lunedì 17 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Igienizzanti non conformi in vendita: maxi sequestro dei Carabinieri di Venezia e Nas Treviso

HomeDpiIgienizzanti non conformi in vendita: maxi sequestro dei Carabinieri di Venezia e Nas Treviso

I Carabinieri del N.A.S. di Treviso e del Nucleo Natanti di Venezia, al compimento di una serie di accertamenti presso un’azienda di prodotti cosmetici operante in provincia, in attività da giugno 2020, giovedì hanno proceduto al sequestro di circa 5.000 flaconi di prodotti igienizzanti di diversa tipologia e di circa 250 Kg di prodotto sfuso pronto per essere confezionato, perché privi delle notifiche ministeriali di sicurezza, obbligatorie per legge.
Tutto nasce da una serie di controlli che, in periodo di pandemia, i Carabinieri del Nucleo Natanti hanno effettuato in diverse attività commerciali del capoluogo marciano e che hanno portato, già nei giorni scorsi, al sequestro di prodotti per il corpo non conformi alla legge.
Partendo da queste verifiche, i Carabinieri, con l’apporto fondamentale dei loro colleghi del N.A.S., sono riusciti a ripercorrere, a ritroso, la filiera commerciale di alcuni di questi prodotti, fino a risalire all’azienda controllata ieri.
Nello specifico, dalle verifiche compiute, si è appurato che la merce sequestrata

non era registrata nel portale C.P.N.P.(Cosmetic Products Notification Portal), voluto dalla Commissione Europea. Tale banca dati contiene tutte le informazioni relative ai prodotti di cosmesi (produttore, ingredienti, etichetta etc.), necessarie a garantire una cornice di sicurezza e trasparenza per i consumatori.
Al termine delle verifiche, ai titolari delle varie attività commerciali sottoposte a controllo, sono state elevate sanzioni amministrative per un totale di oltre 3.000 €uro.
Con l’emergenza pandemica in atto e con il conseguente “business” su D.P.I. e prodotti per l’igienizzazione, i militari dell’Arma, hanno avuto modo di riscontrare, nel tempo, diverse irregolarità nello specifico settore.

(Rip.)
I Carabinieri del N.A.S. di Treviso e del Nucleo Natanti di Venezia, al compimento di una serie di accertamenti presso un’azienda di prodotti cosmetici operante in provincia, in attività da giugno 2020, giovedì hanno proceduto al sequestro di circa 5.000 flaconi di prodotti igienizzanti di diversa tipologia e di circa 250 Kg di prodotto sfuso pronto per essere confezionato, perché privi delle notifiche ministeriali di sicurezza, obbligatorie per legge.
Tutto nasce da una serie di controlli che, in periodo di pandemia, i Carabinieri del Nucleo Natanti hanno effettuato in diverse attività commerciali del capoluogo marciano e che hanno portato, già nei giorni scorsi, al sequestro di prodotti per il corpo non conformi alla legge.
Partendo da queste verifiche, i Carabinieri, con l’apporto fondamentale dei loro colleghi del N.A.S., sono riusciti a ripercorrere, a ritroso, la filiera commerciale di alcuni di questi prodotti, fino a risalire all’azienda controllata ieri.
Nello specifico, dalle verifiche compiute, si è appurato che la merce sequestrata

non era registrata nel portale C.P.N.P.(Cosmetic Products Notification Portal), voluto dalla Commissione Europea. Tale banca dati contiene tutte le informazioni relative ai prodotti di cosmesi (produttore, ingredienti, etichetta etc.), necessarie a garantire una cornice di sicurezza e trasparenza per i consumatori.
Al termine delle verifiche, ai titolari delle varie attività commerciali sottoposte a controllo, sono state elevate sanzioni amministrative per un totale di oltre 3.000 €uro.
Con l’emergenza pandemica in atto e con il conseguente “business” su D.P.I. e prodotti per l’igienizzazione, i militari dell’Arma, hanno avuto modo di riscontrare, nel tempo, diverse irregolarità nello specifico settore.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Scavi nella laguna di Venezia: le posizioni contrapposte

Scavi nella laguna di Venezia: posizioni contrapposte fra Ambientalisti e Corila. Ma alla fine della diatriba l’ultima parola l’avrà il VAS (valutazione d’impatto ambientale) che sugli scavi in laguna ha già espresso e motivato il suo giudizio negativo che collima e...

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...