COMMENTA QUESTO FATTO
 

In Veneto parte Coordinamento per la Democrazia Costituzionale

Una vasta campagna referendaria è ormai alle porte, da mesi migliaia di cittadini con movimenti, associazioni e partiti si stanno organizzando in comitati regionali, provinciali e locali.

L’attuale governo, appoggiato da una maggioranza ottenuta con una legge elettorale dichiarata incostituzionale, dopo averne approvata una nuova (Italicum) a tappe forzate, allo stesso modo vuole cambiare la nostra Costituzione.

Combinate assieme queste modifiche concentrano il potere nelle mani del governo e di chi lo guida dando ad un unico partito, che potrebbe essere espressione di una minoranza, il potere esecutivo e legislativo. Saranno abolite le coalizioni.

La centralità del Parlamento con queste riforme verrebbe ridimensionata in una totale assenza di contrappesi e quindi di diritti per le minoranze.
La Costituzione è di tutti e non di un Presidente del Consiglio.

Riunendosi in questi primi giorni di Marzo singoli cittadini e forze politiche del Veneto Orientale hanno aderito al COOORDINAMENTO PER LA DEMOCRAZIA COSTITUZIONALE (CDC)-

Hanno aderito per il momento : SEL, RIFONDAZIONE COMUNISTA, COLLETTIVO COMUNISTA DEL V.O., PORTOGRUARO VIVE, COMITATO SALUTE E AMBIENTE, SINISTRA JESOLO.

Il Comitato per la Costituzione del Veneto Orientale parteciperà alla campagna referendaria promossa dal CDC per il NO al referendum sulla riforma costituzionale e al comitato per il SI all’abrogazione della legge elettorale Italicum.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here