7 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

HomeNataleIl Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?
la notizia dopo la pubblicità

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

Natale si avvicina, c’è da tutelare la salute – con i contagi che continuano a salire – ma anche il Pil oggi positivo.

Non sono più tollerabili – è la convinzione diffusa nel Governo – ad esempio i cortei dei ‘no green pass’ che ogni sabato occupano i centri storici di tante città, bloccando le vie dello shopping. “Ci fanno perdere il 30% del fatturato, inaccettabile”, è il grido d’allarme del presidente di Confcommercio Carlo Sangalli.

Il Viminale sta già lavorando ad una circolare: stop alle manifestazioni nei luoghi più sensibili per le attività commerciali ed in quelli a rischio disordini. Una stretta che ha il pieno sostegno del capo dello Stato. “In queste ultime settimane – ha detto Sergio Mattarella – manifestazioni non sempre autorizzate hanno tentato di far passare come libera manifestazione del pensiero l’attacco recato al libero svolgersi delle attività. Accanto alle criticità per l’ordine pubblico, sovente con l’ostentata rinuncia a dispositivi di protezione personale e alle norme di cautela anticovid, hanno provocato un pericoloso incremento del contagio”.

Basterà? O ci troveremo a dover vivere le festività con limitazioni se le curve della pandemia dovessero continuare a salire?

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 6.032 nuovi positivi al Covid e ben 68 vittime, dati che confermano una progressione nelle ultime settimane con i contagiati nuovamente sopra la soglia dei 100mila dopo un mese e mezzo.

Continuano a crescere i pazienti in terapia intensiva: sono 421 (6 in più rispetto a ieri) ed i ricoverati nei reparti ordinari: 3.536 (+74).
L’Agenas segnala la risalita – dopo settimane di stabilità – della percentuale di posti in terapia intensiva occupato (dal 4 al 5%).

Friuli Venezia Giulia e Marche superano la soglia di allerta del 10% (sono all’11%), che rappresenta uno dei parametri per il passaggio di una regione in zona gialla.
In sette regioni, poi, sale l’occupazione dei posti letto ordinari, restando comunque ovunque sotto la soglia di allerta del 15% (è al 6%).

Sul fronte vaccini, si cerca di accelerare sulle terze dosi. Ieri ne sono state fatte 112.527, il terzo miglior risultato da quando è iniziata la nuova fase della campagna vaccinale.
Bene anche le prime dosi (18.110) che hanno realizzato il miglior livello di somministrazione dall’inizio del mese di novembre.
Le persone immunizzate sono salite a 45.225.703, pari al 76,3% della popolazione.

La curva in salita dell’infezione, così come il grido d’allarme dei commercianti, ha imposto una stretta del Viminale contro le manifestazioni.
Le direttive sono state illustrate dal sottosegretario all’Interno, Carlo Sibilia: saranno concessi – ha spiegato – solo sit-in e fuori dai centri storici; nelle manifestazioni statiche si dovrà indossare la mascherina e saranno intensificati i controlli sui green pass.

A fare da apripista è stata nei giorni scorsi la prefettura di Trieste che ha vietato fino al 31 dicembre la concessione ai manifestanti di piazza Unità d’Italia, ormai diventata il teatro delle proteste in città.
Allo stesso modo gli altri prefetti individueranno zone off limits da salvaguardare dalle proteste: centri storici, aree con attività commerciali, palazzi istituzionali ed edifici ‘sensibili’.

Le indicazioni del Viminale lasceranno comunque agli stessi prefetti margini per adattarle alle varie città, che presentano problematiche differenti.

Sul piede di guerra la galassia No green pass. Per Stefano Puzzer, portuale a capo della protesta a Trieste, “tutte le limitazioni alle libertà delle persone sono sbagliate. Ci informeremo se queste direttive sono lecite”. Se lo saranno, aggiunge, “le rispetteremo, altrimenti ci opporremo per vie legali”.

Marco Liccione, portavoce del movimento ‘Variante Torinese’ che da settimane organizza le proteste a piazza Castello, sostiene che “non possono vietarci di manifestare. Leggeremo la circolare e, per il bene delle persone che aderiscono alla manifestazione e per rispetto dei commercianti, valutiamo per sabato di cambiare luogo di ritrovo”.

A Milano il Comitato che promuove i cortei del sabato ha annunciato lo scioglimento e il conseguente stop delle trattative con la questura perché “dopo questo sabato, per noi è diventato impossibile sederci al tavolo con chi ha rinchiuso centinaia di manifestanti pacifici in una via e li ha trattati peggio dei criminali”.

Sullo sfondo proprio i commercianti che manifestano i propri timori per il periodo di Natale, quello deputato a fare gli incassi perduti nei mesi addietro.
Due i pericoli concreti: che i manifestanti facciano perdere la voglia di andare per strada ai potenziali clienti, e che la curva dei contagi continui a risalire imponendo nuove ristrettezze.

Sono quelli che hanno superato il lockdown e le chiusure forzate, che hanno visto loro colleghi chiudere bottega e che hanno paura di non farcela. Ma, alla fine, tra mille difficoltà, facendo rete, sono arrivati fino a qui, guardano avanti – alla ripresa economica – e vedono il loro futuro inevitabilmente intrecciato a quello dell’Italia.

Sono le imprenditrici e gli imprenditori che, a quasi due anni dall’inizio della pandemia, tirano le somme di quanto accaduto, cogliendo l’occasione anche per mandare un messaggio alla politica: “Serve maggiore dialogo”.

continua a leggere dopo la pubblicità

» leggi anche: Lockdown per chi non ha il pass: l’Austria passa alle maniere forti

» leggi anche: La riapertura di Draghi quanti morti evitabili causerà? Il mancato lockdown della seconda ondata ne costò 18mila. Lettere

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Paolo Pradolin
Giornalista e conduttore radiofonico, una lunga carriera trascorsa tra giornali e radio. Musica e teatro le sue passioni, con la sua Venezia sempre al primo posto di ogni avventura e esperienza

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. A nessuno,che sia al governo o che sia un cittadino, interessa la questione salute. Per nascondere questa ipocrisia piuttosto mille dosi che affrontare il problema di rispetto delle norme covid, anzi solo per quei cattivoni dei nomasknovaxnogreenpass, gli altri vaccinati potranno stare
    ammassati senza mascherina o nei buffet degli alberghi a prendere il cibo con le mani

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott. Dina Sandon è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Reliquie Santa Lucia da Venezia alla Sicilia con assistenza della Polizia

Santa Lucia da Venezia alla Sicilia Domenica 14 dicembre, la Polizia di Stato accompagnerà “Santa Lucia” nel suo prossimo viaggio in Sicilia. Alle 7:30 del mattino le spoglie della Santa saranno portate, con imbarcazioni della Polizia di Stato, dalla basilica dei Santi Geremia...
spot

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...
Advertisements

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.