4.2 C
Venezia
domenica 05 Dicembre 2021

Infermiera arrestata, aveva il “vizietto” del bancomat dei pazienti

HomeNotizie VenetoInfermiera arrestata, aveva il "vizietto" del bancomat dei pazienti
la notizia dopo la pubblicità

bancomat manomessi banconote non uscivano arrestati

Infermiera, ma col “vizietto”. Bancomat, pin, di pazienti e amici, ma anche farmaci, ricette, e chissà cosa altro ancora tra i suoi obiettivi.

Anca Viorica Petrehus, 33enne romena, infermiera dell’Azienda ospedaliera di Padova (con
precedenti), soprannominata “Circe”, è stata arrestata oggi dai carabinieri della compagnia di Abano Terme (Padova) che le hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

L’infermiera, attualmente in carcere a Verona, era stata arrestata il 7 marzo quando, introdottasi nella struttura assistenziale Oic, era entrata nella camera di un 78enne disabile e aveva cercato di rubarne il bancomat.

I carabinieri hanno scoperto che già nei giorni precedenti la donna aveva sottratto il bancomt e non era riuscita a prelevare solo per problemi alla cassa continua.

Dalle immagini di videosorveglianza si è poi scoperto che la donna aveva sciolto un medicinale in un bicchiere, risultato poi essere un tranquillante, e l’aveva sostituito al bicchiere dell’anziano per farlo addormentare e poterne prendere indisturbata il
bancomat.

Ad Anca Viorica Petrehus vengono ora mosse altre accuse: l’uso di una postepay sottratta a un negoziante con la quale ha prelevato 2mila euro, il furto nella casa di una vicina, di cui aveva scoperto il pin del bancomat dopo aver preso con lei un gelato, per poi averglielo riconsegnato quando la donna si è accorta della sua sparizione.

L’infermiera è anche accusata di aver preso due carte di credito di una 63enne ricoverata nel reparto di Ortopedia a Padova e di essersi appropriata, in quanto infermiera, di tre ricettari con timbri di vari medici e diverse boccette di ansiolitici dall’ospedale di Padova, che sono state poi ritrovate nell’armadietto della donna.

Infine è accusata di aver rapinato un 54enne padovano, suo conoscente, attirato in casa propria e addormentato con tranquillanti per poterne rubare il bancomat e prelevare 250 euro.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...