5.9 C
Venezia
martedì 26 Gennaio 2021

Coronavirus, il patriarca Moraglia: “Europa assente, emergenza sociale imminente. Prepariamoci”

Home Patriarcato di Venezia Coronavirus, il patriarca Moraglia: "Europa assente, emergenza sociale imminente. Prepariamoci"
sponsor

patriarca francesco moraglia messa
Il patriarca di Venezia, monsignor Francesco Moraglia ha celebrato questa mattina la messa della V domenica di Quaresima nella cripta della basilica di San Marco, cuore della città.

sponsor

Nell’omelia il patriarca ha toccato molti punti, utilizzando toni molto duri nei confronti della politica “è inutile pensare a nuove alleanze politiche, siamo un po’ stufi di certi discorsi politici”, e in particolare dell’Europa “che non c’è” in questo momento di emergenza sanitaria per la diffusione del coronavirus.

commercial

Un discorso rivolto al mondo intero. Tra i passaggi più forti:

“Nei prossimi mesi ci sarà l’emergenza sociale – ha detto ad un certo punto Moraglia – l’emergenza della fame. E queste cose, sull’Europa che non c’è quando dovrebbe esserci, le dico con grande tristezza, pensando a quello che l’Europa potrebbe essere, le dico da cittadino italiano ed europeo, ricordando che sono vescovo e non faccio politica, ma sento il silenzio, soprattutto il silenzio di chi non può parlare, ma in modo particolare sento che il silenzio di chi deve parlare e non parla diventa una colpa troppo grande. Siamo di fronte a un’emergenza sociale imminente, è inutile dirlo troppo tardi, diciamolo subito. Prepariamoci”.

Parole che pesano come macigni, ma non sono le uniche nei confronti della politica e dell’Europa nell’omelia di questa mattina.

Moraglia ha aperto con un monito contro la paura e l’egoismo:

“Carissimi – rivolgendosi ai fedeli che lo seguivano da casa, attraverso la diretta facebook e televisiva – stiamo vivendo giorni drammatici, soprattutto in zone del paese a noi non lontane. In questi momenti tragici, ciò che dobbiamo sconfiggere è la paura, il pessimismo, il delegare agli altri. Vivere questi momenti in modo cristianamente responsabile significa sentirsi parte di una comunità”

Il patriarca ha poi citato don Milani con il suo motto “I care”, mi interessa, riferito al prossimo.

“Gli altri mi interessano, non mi sono estranei – ha detto Moraglia – il morire di tanti in questi giorni mi appartiene, mi appartiene personalmente, è il mio morire. I care. Fu don Milani che adottò questo motto contro ogni individualismo e non inventò nulla, semplicemente tradusse il Vangelo: Non c’è amore più grande di dare la vita per i propri amici. I care, mi importa, ho a cuore. Mi sta a cuore la tua e la mia salute”.

Da qui l’invito di Moraglia a rimanere a casa, e non per il rispetto di un diktat, ma come gesto d’amore. Al punto da tirare in ballo il quinto comandamento: “Non uccidere”.

monsignor moraglia patriarca venezia tondo nostra

“Per questo io resto a casa e ci resto convinto – ha proseguito Moraglia – con spirito costruttivo. Aiutando gli altri a starci, non perché obbligati ma come gesto di responsabilità, carità, solidarietà. Il quinto comandamento non è solo “non privare della vita l’altro”, ma tutelare la vita di tutti. In questi giorni di emergenza sanitaria dobbiamo pensare un’altra società, un altro modo di stare con gli altri”.

Moraglia è poi passato a parlare della situazione più in generale che sta vivendo il paese, non solo Venezia, ma il mondo intero.

“Domani vedremo se questa pandemia di cui abbiamo appena visto la punta iceberg, la minima parte, ci ha insegnato qualcosa. Cambieranno gli equilibri di forza a livello finanziario, economico, politico, sociale, nel mondo intero”.

Da qui il primo richiamo alle forze politiche, a chi resta alla finestra, alla retorica che in questo momento non serve a nulla:

“E’ inutile pensare solo a una nuova strategia – ha detto Moraglia – è inutile pensare a nuove alleanze politiche, siamo un po’ stufi di certi discorsi politici”.

“Non basteranno nuove strategie economiche e finanziarie. Anche questo ci vorrà, ma sarà tutto insufficiente se l’uomo non cambierà il cuore e la mente. Qui torna la verità del Vangelo: per troppo tempo ci siamo ostinati a cucire delle pezze nuove su un vestito vecchio, liso”.

E l’attacco all’Europa che non c’è. “L’Europa che oggi dimostra di non esserci, l’Europa che dice, con i suoi leader e i suoi più prestigiosi rappresentanti, che esprime le visioni e gli interessi di una parte. E coloro che sono stati eletti e occupano certi posti ci stanno dicendo questo”.

L’affondo di Moraglia, per svegliare le coscienze: “E nei prossimi mesi ci sarà l’emergenza sociale, l’emergenza della fame. E questa cosa, sull’Europa che non c’è quando dovrebbe esserci, le dico con grande tristezza, pensando a quello che l’Europa potrebbe essere, le dico da cittadino italiano ed europeo, ricordando che sono vescovo e non faccio politica, ma sento il silenzio, soprattutto il silenzio di chi non può parlare, ma in modo particolare sento che il silenzio di chi deve parlare e non parla diventa una colpa troppo grande. Siamo di fronte a un’emergenza sociale imminente, è inutile dirlo troppo tardi, diciamolo subito. Prepariamoci”.

Il Patriarca ha inoltre spiegato il messaggio del Vangelo, il trionfo di Dio, che è vita, sulla morte e l’oscurità.
“Lazzaro che con le sorelle Marta e Maria – ha ricordato Moraglia – era amico di Gesù, è morto. La morte non risparmia nessuno, lo possiamo ben dire in questi giorni, neanche gli amici di Gesù. Ma Gesù con il suo modo di andarle incontro dice che la morte è una sconfitta, egli infatti è più forte della morte. Gesù è il vincitore della morte”.

I Punti più importanti dell’omelia di Moraglia:

“L’Europa potrebbe farci vedere in questa emergenza quanto è essenziale e decisiva, importante”.

“Dobbiamo sconfiggere la paura”.

– “Viviamo questi momenti in modo responsabile: gli altri mi interessano e il morire di altri mi appartiene”.

– “I care” – “Mi importa, mi sta a cuore!”

– “Dobbiamo pensare ad una nuova società. Ci sarà l’emergenza della fame. Inutile pensare solo ad una nuova strategia o nuove alleanze politiche”.

– “L’uomo deve cambiare il cuore e la mente”.

– “L’Europa, che oggi dimostra di non esserci nei suoi leaders più prestigiosi, esprime visioni e interessi di una parte!”.

– “Il silenzio di chi non parla può essere colpa troppo grande: l’Europa potrebbe farci vedere quanto è essenziale e decisiva”.

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Morte della donna dimessa a piedi dal pronto soccorso, partite le indagini

Ci saranno minuziose indagini conseguentemente al decesso di Fabiana Carone, la povera donna di 52 anni morta dopo aver fatto rientro al proprio domicilio...

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...
commercial

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...

Altro bambino di 9 anni muore con la corda al collo. Social, sfida, gioco: qual è la matrice di questa follia?

Un altro bambino, questa volta di 9 anni, è morto impiccato in casa. Espressione dura che descrive tutta la crudezza di questa follia che...

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...
sponsor

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

Coronavirus Venezia, la seconda ondata si sta ritirando

Coronavirus Venezia e provincia, la seconda ondata da segni di regressione. Il primo segno si può interpretare con il tasso di occupazione dei posti letto. I...

Giovane fermato alla guida, ma non ha mai preso la patente. In auto droga e Taser

Compagnia Carabinieri di Venezia Mestre attenta e presente nei controlli coordinati del centro città e periferia. Tra i vari reati accertati ieri la condotta grave...
commercial

Mestre, sabato ore 18: centinaia per lo spritz senza mascherina [video]. Lettere

Mestre, sabato sera: poche ore fa. Il video parla da solo. La segnalazione del lettore questa volta produce le prove incontrovertibili di come (alcuni) giovani se...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Ancora Legge n. 104. Cosa posso fare e non posso fare durante i giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap. Quali...

Coronavirus Venezia, nuovi positivi con leggera ripresa

Coronavirus Venezia (e provincia) una giornata in chiaro-scuro quella che va dalle ore 17 di martedì alle ore 17 di mercoledì. In attesa che i...

Una famiglia distrutta. Tragedie del Covid, tragedie a cui manca un perché

Una famiglia distrutta dal Covid. Sterminati i genitori e il figlio. Una tragedia del Veneziano, della nostra provincia, al punto che ha fatto dire...

Covid: pazienti morti per colpa del medico? Dottore arrestato per improprio uso farmaci

Pazienti morti non per il Covid ma per colpa del medico? Un dottore è stato arrestato e posto agli arresti domiciliari per questa ipotesi. Va...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.