Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
5.7C
Venezia
domenica 28 Febbraio 2021
HomeMondoLa Catalogna dichiara indipendenza. Verso lo scontro con Madrid

La Catalogna dichiara indipendenza. Verso lo scontro con Madrid

La Catalogna dichiara indipendenza. Si va allo scontro con Madrid

E’ stato il ‘D-Day’ della secessione, il giorno dello strappo fra Barcellona e Madrid dopo settimane di guerriglia sulla indipendenza.
Spagna e Catalogna sono ora in una terra ignota, irta di incognite e pericoli.

Alle 15:27 di oggi, venerdì 27 settembre 2017, il Parlamento catalano ha votato la proclamazione della Repubblica, “stato indipendente e sovrano”, e la secessione dalla Spagna. Un voto definito “storico” dal fronte indipendentista, “un atto fuori dalla legge e criminale” per il premier spagnolo Mariano Rajoy.

Il Senato di Madrid praticamente nello stesso momento ha approvato l’attivazione dell’articolo 155 della Costituzione chiesto da Rajoy contro la Catalogna, dando pieni poteri al premier conservatore, appoggiato dai leader unionisti di Psoe e Ciudadanos, per riprendere in mano le redini della regione ribelle.

Il premier spagnolo ha subito convocato a fine pomeriggio un Consiglio dei ministri per prendere le prime, durissime misure, annunciando in Senato la destituzione del presidente catalano Carles Puigdemont, del vicepresidente Oriol Junqueras, e di tutto il governo, sostituiti da delegati di Madrid, e l’immediata limitazione dei poteri del Parlamento di Barcellona.

Il governo di Madrid prenderà anche il controllo della polizia catalana dei Mossos d’Esquadra, che userà come ariete per imporre il commissariamento, dell’amministrazione, del fisco, ma non della tv pubblica (al Senato la misura non è passata). Entro sei mesi, infine, saranno convocate nuove elezioni.

Non è chiaro però come potrà farlo. Tutto dipenderà dalla resistenza del popolo indipendentista e dei funzionari catalani al blitz spagnolo.

Finora le manifestazioni per l’indipendenza sono sempre state pacifiche. Lo stesso Puigdemont ha invitato il popolo catalano a difendere la Repubblica “in maniera pacifica e civile”. Ma l’emozione suscitata dallo strappo della Repubblica e dalle dure misure di Madrid può accendere gli animi. Il rischio è di un’esplosione di violenza.

Lo scenario dei prossimi giorni è imprevedibile in buona parte. I due avversari impugnano ciascuno una legittimità. In gioco c’è una ‘doppia legittimità’, quella della Costituzione per la Spagna, e della ‘legge catalana’, bocciata dalla Corte costituzionale spagnola, per Barcellona.

Il risultato del voto per l’indipendenza – 70 sì e 10 no – ha suscitato un boato di gioia fra le migliaia di persone che attendevano davanti al Parlamento.

Nell’aula i deputati secessionisti si sono abbracciati cantando l’inno di Els Seagadors al grido “libertà”. Decine di migliaia di persone hanno festeggiato in tutte le città della Catalogna, dalla Costa Brava ai Pirenei: le bandiere spagnole sono state tolte dalle facciate di decine di municipi, da Girona a Tortosa, da Figueres a Lleida, oltre ovviamente che da quella del Parlament.

Certo, il futuro della neonata ‘Repubblica’ è dei più complicati, forse impraticabile. La scure di Madrid si abbatte sull’autogoverno, all’estero nessuno la riconosce, Ue e Usa hanno confermato pieno appoggio a Madrid.

Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ha però invitato la Spagna a non usare la forza.

Non è chiaro come Puigdemont e i suoi ministri reagiranno alla formalizzazione della loro destituzione, probabilmente domani. Sembra improbabile la accettino. Si trincereranno nella Generalità, difesi da decine di migliaia di cittadini ‘scudi umani’? Continueranno a guidare un governo parallelo? Come reagirà la piazza? Quanto durerà la “resistenza pacifica di massa” annunciata dagli indipendentisti?

Le incertezze sono enormi. Fino a che punto lo Stato spagnolo sarà disposto a usare la forza? Nuove immagini come quelle del referendum del primo ottobre sarebbero disastrose per l’immagine di Madrid nel mondo.

C’è anche la grande incognita penale. La procura spagnola prevede di incriminare per “ribellione” di Puigdemont e chiederne l’arresto. Per il popolo indipendentista, sarebbe una vera e propria dichiarazione di guerra.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, era in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Ciclista trovato morto a bordo strada a Sernaglia, forse investito e non soccorso

Trovato morto ciclista a bordo strada questa mattina. Si tratta di un uomo di 45 anni. Il deceduto è stato scoperto un paio d'ore fa al...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Mose: perito per le cerniere da le dimissioni. “Nel 2019 abbiamo rischiato”

Clamoroso al Mose. La notizia esplode questa mattina in edicola con la Nuova Venezia. L'articolo racconta nel dettaglio una durissima lettera d'accusa inviata al Provveditore...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.