12.3 C
Venezia
sabato 16 Ottobre 2021

La marchesina Pia. Di Roberto Bellino

HomePoesiaLa marchesina Pia. Di Roberto Bellino


Siamo nel 700, la Marchesina Pia (è ipocondriaca e pesa circa 70 chili),
siede in giardino, è circondata dai suoi spasimanti-lacchè, e si lamenta.

Uncò me sento cussì fiàca, sento i oci che se sara,
gò ‘a bochéta tanto amara e anca un doloreto qua;
‘sta matina pena sveja, i me ga portà l’oveto,
ghe ne go bevù un giosseto giusto par tirarme su,
meza cicara de late, meza ciòpa co’ l’uveta,
un bignè, ‘na fritoéta e un tochetìn de marzapan;
no go voja de sentire, no go voja de scoltare,
no voria mai dover dire, no vorìa mai dover fare,
gnanca fià par respirare, ne par dir de si o de no,
me gavì da conpatire, ‘sto mal stare, ‘sto languire,
nol me fa che indeboire, sento che vomitarò….
nol me fa che indeboìre sò sicura che o farò!

Roberto Bellino

(foto: donna seduta su panchina, Monet)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements