7 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

La morte di Loris Bertocco: se n’è andato un Uomo. E noi?

HomesocietàLa morte di Loris Bertocco: se n’è andato un Uomo. E noi?
la notizia dopo la pubblicità

La morte di Loris Bertocco: se n’è andato un Uomo. E noi?
Un uomo decide di lasciare la vita, quel che gli era rimasto, della vita.
Un uomo si affida all’eutanasia in un ospedale di Zurigo e chiude il cerchio con il suo dolore, la sua sofferenza, la sua stanchezza.

Un uomo consuma la sua rabbia, il risentimento, perché forse questa decisione poteva essere ripensata, se solo ci fosse stato quell’aiuto che non è arrivato da parte delle istituzioni.
Un uomo che se ne è andato da questo mondo che amava, che voleva proteggere, difendere, un uomo che ha lottato contro una sorte avversa segnata dall’ingiustizia.

Un uomo che una volta era un ragazzo di diciott’anni che a causa di un incidente stradale subisce un cambiamento che fa della sua vita un’odissea, tra ospedali cure e riabilitazioni.

Un uomo coraggioso che sapeva lottare per sé e per gli altri, instancabile sostenitore dei diritti dell’uomo e della difesa della natura, accanto e con i Verdi, i suoi amici più cari come Gianfranco Bettin e Luana Zanella, ai quali affida una testimonianza struggente, una lunga lettera, che racconta la sua vita, i sentimenti e anche le sue quotidiane difficoltà.

Un uomo che ci fa immergere nella pietas e nella consapevolezza lucida che si fa troppo poco per le persone che soffrono, che conducono un’esistenza tormentata da dolori fisici e da uno spegnimento spirituale che arriva quando la speranza è umiliata e le forze si fanno sempre più esili e vinte.

Quell’uomo, sì Primo levi, avrebbe detto “questo è un uomo”, era, come ha ricordato l’amico Gianfranco Bettin, tante cose insieme, la malattia non ha arginato la sua tensione ad occuparsi della vita degli altri, “era un ambientalista, un convinto sostenitore delle proposte per una legge sul testamento biologico e sul fine vita in Italia”.

Un uomo che ha consegnato il suo testamento spirituale nelle mani di due amici fidati e che ancora racconta la passione civile la lotta indomita per un’assistenza adeguata nei confronti della disabilità e interventi finalmente finalizzati alla cura, alle cure palliative, agli aiuti economici, per favorire, almeno in parte, la vita indipendente.

Un uomo che ci messo l’amore nelle sue parole che ora risuonano come campane a morto capaci, forse di risvegliare le coscienze.

Un uomo “invisibile” che si è portato il corpo addosso in quella clinica di Zurigo, liberandolo dalla sofferenza e testimoniando la resa di un Paese incapace di soffermarsi sui bisogni di chi per anni e anni trascina il carro delle aspettative negate, delle speranza tradita e che ad un certo punto, quando la misura è colma e si è circondati dal gelo dell’incomunicabilità, sceglie di andarsene per sempre.

Quell’uomo si chiama Loris Bertocco, è nato in provincia di Venezia, a Dolo, con i suoi 59 anni e la sua dignità intatta, nonostante le violazioni e la mortificazioni che non l’hanno scalfita, ha preso un’altra strada. E noi?

Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Questo articolo mi ha commosso e aperto gli occhi, ha spiegato un mondo che conosciamo poco e Loris me lo sono sentito vicino, anche se non lo conoscevo, dovevano aiutarlo, ma tutti, anche noi. Adesso è troppo tardi, mi dispiace

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

Venezia e flussi turistici, Brugnaro: “Contributo d’accesso e prenotazione con app”.

A Venezia si ritorna a parlare di regolamentazione dei flussi turistici. Lo ha fatto oggi il sindaco Luigi Brugnaro, a proposito del "Contributo di accesso" (il ticket per Venezia). Una 'app', in soldoni, darà le chiavi per entrare sulla base dell'affluenza tipica in...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti