Inter batte Fiorentina 4-2

L’Inter sfrutta al meglio i risultati del fine settimana, approfittando del fatto che la Juve abbia perso a Genova con la Sampdoria (sempre vittoriosa in casa in questa stagione) e che la Lazio sia stata sconfitta nel derby; con la vittoria per 2-0 sull’Atalanta Spalletti si porta a -2 dal Napoli capolista, staccando proprio la Juventus.

Decisivo Mauro Icardi con una gran doppietta, che lo porta a quota 13 gol in campionato e conferma la scelta di Sampaoli di fare di lui l’attaccante titolare della selección argentina. Gasperini, dal canto suo, fa un leggero turnover in vista della sfida di Europa League di giovedì con l’Everton, quando all’Atalanta basterà un pareggio staccare il pass per la fase ad eliminazione diretta in anticipo.

L’unico cambio in casa Inter è Santon, rispolverato da Spalletti per il ruolo di terzino sinistro in luogo di Nagatomo, costringendo Dalbert all’ennesima panchina. Per l’Atalanta Petagna riposa e giocando Kurtic e Ilicic a supporto del Papu Gomez, con Castagne per uno Spinazzola ancora non al meglio della condizione. L’Atalanta resiste per un tempo, tentando anche l’affondo con Ilicic che mette Hateboer davanti ad Handanovic, bravo a chiudere sull’esterno di Gasperini.

Dall’altra parte Icardi è bravo a resistere di fisico su Palomino e a sfruttare un assist di tacco geniale da parte di Borja Valero, ma poi spara malamente addosso a Berisha. Inter tutto sommato in controllo ma molto imprecisa, particolarmente Gagliardini che sbaglia molti appoggi non da lui.

Nel secondo tempo sale in cattedra il 9 argentino: cross di Candreva dalla destra e colpo di testa vincente per l’1-0 che fa perdere un po’coraggio agli atalantini. Ancora il capitano nerazzurro trova la via del gol, sempre di testa, su cross di D’Ambrosio (ottima partita la sua) che mette in mezzo con il piede più debole, il sinistro. L’ingresso di Petagna causa qualche grattacapo alla retroguardia dell’Inter, ma Handanovic è ancora bravo a chiudere lo specchio alle conclusioni dell’ex Milan.

A fine partita Icardi si è detto rammaricato di non aver segnato nelle occasioni capitategli nel primo tempo ma comunque soddisfatto della prestazione della squadra e del risultato. Anche Spalletti loda i suoi pur senza parlare apertamente della lotta scudetto. Ha inoltre ammesso di aspettarsi altri quattro o cinque giocatori nella prossima finestra di mercato, in modo da avere una rosa che permetta le rotazioni per mantenere una freschezza fisica e mentale nel finale di campionato, quando ci si giocherà le posizioni nella parte alta della classifica.

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here