Inter: via De Boer, cambio allenatore. Arriva Mandorlini

207

L'Inter manda via De Boer, cambia allenatore. Ecco perché arriva Mandorlini

Chiunque ha guardato di recente una partita dell’Inter se ne è reso conto: la squadra non è più con l’allenatore, i giocatori non seguono più De Boer. Per cui si chiedono: ma cosa aspetta la società a mandare via l’allenatore? I bene informati bisbigliano indiscrezioni a mezze labbra: ormai è deciso. Troppi punti e stagione quasi irrimediabilmente compromessa per aspettare ancora. Per motivi di opportunità l’annuncio non sarà dato prima della partita del Torino, ma già emissari starebbero gettando le basi per la buonuscita del mister olandese.

Frank De Boer è l’ennesimo allenatore dell’Inter ad andarsene, a lasciare l’incarico, anche se fisicamente fino a mercoledì dovrebbe rimanere in panchina, cioè fino a quando i neroazzurri affronteranno il Torino. Ore decisive e via al toto-allenatore per il futuro della panchina e della squadra. L’avventura di De Boer sulla panchina dell’Inter si conclude dopo poco più di due mesi essendo arrivato l’8 agosto per sostituire Mancini.

Ecco i nomi dei possibili sostituti nella panchina dell’Inter che girano con più insistenza: Pioli, Guidolin, Mandorlini, ma anche Leonardo, Blanc e Bielsa.
Chi arriva ad allenare l’Inter? Non c’è ancora una risposta a questa domanda, ma possiamo dar le percentuali (sempre secondo quello che si raccoglie come voci di corridoio).
El ‘Cholo’ Simeone non può arrivare a stagione in corso. Resta uno dei più accreditati per guidare l’Inter l’anno prossimo.
Leonardo è stato contattato, è richiesto. Ma dopo l’esperienza al Psg non sente il bisogno di tornare in panchina preferendo un ruolo manageriale dietro la scrivania.
Pioli e Guidolin sono dati alla pari, con percentuali non alte in verità, in quanto seri lavoratori ed onesti. Le personalità non sembrano però tali da dare un’energica sferzata alla stagione dell’Inter.
Blanc e Bielsa sono ottimi allenatori, ma appena fallito con un allenatore straniero, vi buttereste voi in un altro? Tenete presente che una delle maggiori difficoltà nell’Inter recente è stata la comprensione: ogni giocatore è di una nazionalità diversa con l’allenatore che era olandese (salvo poi mandarsi a quel paese in campo in quella che è una lingua universale).
Capello costa un botto, e le casse dell’Inter non lo permettono.
Ecco perché all’Inter arriverà Mandorlini: bravo, capace, onesto e… interista (e costa poco).

Conferma da parte dei vertici dell’Inter per quanto riguarda il match infrasettimanale, poi, per De Boer le chances di proseguire la sua stagione con i neroazzurri, sono quindi veramente poche. Gardini e Ausilio attendono i vertici del Suning e Thohir per capire quale strada imboccare.

Ad Appiano Gentile intanto, Steven Zhang, figlio di Zhang Jindong, ha raggiunto il ct, che è rimasto lì dalla mattina di ieri, Nel centro sportivo ci sono anche il dirigente sportivo Piero Ausilio, il direttore generale, Gardini e il vicepresidente Zanetti. Thohir arriverà mercoledì.

Zhang, arrivato in mattinata, ha voluto subito valutare in prima persona la situazione dell’Inter dopo le tante telefonate tra Nanchino e Milano delle ultime ore. Poi la decisione: il dado è tratto.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here