COMMENTA QUESTO FATTO
 

Maltempo: neve e gelo, in Abruzzo 200 mila senza luce

Il gelo che ha colpito in queste ore l’Italia continuerà a sferzare nelle prossime ore in particolare le regioni meridionali.

Continueranno infatti gli effetti del flusso di correnti fredde provenienti dal nord Europa che ancora nelle prossime ore comporterà il persistere di forti venti al sud e una sensibile diminuzione delle temperature con nevicate a quote molto basse su Sicilia e Calabria.

Per questo la Protezione civile ha emesso un nuovo avviso di condizioni meteorologiche avverse: allerta gialla per la giornata di domani su Abruzzo e su gran parte della Sicilia.

Le massime diurne di sabato risulteranno però in contenuto rialzo, preludendo a un aumento più significativo nella giornata di domenica.

Il forte vento ha contribuito ad alimentare un vasto incendio divampato ieri sera sul monte Martica, in provincia di Varese, che ha visto oggi impegnati oltre 150 uomini e distrutto centinaia di ettari di bosco.

Coldiretti intanto lancia l’Sos per le campagne e fa sapere che per preservare gli allevamenti alcuni allevatori stanno mettendo i cappotti ai vitellini.

E’ arrivata la neve nelle Marche, soprattutto nelle zone terremotate appenniniche del Fermano, Ascolano e del Maceratese. La neve è caduta anche in diverse zone dell’Umbria, non solo sull’Appennino: imbiancate Foligno e tutta la zona di Gualdo Tadino e Gubbio.

Disagi si sono registrati lungo la Flaminia nel Folignate. Neve e ghiaccio su gran parte del Molise, in particolare quello centrale e occidentale, con temperature in ulteriore calo.
Le temperature hanno raggiunto i -11 gradi a Capracotta (Isernia).

La Basilicata oggi si è svegliata sotto la neve e con temperature di alcuni gradi sotto lo zero: i disagi principali sono stati segnalati nella provincia di Matera.

A causa del maltempo, il sindaco di Potenza, Dario De Luca, ha disposto la chiusura degli asili nido per le giornate di oggi e domani.

In tutta la Basilicata poi sono state rinviate tutte le gare di calcio a 11 dei campionati regionali. Problemi nell’Aquilano, sull’altopiano delle Cinque Miglia dove, all’abbondante nevicata, si sono aggiunte raffiche di vento di forte intensità.

La notte scorsa a Campobasso, dove l’altezza delle neve ha raggiunto circa 30 centimetri, si sono registrati -4 gradi, picchi più elevati nelle zone di montagna.

Neve e freddo pure a Salerno e nella zona a Sud: la neve ha imbiancato diversi centri del Vallo di Diano, Tanagro ed Alburni, con rallentamenti per la circolazione veicolare. Il Sannio si è svegliato completamente imbiancato e con le temperature sotto lo zero.

Tormente di neve nelle zone interne dell’Irpinia.

Disagi si sono verificati nel traffico aereo negli aeroporti pugliesi, in particolare a Brindisi, dove complessivamente 22 voli sono stati dirottati in arrivo o in partenza o cancellati.

Nevica a bassa quota e sulla costa nel territorio della provincia di Barletta-Andria-Trani e le raffiche di vento continuano a battere il territorio. A Barletta hanno causato la caduta di tre grossi pini nei pressi del castello.

Fiocchi su Palermo e le colline attorno; neve anche sulla sommità di Montepellegrino, vicino al santuario. Eolie ancora isolate; in alcune isole dell’arcipelago è nevicato a bassa quota. Una leggera spruzzata di neve ha ricoperto il Vesuvio.

Temperature in picchiata anche in Sardegna, con il record a Fonni, nel nuorese, dove la minima oggi è stata di -8 gradi.
Il 70% dei treni regionali vengono garantiti da Fs.

Con l’arrivo del gelo il Vaticano ha dato l’avvio al Piano freddo che prevede più posti letto a disposizione dei senzatetto e la distribuzione di un numero maggiore di sacchi a pelo.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here