domenica 23 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

Istituto Canossiane della Giudecca: sì al recupero per uso residenziale

HomecaseIstituto Canossiane della Giudecca: sì al recupero per uso residenziale

Via libera della Giunta comunale di Venezia alla variante per la riqualificazione a scopi residenziali dell’ex Istituto delle Canossiane alla Giudecca. Ora la delibera passa al Consiglio comunale.

La Giunta comunale, riunita nei giorni scorsi, ha dato il via libera alla presentazione al Consiglio della proposta di delibera di adozione della Variante n. 59 al Piano degli Interventi, che prevede la conversione ad uso residenziale dell’ex Istituto delle suore Canossiane alla Giudecca.

Si tratta di un compendio costituito da sette unità edilizie di circa 2.000 metri quadri complessivi ai quali si aggiungono ulteriori 620 metri quadri di spazi esterni di pertinenza, pavimentati e a giardino. Il tutto costituiva una delle sedi veneziane dell’Istituto religioso femminile delle Figlie della Carità (dette anche Canossiane) che nel corso del Novecento, oltre ad essere un convento, vide, in una porzione, la scuola materna e, successivamente, l’ostello per la gioventù. Nel 2003 il complesso è stato definitivamente abbandonato e risulta oggi inutilizzato e in avanzato stato di degrado. Il progetto di massima prevede la riqualificazione complessiva degli edifici esistenti e degli spazi scoperti, con la realizzazione di 12-15 unità abitative di diverse dimensioni. Parte degli immobili è soggetta alle disposizioni di legge vigenti in materia di tutela dei beni culturali.

La variante prevede la rimozione del vincolo di Piano ad “Attrezzature per l’istruzione” e la destinazione dell’intero complesso ad uso esclusivamente residenziale con il mantenimento del volume esistente, da attuare secondo le indicazioni della nuova scheda di Progetto Unitario “P.U. 14 Area ex Istituto delle Canossiane alla Giudecca”.

“Si tratta di uno dei numerosi provvedimenti – commenta l’assessore De Martin – con cui intendiamo sostenere il recupero di edifici e compendi abbandonati nella città antica, incentivarne il riuso a scopi residenziali limitando, così, le possibilità di insediamento di strutture ricettive, anche nella forma della locazione turistica degli appartamenti. Proprio per garantire un autentico uso residenziale del complesso, la variante prevede che il rilascio dei titoli edilizi per la realizzazione degli interventi sia subordinato alla presentazione, da parte del soggetto attuatore, di un atto d’obbligo, da registrare e trascrivere nei registri immobiliari, con cui si impegna a non utilizzare i beni come strutture ricettive di qualsiasi tipo (compresi b&b e locazione turistica) per almeno dieci anni dalla conclusione dei lavori. Un vero e proprio piano di rigenerazione urbana che porterà una zona così centrale e storica della nostra città a vivere e a portare nuovi residenti”.

La delibera prevede anche la corresponsione al Comune, da parte dell’attuatore, di un contributo straordinario di 210.000 euro, come previsto dalla legge e dai regolamenti comunali per i casi di variante agli strumenti urbanistici derivanti da proposte di soggetti privati. La delibera sarà ora inviata al Consiglio comunale per l’adozione e, dopo la fase di pubblicazione e raccolta delle osservazioni, tornerà in Consiglio per l’approvazione definitiva.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione Venezia
Dalla redazione di Venezia. Per comunicare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

Sciopero Actv di 24 ore lunedì 13 dicembre. I servizi garantiti

AVM/Actv informa che l’organizzazione sindacale CUB Trasporti ha confermato la proclamazione di sciopero di 24 ore per lunedì 13 dicembre. Lo sciopero potrebbe interessare il personale Actv e AVM dei servizi navigazione, automobilistici, tranviari, People Mover, degli uffici AVM (sosta e ztl...

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...