6.1 C
Venezia
domenica 05 Dicembre 2021

Infermiera che si scattava foto con i morti assolta dall’accusa di aver ucciso

HomeMorti in corsiaInfermiera che si scattava foto con i morti assolta dall'accusa di aver ucciso
la notizia dopo la pubblicità

Entra e fa uscire la figlia: infermiera killer condannata. Uccideva anziane con un'iniezione

Daniela Poggiali ha esultato quando la Corte di assise di
appello ha letto la sentenza che l’ha assolta dall’accusa di
omicidio.

“Sì! Sì!”, ha gridato l’ex
infermiera dell’ospedale di Lugo, prima che la polizia
penitenziaria si frapponesse tra lei e i giornalisti e la
portasse fuori dalla piccola aula del palazzo di giustizia, in
direzione del carcere di Bologna, anticamera alla libertà
disposta contestualmente alla sentenza che ha cancellato
l’ergastolo.

“Mi hanno dipinto per quello che non sono, e adesso
mi riprendo in mano la mia vita”, le sue prime parole all’uscita
dell’istituto penitenziario. “Voglio riprendere la mia vita
normale e tranquilla, mamma mia che fatica!”, ha aggiunto, prima
di salire in macchina verso la libertà che le mancava da ottobre
2014.

Ad attenderla c’era Luigi Conficconi, l’ex fidanzato. “La
Daniela ha detto che stasera vuole mangiare un gelato”, aveva
spiegato poco prima. In aula era scoppiato in lacrime prima
ancora che i giudici leggessero il dispositivo. Hanno pianto
anche le due sorelle dell’imputata, Claudia e Barbara: “Siamo
contente di questo risultato – hanno detto poi – perché
finalmente è stata fatta giustizia, anche se quello che è stato
tolto a Daniela non le sarà restituito”.

“Questi ribaltamenti processuali ripetuti sono espressione
del fatto che in questa fase storica nella giurisprudenza
italiana convivono espressioni culturali diverse”, è il commento
dell’avvocato Lorenzo Valgimigli, entrato nella difesa Poggiali
nel processo di secondo grado, affiancando l’altro legale,
Stefano Della Valle, che ha parlato di “sentenza importante per
il presupposto giuridico forte per il contesto scientifico nel
quale è maturata la decisione dei giudici”.

La figlia di Rosa Calderoni, la 78enne morta a Lugo l’8
aprile 2014, è “profondamente addolorata, perché non avrà mai
certezza di quello che è successo alla sua mamma”, spiega
l’avvocato di parte civile, Maria Grazia Russo. “Ha assistito ad
un processo di primo grado in cui sono state dette certe cose e
ad un processo in secondo grado in cui tre medici hanno messo
dei dubbi su circostanze fondamentali, ma questo non significa
avere certezze”, ha detto il legale, secondo cui “evidentemente
l’attività istruttoria fatta dalla Corte di assise di appello ha
spostato l’ago della bilancia quantomeno per la causa della
morte”.

L’assoluzione di Poggiali, rischia ora di cambiare il destino
di un altro processo, quello che coinvolge Giuseppe Re, l’ex
primario di Medicina Interna dell’ospedale di Lugo, imputato per
non aver dolosamente impedito un evento, cioè l’omicidio
volontario addebitato a Poggiali. “Oggi si sono poste le
condizioni per evitare un clamoroso errore giudiziario”, ha
detto il suo difensore, l’avvocato Guido Magnisi.

► Entra e fa uscire la figlia: muore anziana per un’iniezione. Infermiera killer condannata
► L’infermiera di Saronno accusata di omicidio della madre e del suocero

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...