2.4 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

La Catalogna dichiara indipendenza. Verso lo scontro con Madrid

HomeMondoLa Catalogna dichiara indipendenza. Verso lo scontro con Madrid
la notizia dopo la pubblicità

La Catalogna dichiara indipendenza. Si va allo scontro con Madrid

E’ stato il ‘D-Day’ della secessione, il giorno dello strappo fra Barcellona e Madrid dopo settimane di guerriglia sulla indipendenza.
Spagna e Catalogna sono ora in una terra ignota, irta di incognite e pericoli.

Alle 15:27 di oggi, venerdì 27 settembre 2017, il Parlamento catalano ha votato la proclamazione della Repubblica, “stato indipendente e sovrano”, e la secessione dalla Spagna. Un voto definito “storico” dal fronte indipendentista, “un atto fuori dalla legge e criminale” per il premier spagnolo Mariano Rajoy.

Il Senato di Madrid praticamente nello stesso momento ha approvato l’attivazione dell’articolo 155 della Costituzione chiesto da Rajoy contro la Catalogna, dando pieni poteri al premier conservatore, appoggiato dai leader unionisti di Psoe e Ciudadanos, per riprendere in mano le redini della regione ribelle.

Il premier spagnolo ha subito convocato a fine pomeriggio un Consiglio dei ministri per prendere le prime, durissime misure, annunciando in Senato la destituzione del presidente catalano Carles Puigdemont, del vicepresidente Oriol Junqueras, e di tutto il governo, sostituiti da delegati di Madrid, e l’immediata limitazione dei poteri del Parlamento di Barcellona.

Il governo di Madrid prenderà anche il controllo della polizia catalana dei Mossos d’Esquadra, che userà come ariete per imporre il commissariamento, dell’amministrazione, del fisco, ma non della tv pubblica (al Senato la misura non è passata). Entro sei mesi, infine, saranno convocate nuove elezioni.

Non è chiaro però come potrà farlo. Tutto dipenderà dalla resistenza del popolo indipendentista e dei funzionari catalani al blitz spagnolo.

Finora le manifestazioni per l’indipendenza sono sempre state pacifiche. Lo stesso Puigdemont ha invitato il popolo catalano a difendere la Repubblica “in maniera pacifica e civile”. Ma l’emozione suscitata dallo strappo della Repubblica e dalle dure misure di Madrid può accendere gli animi. Il rischio è di un’esplosione di violenza.

Lo scenario dei prossimi giorni è imprevedibile in buona parte. I due avversari impugnano ciascuno una legittimità. In gioco c’è una ‘doppia legittimità’, quella della Costituzione per la Spagna, e della ‘legge catalana’, bocciata dalla Corte costituzionale spagnola, per Barcellona.

Il risultato del voto per l’indipendenza – 70 sì e 10 no – ha suscitato un boato di gioia fra le migliaia di persone che attendevano davanti al Parlamento.

Nell’aula i deputati secessionisti si sono abbracciati cantando l’inno di Els Seagadors al grido “libertà”. Decine di migliaia di persone hanno festeggiato in tutte le città della Catalogna, dalla Costa Brava ai Pirenei: le bandiere spagnole sono state tolte dalle facciate di decine di municipi, da Girona a Tortosa, da Figueres a Lleida, oltre ovviamente che da quella del Parlament.

Certo, il futuro della neonata ‘Repubblica’ è dei più complicati, forse impraticabile. La scure di Madrid si abbatte sull’autogoverno, all’estero nessuno la riconosce, Ue e Usa hanno confermato pieno appoggio a Madrid.

Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ha però invitato la Spagna a non usare la forza.

Non è chiaro come Puigdemont e i suoi ministri reagiranno alla formalizzazione della loro destituzione, probabilmente domani. Sembra improbabile la accettino. Si trincereranno nella Generalità, difesi da decine di migliaia di cittadini ‘scudi umani’? Continueranno a guidare un governo parallelo? Come reagirà la piazza? Quanto durerà la “resistenza pacifica di massa” annunciata dagli indipendentisti?

Le incertezze sono enormi. Fino a che punto lo Stato spagnolo sarà disposto a usare la forza? Nuove immagini come quelle del referendum del primo ottobre sarebbero disastrose per l’immagine di Madrid nel mondo.

C’è anche la grande incognita penale. La procura spagnola prevede di incriminare per “ribellione” di Puigdemont e chiederne l’arresto. Per il popolo indipendentista, sarebbe una vera e propria dichiarazione di guerra.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 15 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente hai già letto nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione