giovedì 27 Gennaio 2022
0.2 C
Venezia

La crisi delle imprese terreno fertile per il malaffare. Un decalogo contro usura e criminalità

HomecommercioLa crisi delle imprese terreno fertile per il malaffare. Un decalogo contro usura e criminalità

La crisi espone le imprese in difficoltà all’usura e alla criminalità organizzata. Accade al nord come al sud, quando le difficoltà non cessano, e tanto più se le misure di sostegno regolari appaiono complicate e irraggiungibili. Confesercenti metropolitana di Venezia, a fronte della crisi economica generata dall’emergenza sanitaria del Covid, ha una finestra privilegiata sul contesto socio-economico che le permette di osservare la tendenza delle organizzazioni mafiose a operare sotto traccia.

«Oggi, questo pericolo di infiltrazione si fa sempre più reale, non solo a causa del periodo di lockdown che ha interessato la gran parte delle attività produttive, ma anche perché lo shock del coronavirus è andato a impattare su un sistema economico nazionale già in difficoltà», scrive l’associazione. Confesercenti ha redatto un decalogo che mette in allerta le imprese, soprattutto quelle che navigano in cattive acque, di fronte a possibili proposte di protezione, di risoluzione veloce delle problematiche, di liquidità, di accesso a lavori facili e a basso costo. Un allarme per accorgersi di essere “in pericolo” e agire subito nella denuncia.

«La città di Venezia, è un bersaglio molto appetibile per l’infiltrazione criminale, essendo tra le città turistiche italiane la prima in classifica per il calo drastico delle presenze turistiche e la conseguente crisi del tessuto commerciale, prevalentemente fondato sulla monocultura del turismo – spiega Cristina Giussani, presidente Confesercenti Venezia e Rovigo -. L’obiettivo delle mafie è diversificare il business, passando dall’illecito al lecito, in un “sistema” di riciclaggio che coinvolge imprese di vario livello, così al virus si affiancherà l’infezione finanziaria mafiosa. Questo serio pericolo che le nostre imprese corrono, impone a noi e alla classe dirigente pubblica di mantenere sempre alta l’attenzione. La criminalità si radica attraverso il rapporto con l’economia sana e tende a distruggere la libera concorrenza. In questo momento appare opportuno mantenere alta l’attenzione sui settori che più di altri hanno sofferto l’immobilità commerciale e che nel recente passato sono stati nelle mire della ‘ndrangheta».

«Dai commercianti al dettaglio, ai ristoratori, ai bar, alle pizzerie, alle attività immobiliari, alle agenzie di viaggio, così come ai servizi connessi alla persona, tante sono le imprese che soffrono la mancanza di liquidità, che espone molti commercianti all’usura, con un conseguente rischio di impossessamento delle attività economiche con finalità di riciclaggio e di impiego dei capitali illeciti – fa sapere Emiliano Biraku, coordinatore Confesercenti  – Soprattutto sono i negozi di piccole medie dimensioni ad avere problemi che possono esporre, anche in questo caso, gli imprenditori al rischio dell’usura e a quello di cessione forzata delle attività commerciali. Gli imprenditori dunque, non devono fare l’errore di chiedere liquidità a sistemi illeciti per restare sul mercato. L’unica cosa da fare subito è rivolgersi alle istituzioni e all’autorità giudiziaria, o alle associazioni in grado di essere intermediarie con gli istituti di credito nella piena legalità».

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto?

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Quando i no vax finiscono in ospedale e cambiano idea sul vaccino. Di Andreina Corso

Aumentano di giorno in giorno le persone contrarie al vaccino, colpite dal Covid, che dopo un’esperienza ospedaliera traumatica scelgono di vaccinarsi e cercano di convincere gli altri a fare altrettanto. Quando la malattia ancora non ti tocca, quando ti è sconosciuta la...

Porto off-shore: tempi lunghi e incertezza sulla crocieristica

Le 11 proposte per il concorso di idee del porto Off-shore di Venezia arrivate all’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Settentrionale sono state accolte con ottimismo. C’è chi ha letto in questa nutrita partecipazione un inaspettato interesse per Venezia ma in...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

A Venezia barche solidali (e molti taxi) contro l’obbligo di GP a bordo

A Venezia le barche solidali trasportano gli isolani che non possono salire sui mezzi pubblici. “Aiutiamoci”, e una barca solidale parte dalla Palanca alla Giudecca e attraversa il Canale. Il porto sono le Zattere e i viaggiatori sono persone non vaccinate...