COMMENTA QUESTO FATTO
 

Inaugurazione Anno Giudiziario con Brugnaro e Casellati
Si è svolta questa mattina nella sede della Corte d’Appello di Venezia a Palazzo Grimani l’inaugurazione dell’Anno giudiziario 2019, avvenuta, per la prima volta, alla presenza della presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati.

Tra le numerose autorità civili, militari e religiose presenti, c’erano, oltre al sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, il ministro degli Affari regionali e delle Autonomie, Erika Stefani, il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, e il patriarca di Venezia, Francesco Moraglia.

La cerimonia, presieduta dal presidente della Corte d’Appello, Ines Maria Luisa Marini, ha previsto – tra gli altri – gli interventi del procuratore generale della Repubblica, Antonio Mura, e del presidente dell’Ordine distrettuale degli Avvocati, Giuseppe Sacco.

La presidente Marini, in apertura della sua “Relazione orale sull’amministrazione della giustizia nel distretto”, ha voluto rivolgere un sentimento di particolare gratitudine al presidente Zaia e al sindaco Brugnaro “per avere, nell’ambito delle rispettive competenze e possibilità, sempre accolto, con generosità e prontezza, le richieste di supporto della Corte d’Appello, consentendo anche di inserire nelle cancellerie prezioso personale in ausilio”. La presidente ha inoltre messo in evidenza il supporto dell’Amministrazione comunale, che ha approvato il progetto esecutivo per la realizzazione del II lotto della Cittadella della Giustizia. Questo permetterà di unificare a Piazzale Roma, entro il 2021, le sedi della Corte d’Appello di Venezia, contribuendo così a risolvere la criticità data dalla disseminazione degli uffici in città. Infine Marini ha ricordato la Convenzione sottoscritta ieri con il Comune e la Procura Generale che mette a disposizione del personale amministrativo degli uffici giudiziari alcuni alloggi a canone calmierato.

Ha ribadito nel suo intervento l’importanza del “concreto impegno delle istituzioni più prossime alla cittadinanza” anche il procuratore generale Mura, ringraziando per “le iniziative di ausilio al funzionamento delle strutture giudiziarie garantite da Regione Veneto e Comune di Venezia”. In particolare Mura ha definito preziosa la Convenzione sottoscritta per l’assegnazione degli alloggi, perché permette di “attenuare le difficoltà che in passato hanno frenato la scelta di Venezia quale sede di servizio”.

Infine, riconoscenza all’Amministrazione è stata espressa anche dal presidente Sacco, che, oltre a ricordare gli sforzi profusi dal primo cittadino per arrivare al completamento della Cittadella della Giustizia, ha menzionato la Convenzione sottoscritta con il Comune per la sistemazione, a spese dell’Ordine degli Avvocati, di una parte dell’edificio in Fondamenta dei Tabacchi da utilizzare come propria sede, dotata anche di un piccolo auditorium.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here