mercoledì 26 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Internet più lento? La rete è sotto pressione: siamo tutti a casa

HomeInternetInternet più lento? La rete è sotto pressione: siamo tutti a casa

Internet è più lento del solito? Avete riscontrato un rallentamento sulla velocità consueta del flusso che arriva dal vostro modem/router come è successo a me? E’ perché siamo tutti a casa e il sistema-rete è messo sotto pressione da noi e da tutti gli altri utenti. E poi tutti noi, nel nostro piccolo, siamo ‘connessi’ con un’infinità di congegni. Non ci pensiamo quando tutto va bene. Non ci pensavo neanche io, me l’ha fatto notare mia figlia molto più giovane di me: “Per forza papa’, la gente è tutta a casa, cosa vuoi che faccia? La rete è sovraccarica”.

Beata gioventù che a volte ti spara perle di saccenza che ti lasciano con l’espressione della mucca che vede passare il treno. Ma io, che sono di un’altra generazione, voglio vedere con i miei occhi.

Se ne avete voglia, fate la prova anche voi, c’è da restare basiti: sul pannello di verifica delle impostazioni del modem ci sono i dispositivi collegati: avevo 38 dispositivi connessi! “Ma è pazzesco, ma se ho solo il telefonino attaccato al wi-fi?”
(categoria “virus cinese”)

Non è così. Ognuno di noi, infatti ha, mettiamo, uno o più telefonini. La moglie e magari uno o più figli hanno il cellulare e tutti loro, sebbene appoggiati sul tavolo o in tasca, stanno scambiando dati con il modem. Poi ci sono i tablet, forse gli smartwatch, ci sono magari i videogame per giocare in rete, le smart tv e magari pure altri dispositivi per guardare Netflix o Sky, certamente in HD e forse in 4K. Per non parlare di chi ha già elettrodomestici domo-collegati alla rete di casa, magari antifurto wi-fi, perché no? Persino caldaie e impianti di condizionamento… Per ultimo: cosa fai a casa? Vuoi non fare videochiamate ai parenti o parlare con Skype per lavoro o con gli amici?

L’allerta è stato ripreso oggi anche da beppegrillo.it: “Stiamo mettendo a dura prova l’infrastruttura a banda larga, le persone di tutto il mondo si rivolgono allo streaming HD e ai giochi online per passare il tempo”, scrive il sito.

“Ma tutto questo potrebbe far cedere la rete, e non solo in Italia” recita l’articolo.

Più persone a casa significa più persone online, ma soprattutto, contemporaneamente. Ed è quest’ultima parte quella ad appesantire di più la rete. I video in streaming o le teleconferenze sono costituite da piccoli pacchetti di informazioni. Questi pacchetti devono trovare la strada lungo i cavi in rame e in fibra ottica su grandi distanze. Più pacchetti di streaming provano a fare il viaggio in una volta, più congestionato è il percorso e più lento è il tempo di arrivo”.

Un team ha esaminato le prestazioni di Internet e ha osservato i cambiamenti nella latenza di Internet tra il 12 e il 13 marzo, periodo in cui diversi paesi tra cui Francia, Spagna e Italia sono entrati in misure restrittive di isolamento imposti dal governo, rispetto al 13-14 febbraio. Sebbene i valori possano sembrare relativamente piccoli, come il 3% o il 7%, una differenza del genere è tutt’altro che normale e indica che molti utenti stanno probabilmente sperimentando una congestione della larghezza di banda.

Infine l’articolo lancia un monito allarmante: e se la rete cedesse?

Al momento siamo lontani da una situazione di crash. Gli intasamenti, ‘speed-test’ alla mano, causano rallentamenti di una percentuale di velocità in meno che va dal 10 al 20% o poco più, a seconda della zona e del traffico in quella zona. I grandi provider, inoltre, stanno correndo ai ripari rinforzando linee e ripetitori, ma anche provvedendo a diminuire la qualità dei video per alleggerire gli streaming.

Internet non cederà: in Cina, nei momenti peggiori dell’epidemia, si è riscontrato lo stesso fenomeno. Con il ritorno alla normalità e il diminuire delle misure di isolamento internet è tornato alla sua velocità normale.

Insomma, non prendetevela se l’eroe del vostro film si muove a scatti, se la voce dell’amico collegato pare quello di un robot, se qualche volta un sito sembra non caricarsi, se Facebook non prende subito il ‘mi piace’, pensate che anche il vostro vicino è nelle medesime condizioni. Ma soprattutto pensate che presto torneremo a passeggiare tra gli alberi o a prendere il sole. Altro che internet.

Paolo Pradolin

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Paolo Pradolin
Giornalista e conduttore radiofonico, una lunga carriera trascorsa tra giornali e radio. Musica e teatro le sue passioni, con la sua Venezia sempre al primo posto di ogni avventura e esperienza

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

“La Venezia svenduta: uno, dieci, cento bar, bnb, uno attaccato all’altro…”. Lettere

In risposta alla lettera: “Non è che chi va fuori non ami più Venezia, è lei che non c’è più”. Rispondo alla Veneziana Doc. Non sono il Frank che ha risposto a Luca. Però devo dirti che hai ragione. Ho 75 anni...

Carnevale di Venezia 2022 “soft”: controlli e niente feste di massa

"Venezia è pronta a ripartire, sarà un Carnevale certamente non di massa, non ci sarà il volo dell'Angelo (il volo dal campanile di San Marco al palco), ma ci saranno tanti controlli. La città ha dimostrato di saper gestire bene la...

No Vax in strada a Verona, c’è anche il prete: “Draghi e Brunetta, andrete all’inferno”

No Vax e proteste a Verona: in mille in corteo tra cui anche un sacerdote no vax. Si è svolto infatti oggi l'ennesimo pomeriggio di protesta da parte degli schieramenti No Green Pass - No Vax a Verona, dove si sono...

Niente vaporetti senza GP: “La situazione qui a Burano è tragica”. Lettere

Con riferimento all'articolo "Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv", riceviamo e pubblichiamo. La situazione nell’isola di Burano è tragica!! Una parte degli isolani è letteralmente sequestrata in isola. Non è possibile fare un tampone...

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

“Non è che chi va fuori non ami più Venezia, è lei che non c’è più”. Lettere

In risposta alla lettera: "Go fato ben a andar via (da Venezia) chea volta e no me dispiaxe proprio”. Per Frank. La tua risposta a Luca. S è stupida. Io sono veneziana doc, conosco benissimo la storia dell’arte (ho studiato con artisti...

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...