha interrotto bruscamente, con la fine dei suoi giorni, la sua quotidiana passeggiata.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

“Non è che chi va fuori non ami più Venezia, è lei che non c’è più”. Lettere

In risposta alla lettera: "Go fato ben a andar via (da Venezia) chea volta e no me dispiaxe proprio”. Per Frank. La tua risposta a Luca. S è stupida. Io sono veneziana doc, conosco benissimo la storia dell’arte (ho studiato con artisti...

Cognato circuisce ragazzina di 12 anni con regali e ne approfitta sessualmente, Tribunale di Venezia: niente patteggiamento

Ha abusato sessualmente di una ragazzina di 12 anni. Il responsabile è il cognato che di anni ne aveva ben più di trenta. Ne ha abusato ripetutamente ammaliandola con regali e regalini per confonderla. Finché la scuola si è accorta che...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Niente vaporetti senza GP: “La situazione qui a Burano è tragica”. Lettere

Con riferimento all'articolo "Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv", riceviamo e pubblichiamo. La situazione nell’isola di Burano è tragica!! Una parte degli isolani è letteralmente sequestrata in isola. Non è possibile fare un tampone...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

No Vax in strada a Verona, c’è anche il prete: “Draghi e Brunetta, andrete all’inferno”

No Vax e proteste a Verona: in mille in corteo tra cui anche un sacerdote no vax. Si è svolto infatti oggi l'ennesimo pomeriggio di protesta da parte degli schieramenti No Green Pass - No Vax a Verona, dove si sono...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

No Vax in strada a Verona, c’è anche il prete: “Draghi e Brunetta, andrete all’inferno”

No Vax e proteste a Verona: in mille in corteo tra cui anche un sacerdote no vax. Si è svolto infatti oggi l'ennesimo pomeriggio di protesta da parte degli schieramenti No Green Pass - No Vax a Verona, dove si sono...

“Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Lettere

In risposta alla lettera “Venezia è ingorda di denaro. Sarebbe l’ora di un progetto sostenibile”. Mi si spezza il cuore ogni volta che vado a Venezia. La mia città dove sono nata e cresciuta e che amo profondamente. Vivo in terraferma da...

Ecco cosa si prova ad andar via dalla Venezia in cui si è nati. “Le lacrime durante il trasloco”. Lettere

In risposta alla lettera: “Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Di G.A. & D. Pugiotto La marsaria Quela matina del febraro sesantaoto Xe ga Liga la barca del Mario in fondamenta, e col careto del osto, che spussa de...

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...