7.5 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Juventus felice e vincente. Le rivali? Imbarazzanti

HomeCalcioJuventus felice e vincente. Le rivali? Imbarazzanti
la notizia dopo la pubblicità

Juventus felice e vincente. Le rivali? Imbarazzanti

Juventus felice e vincente. Giustamente i suoi tifosi gioiscono e il resto del paese piange, oramai in patria Allegri e la sua squadra non ha più nulla da dimostrare; conta l’Europa, è lì che bisogna tornare a fare la differenza.

Il Napoli, la Fiorentina, la Roma e l’Inter si sono squagliate come neve al sole, una dopo l’altra. Cosa dovranno fare per la prossima stagione? Come potranno sopperire alle differenze così imbarazzanti? Il fattore economico è certamente uno degli aspetti da cambiare. Servono investimenti non solo ingenti ma soprattutto mirati.

La squadra del presidente De Laurentis ad esempio, deve trovare una alternativa a Higuain, purtroppo se lui non segna non lo fa nessuno. La Roma deve uscire assolutamente dall’equivoco Totti, sostengo da tempo che i giallorossi ne siano schiavi e quando lascerà la squadra, non potrà che essere un bene. Forse così Luciano Spalletti potrà lavorare in pace.

I Viola dopo l’entusiasmo iniziale, il bel gioco e addirittura il primo posto, hanno dovuto scontrarsi con la realtà dei risultati. Alla fine quelli che contano davvero e che spingeranno i Della Valle probabilmente al cambio d’allenatore. I nomi di Maran e Pioli sono quelli che cominciano a girare ma è presto per dare certezze.

La Fiorentina occupa la posizione che la rosa merita, anche l’addio di Giuseppe Rossi è stato davvero assurdo. Liberarsi di uno dei giocatori italiani più talentuosi, è stato un peccato mortale. La squadra ha bisogno di una vera campagna di rafforzamento se vuole competere per grandi risultati.

L’Inter di Mancini è un mistero, composta da giocatori espressamente richiesti dall’allenatore, ha visto perdere terreno con l’andare del tempo. Anche i primi risultati, basati principalmente sulla solidità difensiva, dimostravano più la fortuna che un vero gioco.
Bisognerà capire quanta voglia di investire avrà Thohir che, per l’ennesima volta rischia di ritrovarsi fuori dalla Champions League. Se fossi nella dirigenza, rifletterei se puntare ancora sull’allenatore; capisco l’amore della piazza per i risultati del passato del Mancio ma la realtà di oggi è ben diversa.

Una analisi a parte la merita il Milan, il delirio ormai regna nella dirigenza rossonera. Vista la partita di Verona, viene da complimentarsi con Sinisa Mihajlovic per aver raggiunto cinquanta punti.
Siamo di fronte a una squadra imbarazzante sotto tutti i punti di vista che come il povero Christian Brocchi (chi te lo ha fatto fare?), ha sottolineato pensa più al ristorante che al giocare.

Il Presidente Berlusconi deve decidere cosa fare dopo la farsa di Miste Bee, ora sembra si sia fatto avanti l’omo più ricco di Cina. Se fosse vero, vendere immediatamente! Se lo augurano da anni i tifosi rossoneri e se davvero la famiglia Berlusconi vuole bene al Milan, si farebbe da parte. I fasti di una volta non sono più possibili.

Oltre allo scudetto juventino, un altro verdetto è arrivato dal campo: la retrocessione matematica dell’Hellas Verona.
La squadra, prima con Mandorlini e poi con Del Neri, non ha mai abbandonato l’ultimo posto in classifica ed è grave che la dirigenza si ostini (almeno pubblicamente) a parlare di sola sfortuna.

Nel Verona gli errori sono stati tanti, in primis non capire che il ciclo dell’allenatore ravennate era finito l’anno scorso. Che Luca Toni non avrebbe mai potuto ripetersi ancora e soprattutto non aver rinforzato la difesa colabrodo dell’anno precedente.

Inquietante anche il mercato di gennaio, dove il mister di Aquileia chiedeva difensori italiani e pronti a giocare; è arrivato invece la scommessa brasiliana Samir e poco altro utile alla causa. Non si può davvero recriminare, l’Hellas Verona è stata davvero la formazione più scarsa del campionato.

Per ripartire servirebbe un reset totale, a partire dalla dirigenza che ha fallito sotto ogni punto di vista. Invece il presidente Maurizio Setti invece a parole ha confermato il direttore sportivo Bigon, e ciò non sembra un buon inizio.

Mattia Cagalli | 28/04/2016 | (Photo d’archive) | [cod hellas]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...